Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nativi Digitali: adolescenti sempre in contatto

Le nuove tecnologie digitali sono arrivate quasi all’improvviso, dal nulla, imponendosi nella società di massa e lasciando spiazzati tutti o quasi, creando un gap molto forte fra coloro nati prima e coloro nati dopo tale “esplosione”.
La tecnologia è diventata un elemento strutturale dell’ambiente in cui ci capita di nascere e vivere. Essa è diventata un’estensione e un vincolo da cui l’uomo contemporaneo non può più sciogliersi.
Mentre facevamo fatica ad abituarci al cambiamento, nasceva in questo mondo “invaso” dalle tecnologie digitali, una nuova generazione, quella dei Ntivi Digitali, per la quale la tecnologia digitale sarebbe stata l’unica tecnologia disponibile. Per questi reale e virtuale sono due piani di una stessa realtà che tendono ad interagire con sempre maggiore naturalezza e frequenza.
I nativi digitali crescono, apprendono, comunicano e socializzano all’interno di questo nuovo ecosistema mediale: essi vivono nei media digitali, non li utilizzano semplicemente come strumenti di produttività e di svago, sono in simbiosi strutturale con essi.
I nativi digitali sono nelle nostre case e nelle nostre scuole, ma presto saranno nelle nostre aziende, nelle istituzioni, nella politica, nell’economia e se costituiranno un problema o no dipende da come riusciremo a comprendere e ad accogliere la loro diversità.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Nel 1990, nei laboratori del CERN (Centro Europeo per la Ricerca Nucleare) di Ginevra, la Rete compie i suoi primi timidi passi. Sotto la guida dell‟inglese Tim Berners-Lee viene progettato e sviluppato il world wide web. Da qui alla diffusione capillare della rete delle reti il passo è breve. Il Web, progettato inizialmente per condividere dati e risultati tra gli scienziati e informazioni segrete a carico delle organizzazioni militari, diventa accessibile a chiunque. Nel 1993 nasce il primo browser 1 user-friendly 2 per la navigazione fra le pagine web, il cui sviluppo conduce a Netscape Navigator 3 , che si diffonde rapidamente. Da allora la Rete ha avuto uno sviluppo rapidissimo. I portali, i motori di ricerca ed i siti di e-commerce fanno la loro comparsa solo alla fine degli anni Novanta. Ma è nel nuovo millennio che la Rete assume una forma inaspettata: nasce il Web 1 Il browser è il programma che permette l‟accesso alle pagine web. Il primo browser a raggiungere un'apprezzabile popolarità internazionale fu Mosaic, seguito poi da Netscape Navigator, che crebbe in fretta e fu la piattaforma su cui vennero messe a punto alcune innovazioni oggi comunissime (come ad esempio Javascript. 2 Per user-friendly si intendono i programmi dotati di interfaccia amichevole, quindi utilizzabili in maniera intuitiva da parte dell‟utente. 3 Netscape Navigator è stato il primo web browser grafico di successo della storia dell'informatica.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Claudio Maturi Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6152 click dal 14/02/2013.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.