Skip to content

Aggressività e violenza ad opera dei minori: il fenomeno dei baby killer

Informazioni tesi

  Autore: Annarita Masieri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Maria Monaco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 213

I fatti di cronaca relativi all’aggressività e alla violenza ad opera di minori da tempo riempiono le pagine di cronaca, suscitando attenzione, stupore, allarmismo e, spesso, una sensazione di impotenza.
In particolare il fenomeno dei baby killer, nelle sue più ampie sfaccettature, dai parricidi agli omicidi di banda, dai riti satanici agli assassini di coetanei, è di grande attualità.
Un fenomeno oggetto di studi e di ricerche in tutto il mondo scientifico, nazionale ed internazionale, per la frequenza di avvenimenti sempre più gravi, la cui attenzione nasce forse anche dal maggiore risalto che ne danno i media.
Accanto allo studio, alla ricerca scientifica, c’è il panico. Il panico di una società che assiste senza sapere come intervenire.
Famiglie che hanno l’impressione di aver sbagliato, famiglie disperate che non riescono a darsi una spiegazione razionale, ragionevole, accettabile.
Ci sono le vittime e ci sono i giovani assassini, giovani che sono vittime di loro stessi. Arrabbiati, delusi, annoiati, disagiati, deprivati, malati.
Il tentativo di questo lavoro è stato quello di dare una spiegazione al fenomeno e nello stesso tempo di tratteggiare il profilo del giovane omicida, ottenendo, alla fine, spunti per delineare prospettive di intervento.
Si è partiti dalla trattazione delle teorie scientifiche che spiegano le basi della condotta aggressiva e il passaggio dall’aggressività alla criminalità.
Si sono approfondite le cause del comportamento violento, dalle patologie alle carenze familiari, affettivo-relazionali ed educative. Si sono illustrati, quindi, i significati della violenza e il ruolo dei mass media nella spettacolarizzazione del fenomeno e nella facilitazione all’emulazione.
Entrando nel vivo del fenomeno dei baby killer si è delineato il profilo del giovane omicida attraverso le descrizioni emerse dagli studi scientifici.
Sono, in seguito, stati illustrati alcuni casi emblematici saliti agli onori della cronaca.
Ci si è dedicati anche all’esame della giustizia minorile in Italia, attraverso l’analisi della storia, che ha condotto all’introduzione di un sistema giudiziario dedicato ai minori, e attraverso la descrizione degli organismi che ne fanno parte e dei principi che sottendono.
Analizzando i concetti di imputabilità minorile, si è proceduto alla comparazione tra il sistema penale minorile italiano e quelli stranieri, europei e statunitensi, per evidenziare la disparità esistente tra i diversi paesi.
In conclusione, la trattazione ha evidenziato le eventuali prospettive di intervento e le modalità di prevenzione alla luce dei fattori di rischio e delle problematiche emerse nel corso dei capitoli precedenti. Si termina con un esempio progettuale pratico desunto dall’esperienza personale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 “Più del latte materno, più del miele e del burro, più di qualunque squisita bevanda al mondo m’è dolce il sapore del sangue di questo nemico” Mahàbharatam – Antico poema indiano CAPITOLO 1 – MINORI: AGGRESSIVITÀ E VIOLENZA 1.1 Le basi della condotta aggressiva In questi ultimi anni, la percezione comune è quella di un incremento della violenza su larga scala dovuto ad un progressivo sviluppo di rabbia, di odio, di ricerca del potere che si manifesta in un atteggiamento di rivalsa e prepotenza, di attacco al “diverso”, alimentato certamente da molteplici fattori. L’aggressività tuttavia è sempre esistita, e ne è chiara dimostrazione il fatto che diversi autori hanno studiato e tentato di spiegare le cause del comportamento aggressivo. E’ indubbio che non sempre possiamo parlare di identità aggressive, quanto piuttosto di comportamenti aggressivi. Infatti uno stesso individuo che, nell’ambiente sociale in cui abitualmente vive, si comporta con senso civico, rispetto degli altri e delle regole, messo in condizioni estreme e particolarmente avverse può sviluppare un comportamento aggressivo e pericoloso capace di compiere qualsiasi genere di azione violenta (pensiamo ad una guerra, alla privazione della libertà, alla scoperta di un tradimento, alla costrizione di vita in spazi ristretti o con risorse limitate). Lo stesso fenomeno si verifica anche nel mondo animale e in specie diverse. Rousseau era convinto della bontà dell’indole umana che in realtà veniva “corrotta” proprio dal sistema sociale e dalle esigenze della civiltà, mentre Hobbes sosteneva, al contrario, che l’uomo è incline all’aggressività verso i suoi simili e che pertanto le istituzioni sociali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi