Skip to content

Gheddafi: la fine di un dittatore - Immagini e parole di una guerra mediatica

Informazioni tesi

  Autore: Carmine Rizzo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Rosario Giordano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

Tracciare un profilo ben preciso della figura di Mu’ammar Gheddafi è un’impresa piuttosto complicata. La sua condotta è stata caratterizzata da enormi contraddizioni, da promesse non mantenute e da speranze tradite. Teatralità mista a populismo, schiettezza e ambiguità, provocazione e compromesso, hanno sempre contraddistinto i suoi discorsi alla nazione e al mondo, minandone spesso la credibilità.
La sua è stata una vera e propria dittatura in cui i diritti dei singoli sono stati subordinati al bene di tutto il popolo; anche se rinuncia, formalmente, ad ogni carica politica nel 1979, fregiandosi solo dei titoli di qa’id (guida) e mu’allim (maestro), egli mantiene di fatto tutto il potere. Eliminazione fisica degli avversari politici, militarizzazione delle classi dirigenti e populismo sfrenato sono gli espedienti di cui il Colonnello si è servito per governare per ben quarantadue anni.
Ma in quarantadue anni (1969, colpo di stato degli Ufficiali Liberi – 2011, guerra civile libica e assassinio di Gheddafi) la Libia è anche passata da un livello di povertà estrema ad un grado di welfare unico nel continente africano. La Libia è stata strumentalmente intrappolata nella “primavera araba” pur avendo molto poco in comune con i suoi vicini egiziani o tunisini che tra l’altro beneficiavano del benessere libico lavorandovi; è iniziata una vera e propria guerra civile in cui però una delle due parti, quella dei ribelli, ha avuto il sostegno fondamentale della NATO; i movimenti pacifisti e le sinistre europee, tradizionalmente scettiche sulle soluzioni militari, non hanno avuto dubbi e si sono schierati, con una parte massiccia dell’opinione pubblica, dalla parte della «coalizione dei volenterosi» composta dalla NATO e dai suoi amici arabi.
I media mainstream, Al-Jazeera e Al-Arabiya su tutte ma anche BBC, New York Times e in Italia la Repubblica ed il Corriere, hanno bombardato il pubblico con notizie agghiaccianti circa la repressione atroce in atto in Libia nei primi giorni della rivolta, non preoccupandosi minimamente di verificare i fatti e di accertare le fonti. La maggior parte delle notizie sulla Libia diffuse dal 21 febbraio in poi, che hanno occupato le prime pagine dei giornali e che hanno plasmato l’indignazione dell’opinione pubblica, si sono rivelate in seguito false o notevolmente gonfiate. L’ONU ha dato copertura legale all’operazione sfornando due risoluzioni che violano gli stessi principi della Carta delle Nazioni Unite, privando uno stato membro della sovranità nazionale e autorizzando, in nome dell’ambiguo concetto della «responsabilità a proteggere”, paesi terzi a spodestare un governo legittimo, riconosciuto internazionalmente e omaggiato fino al giorno prima, e ad armare l’opposizione.
Ripercorrere la vicenda di Gheddafi, e soprattutto la sua fine, significa avventurarsi in trame politiche non molto comprensibili, caratterizzate dalla menzogna e da interessi oscuri legati alla crescente rivalità economica, soprattutto energetica e finanziaria, tra blocco occidentale e paesi emergenti come Cina e Russia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione «Per 40 anni, o magari di piø, non ricordo, ho fatto tutto il possibile per dare alla gente case, ospedali, scuole, e quando aveva fame, gli ho dato da mangiare convertendo anche il deserto di Bengasi in terra coltivata. Ho resistito agli attacchi di quel cowboy di nome Reagan, anche quando uccise mia figlia, orfana adottata, mentre in realtà cercando di uccidere me, tolse la vita a quella povera ragazza innocente. Successivamente aiutai i miei fratelli e le mie sorelle d’Africa soccorrendo economicamente l’Unione africana, ho fatto tutto quello che potevo per aiutare la gente a capire il concetto di vera democrazia in cui i comitati popolari guidavano il nostro paese; ma non era mai abbastanza, qualcuno me lo disse, tra loro persino alcuni che possedevano case con dieci camere, nuovi vestiti e mobili, non erano mai soddisfatti, così egoisti che volevano di piø, dicendo agli statunitensi e ad altri visitatori, che avevano bisogno di “democrazia” e “libertà”, senza rendersi conto che era un sistema crudele, dove il cane piø grande mangia gli altri 1 .» Tracciare un profilo ben preciso della figura di Mu’ammar Gheddafi è un’impresa piuttosto complicata. La sua condotta è stata caratterizzata da enormi contraddizioni, da promesse non mantenute e da speranze tradite. Teatralità mista a populismo, schiettezza e ambiguità, provocazione e compromesso, hanno sempre contraddistinto i suoi discorsi alla nazione e al mondo, minandone spesso la credibilità. La sua è stata una vera e propria dittatura in cui i diritti dei singoli sono stati subordinati al bene di tutto il popolo; anche se rinuncia, formalmente, ad ogni carica politica nel 1979, fregiandosi solo dei titoli di qa’id (guida) e mu’allim (maestro), egli mantiene di fatto tutto il potere. Eliminazione fisica degli avversari politici, militarizzazione delle classi dirigenti e populismo sfrenato sono gli espedienti di cui il Colonnello si è servito per governare per ben quarantadue anni. Ma in quarantadue anni (1969, colpo di stato degli Ufficiali Liberi – 2011, guerra civile libica e assassinio di Gheddafi) la Libia è anche passata da un livello di povertà estrema ad un grado di welfare unico nel continente africano. Nel 2011 la Libia è stata strumentalmente intrappolata nella “primavera araba” pur avendo molto poco in comune con i suoi vicini egiziani o tunisini che tra 1 M.GHEDDAFI,Recollections of My Life: Col. Mu’ummar Qaddafi, The Leader of the Revolution., 8 aprile 2011, in «www.informationclearinghouse.info», trad.it. da «http://www.thepostinternazionale.it/2011/10/il-testamento-di- gheddafi/»

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nato
libia
al jazeera
gheddafi
libro verde
unione africana
idris
lockerbie
tripoli
bengasi
primavera araba
al-arabiya
odyssey dawn
r2p
unified protector
ccr
belhaj
terza teoria universale
striscia di aouzou
risoluzione 731
risoluzione 748
bouchuiguir
risoluzione 1970
risoluzione 1973

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi