Skip to content

Il gruppo. Fattori terapeutici ed affettivita. Un'esperienza tra pazienti bipolari

Informazioni tesi

  Autore: Renata Imbucci
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Cristina Marogna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

Il gruppo è la base di ogni esperienza relazionale.
Il nostro vivere nel mondo passa attraverso esperienze dirette di appartenenza a gruppi specifici. Questi costituiscono, infatti, le strutture entro le quali si sviluppa e si articola l’intera esistenza degli individui ed il nucleo essenziale da cui le persone traggono il nutrimento necessario allo sviluppo del proprio potenziale e alla propria crescita personale.
Il presente lavoro, abbracciando la prospettiva di Yalom, si ripropone di indagare e approfondire il tema del gruppo, delle dinamiche che lo caratterizzano nonché dei benefici che questo tipo di setting può offrire nella cura delle persone.
Il legame tra la vita del singolo e quella del gruppo, che si instaura fin dalla nascita, è un legame imprescindibile che corrisponde all’essenziale dipendenza della nostra specie e contemporaneamente al bisogno di affiliazione e di appartenenza che caratterizza tutto il genere umano e che sorregge le intere e differenti società.
Le persone nascono, si sviluppano ed imparano ad interpretare il mondo, all’interno di gruppi e di fatto tutta l'esistenza corrisponde ad un continuo fluire da un gruppo ad un altro.
Nel presente lavoro ci si è riproposti di andare ad osservare e valutare nel piccolo quegli aspetti generali del gruppo che Yalom definì fattori terapeuti. Secondo Yalom ogni gruppo, proprio perché tale, a prescindere dallo scopo o dall’orientamento in cui nasce, contiene in sé, in potenza, tutti i fattori terapeutici.
La presente ricerca è stata effettuata con un piccolo gruppo di pazienti bipolari cui è stato somministrato sia il questionario per la valutazione dei fattori specifici e aspecifici del gruppo, il Fatas-g, che il questionario per la valutazione dell’alessitimia, la Tas-20; questa scelta è stata motivata dalla doppia ipotesi che il gruppo, oltre a contenere, come sostiene Yalom, dei fattori che possono rivelarsi di per sé terapeutici, possa inoltre costituire uno stimolo e una risorsa preziosa per persone con difficoltà nell’espressione emotiva e relazionale, come ad esempio i soggetti alessitimici.
L’esperienza di condividere con altri il proprio percorso personale all’interno di un gruppo consente alle persone di attivare e sviluppare più sistemi relazionali e di ascoltare e prendere coscienza di più modi differenti di essere al mondo.
Inoltre l’esperienza del sostegno, della coesione e dell’altruismo incondizionato che piano piano si sviluppano tra i membri, unitamente alle informazione, agli spunti e ai feedback che le persone possono ricevere nei gruppi, offrono la possibilità di vedersi di più, di osservare il proprio mondo relazionale in azione ed eventualmente di imitare, per poi imparare, modalità relazionali più evolute. Queste possibilità offerte dal gruppo, aprono la persona ad ulteriori prospettive ampliando la personale capacità di comprensione di se stessi e delle cose.
Non a caso, infatti, il gruppo ha sempre avuto un ruolo centrale all'interno della cura delle persone, basti pensare a tutti i rituali da sempre presenti in grandi aree del mondo dove il gruppo svolge una forte funzione di sostegno e contenimento al malato nel momento della cura.
Le intere società, così come tutta la vita delle persone, sono iniziate nel momento in cui individui separati si sono uniti in gruppo.
I gruppi, infatti, sono, come sostiene anche Yalom, microcosmi sociali che contengono gli elementi essenziali allo sviluppo di tutto il potenziale umano e alla sua più profonda espressione.
Nel presente elaborato, il primo capitolo affronta appunto il tema del gruppo, con un breve excursus storico della terapia di gruppo e un approfondimento circa il pensiero di Yalom e dei suoi fattori terapeutici. Il secondo capitolo affronta il tema dell'affettività presente nei gruppi, dell'alessitimia e dei possibili benefici che un setting di gruppo può avere su pazienti alessitimici. Nel terzo capitolo vengono illustrati il disturbo bipolare e l'approccio psicoeducativo che costituiscono rispettivamente la tipologia e l'approccio seguito dal campione. Infine nel quarto capitolo viene illustrata la ricerca, spiegata la metodologia utilizzata e vengono affrontate l'analisi e la lettura dei dati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il gruppo è la base di ogni esperienza relazionale. Il nostro vivere nel mondo passa attraverso esperienze dirette di appartenenza a gruppi specifici. Questi costituiscono, infatti, le strutture entro le quali si sviluppa e si articola l’intera esistenza degli individui ed il nucleo essenziale da cui le persone traggono il nutrimento necessario allo sviluppo del proprio potenziale e alla propria crescita personale. Il presente lavoro, abbracciando la prospettiva di Yalom, si ripropone di indagare e approfondire il tema del gruppo, delle dinamiche che lo caratterizzano nonché dei benefici che questo tipo di setting può offrire nella cura delle persone. Il legame tra la vita del singolo e quella del gruppo, che si instaura fin dalla nascita, è un legame imprescindibile che corrisponde all’essenziale dipendenza della nostra specie e contemporaneamente al bisogno di affiliazione e di appartenenza che caratterizza tutto il genere umano e che sorregge le intere e differenti società. Le persone nascono, si sviluppano ed imparano ad interpretare il mondo, all’interno di gruppi e di fatto tutta l'esistenza corrisponde ad un continuo fluire da un gruppo ad un altro. Nel presente lavoro ci si è riproposti di andare ad osservare e valutare nel piccolo quegli aspetti generali del gruppo che Yalom definì fattori terapeuti. Secondo Yalom ogni gruppo, proprio perché tale, a prescindere dallo scopo o dall’orientamento in cui nasce, contiene in sé, in potenza, tutti i fattori terapeutici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

terapia di gruppo
disturbo bipolare
alessitimia
tas-20
fattori terapeutici
yalom
fatas-g
valutazione delle psicoterapie
ricerca in psicoterapia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi