Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Attraverso Facebook. Un'indagine empirica

Il mondo sta cambiando, l’attuale fluire degli eventi ha portato con se dei mutamenti che hanno plasmato un uomo diverso, antropologicamente differente da quello tipografico coniato dalla stampa di Gutenberg. Di fronte a tale sconvolgimento sociale, l’intellettuale deve imbattersi nell’arduo tentativo di comprendere come la tecnologia cambierà non solo il nostro modo di comunicare, ma anche di pensare, e, quindi le relazioni interpersonali. Ciò che avviene di fronte ai nostri occhi non è solamente un cambiamento di mezzi: la tecnologia sta già modificando il concetto di tempo, di spazio, di conoscenza e, ancora, potrebbe spingersi più a fondo, fino al pensiero dell’uomo. I mutamenti sociali che affiancano l’innovazione delle tecnologie comunicative agiscono, infatti, sia a livello micro, nelle relazioni interpersonali, sia a livello macro, sulle strutture di potere. Se le società orali erano caratterizzate dall’esistenza di piccole comunità composte da un ristretto numero di persone note, con confini nettamente marcati, dopo l’invenzione della scrittura tali comunità si sono progressivamente allargate, fino ad implodere con l’avvento di internet. La rete va a modificare la cornice di senso legata alle autorappresentazioni di un’intera società, per questo una riflessione sui suoi effetti nelle relazioni interpersonali si impone. Con questo studio si vuole tentare di contribuire ad una più approfondita osservazione critica sugli aspetti sociali dei social network che rappresentano il punto di arrivo di un processo di trasformazione che ha reso il computer uno strumento avanzato di aggregazione di contatti e di frammenti di vita, con i quali non solo gestire e condividere la conoscenza ma anche rafforzare la propria identità. In questa fitta trama di social network, Facebook sta avendo un impatto rilevante sull’ambiente sociale circostante, in quanto fenomeno di massa non per l’elevato numero di persone che lo utilizzano, ma perché i suoi effetti si stanno imponendo all’attenzione di tutti, a prescindere dall’iscrizione al sito. Tale esperienza ha reso realtà virtuale e realtà fisica così intrecciate tra loro che è difficile, se non impossibile, considerarle due mondi separati. L’attenzione maggiore, infatti, si impone proprio su quest’ultime che, costruite un tempo sulla prossimità spaziale, si sono progressivamente spostate verso una dimensione di globalità digitale in cui, allo steso tempo, convergono e si annullano spazio e tempo. Il senso di permanenza nel social network dipende, dunque, dalla capacità di mantenere continuamente la sintonia con un contesto fluido che cambia velocemente e costringe l’iscritto a ricercare sempre nuovi equilibri con se stesso e con la sua rete di contatti, in un contesto in cui la velocità dell’esperienza, l’estensione dei processi simbolici e comunicativi fanno da padroni. Nella prima parte dell’elaborato si è dato spazio alle teorie nate precedentemente ai social network, ai pensieri di chi, parlando di reti e relazioni sociali, aveva, in un certo senso, profetizzato le nuove dinamiche sociali plasmate da Facebook e dai suoi simili. In questa fase si sono riprese teorie di grandi pensatori come Simmel e Wellman in merito alle relazioni sociali, di McLuhan, Meyrowitz e Augè per ciò che concerne il mutamento semantico della dimensione spaziale in cui vive l’uomo postmoderno, e, doverosamente, del sociologo catalano Manuel Castells in merito alle teorie sulla Network Society. La seconda parte è, invece, dedicata all’analisi dei risultati di una ricerca empirica

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Il mondo sta cambiando, l’attuale fluire degli eventi ha portato con se dei mutamenti che hanno plasmato un uomo diverso, antropologicamente differente da quello tipografico coniato dalla stampa di Gutenberg. Di fronte a tale sconvolgimento sociale, l’intellettuale deve imbattersi nell’arduo tentativo di comprendere come la tecnologia cambierà non solo il nostro modo di comunicare, ma anche di pensare, e, quindi le relazioni interpersonali. Ciò che avviene di fronte ai nostri occhi non è solamente un cambiamento di mezzi: la tecnologia sta già modificando il concetto di tempo, di spazio, di conoscenza e, ancora, potrebbe spingersi piø a fondo, fino al pensiero dell’uomo. Partendo dall’analisi di questi cambiamenti che si stanno radicando negli strati piø profondi della nostra società, è possibile leggere l’evoluzione dell’uomo attraverso l’evoluzione dei modi di comunicazione da lui stesso utilizzati, e, di conseguenza, tramite i mezzi stessi di comunicazione. I mutamenti sociali che affiancano l’innovazione delle tecnologie comunicative agiscono, infatti, sia a livello micro, nelle relazioni interpersonali, sia a livello macro, sulle strutture di potere. Dalla scoperta della scrittura fino all’ormai consolidata era internet, i mezzi di comunicazione che si sono susseguiti hanno giocato un ruolo fondamentale sia nel determinare le regole sociali nelle relazioni interpersonali, sia nel tracciare i confini sociali tra individui. Se le società orali erano caratterizzate dall’esistenza di piccole comunità composte da un ristretto numero di persone note, con confini nettamente marcati, dopo l’invenzione della scrittura tali comunità si sono progressivamente allargate, fino ad implodere con l’avvento di internet. La rete va a modificare la cornice di senso legata alle auto- rappresentazioni di un’intera società, per questo una riflessione sui suoi effetti nelle relazioni interpersonali si impone. Con questo studio si vuole tentare di contribuire ad una piø approfondita osservazione critica sugli aspetti sociali dei social network che rappresentano il punto di arrivo di un processo di trasformazione che ha reso il computer uno strumento avanzato di aggregazione di contatti e di frammenti di vita, con i quali non solo gestire e condividere la conoscenza ma anche rafforzare la propria identità. Ci troviamo, infatti, di fronte ad un fitto intreccio tra reti digitali e relazioni sociali, un connubio ancora instabile e dai confini mobili che rappresenta una difficile sfida per gli studiosi, poichØ, per cercare di descrivere tali mutamenti, devono affidarsi ad una cassetta degli attrezzi

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Sara Massarini Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2203 click dal 07/12/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.