Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Stalking: quando le attenzioni diventano persecuzione. La risposta penalistica (art. 612-bis c.p.)

Il presente lavoro è dedicato all’analisi del discusso fenomeno dello stalking tenendo conto del suo impatto sociologico, della risposta penalistica di riferimento e di quel complesso quadro di situazioni giuridiche strettamente connesse allo stesso.
Comunemente con la parola stalking intendiamo identificare un fenomeno che comprende al suo interno una serie di situazioni diverse e disomogenee, accomunate tuttavia da un filo conduttore comune: l’ossessione.
Il richiamo al termine tecnico usato nella caccia inglese, “to stalk” vuol dire “fare la posta” alla preda, è strettamente connesso al comportamento attribuito allo stalker che altro non è che un uomo-cacciatore che studia, osserva, pedina la sua preda in attesa del momento propizio per catturala o aggredirla, intromettendosi nella vita della vittima in modo prepotente e suscitando in lei stati di preoccupazione, timore, ansia .
Il fenomeno iniziò a destare interesse da parte di studiosi sociologici-criminologici sin dagli ultimi anni ottanta, quando si assistette a una serie di episodi di molestie di varia natura le cui vittime erano principalmente personaggi di spicco dello spettacolo: attrici, cantanti, personaggi pubblici.
L’interesse rivolto dai media a questi episodi, ha sensibilizzato gli organi pubblici ad intervenire nei sistemi giuridici con adeguati strumenti di tutela.
Casi come quello della giovane attrice statunitense Rebecca Schaeffer , morta per mano di un suo fan che da anni la perseguitava hanno permesso l’introduzione, nel “pioniere” stato della California, di una legislazione specifica in materia già nel lontano 1991 . I problemi riscontrati, sin da subito, nelle prime sentenze riguardanti i reati di stalking californiane riguardarono l’eccessiva “void for vagueness”, ossia l’eccessiva vaghezza descrittiva della norma incriminatrice, soprattutto rispetto alla reiterazione delle condotte criminose e al così detto “credible threat ", traducibile con “minaccia credibile ” che caratterizzava la fattispecie.
Emergevano, sin da allora, insieme ai profili problematici del fenomeno, le difficoltà di realizzare una norma anti-stalking che fosse meno vaga possibile ma allo stesso tempo quanto meno restrittiva possibile. Il gioco di parole sta a sottolineare la difficoltà riscontrata dai legislatori, americani prima ed europei poi, di trovare un giusto equilibrio tra vaghezza e dettaglio tale da rendere facilmente identificabile un fenomeno per sua natura connaturato e caratterizzato da condotte disomogenee tra loro.
Per comprenderne a pieno le problematiche, procediamo all’analisi, nel paragrafo seguente, del possibile identikit dello stalker e dei tratti caratteristici delle rispettive vittime.

Mostra/Nascondi contenuto.
          5  1 Capitolo primo Rilevanza sociale dello stalking SOMMARIO: 1.1 Perimetro d’indagine. – 1.2 Identikit dello stalker. – 1.3 Le vittime. 1.1 Il perimetro d’indagine Il presente lavoro è dedicato all’analisi del discusso fenomeno dello stalking tenendo conto del suo impatto sociologico, della risposta penalistica di riferimento e di quel complesso quadro di situazioni giuridiche strettamente connesse allo stesso. Comunemente con la parola stalking intendiamo identificare un fenomeno che comprende al suo interno una serie di situazioni diverse e disomogenee, accomunate tuttavia da un filo conduttore comune: l’ossessione. Il richiamo al termine tecnico usato nella caccia inglese, “to stalk” vuol dire “fare la posta” alla preda, è strettamente connesso al comportamento attribuito allo stalker che altro non è che un uomo- cacciatore che studia, osserva, pedina la sua preda in attesa del momento propizio per catturala o aggredirla, intromettendosi nella vita della vittima in modo prepotente e suscitando in lei stati di preoccupazione, timore, ansia 1 . Il fenomeno iniziò a destare interesse da parte di studiosi sociologici- criminologici sin dagli ultimi anni ottanta, quando si assistette a una serie di episodi di molestie di varia natura le cui vittime erano principalmente personaggi di spicco dello spettacolo: attrici, cantanti, personaggi pubblici. L’interesse rivolto dai media a questi episodi, ha sensibilizzato gli organi pubblici ad intervenire nei sistemi giuridici con adeguati strumenti di tutela. Casi come quello della giovane attrice statunitense Rebecca Schaeffer 2 , morta per mano di un suo fan che da anni la perseguitava hanno permesso l’introduzione, nel “pioniere” stato della California, di una                                                          1 In tal senso, DE FAZIO L. – GALEAZZI G. M.,“Stalking: il fenomeno e la ricerca”, Moderna Group on Stalking, a cura di “Donne vittime di ” Riconoscimento e modelli di intervento in ambito europeo, Franco Angeli , Milano, 2005. 2 Sono state vittime di stalking personaggi famosi come: Theresa Saldana, Michelle Hunziker, Catherine Spaak, Gwynwth Paltrow, Halle Berry, Irene Pivetti e anche attori maschili quali Richard Gere e Mel Gibson.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maria Laura Borsani Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2934 click dal 28/01/2013.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.