Skip to content

In Cammino verso l'Ontologia

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Scoccianti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia teoretica, morale, politica ed estetica
  Relatore: Carla Canullo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

Questo lavoro nasce dall’interesse per l’indagine sull’ontologia in gioco nel passaggio dall’estetica, all’ermeneutica e all’interpretazione nell’opera di Hans Georg Gadamer e di Luigi Pareyson e dal desidero di indagare in che modo e perché l’ermeneutica sfoci nell’ontologia, fin dove giunga l’interpretare, fin dove possa spingersi nella ricerca del senso e dell’ulteriorità che emergono sia nell’opera d’arte sia in un testo e quando, invece, debba arrestarsi di fronte all’essere e alla verità.Pareyson si immetterà, pur con tutte le proprie specificità, nel percorso tracciato da Kant, per poi giungere alla delineazione di una propria teoria estetica, ossia dell’estetica come teoria della formatività che assegna un valore ed un’importanza identiche al soggetto, all’artista che fa l’opera e all’opera d’arte, che si “lascia formare”; per contro Gadamer in Verità e metodo contesta e confuta le affermazioni kantiane e tutta la sua concezione dell’estetica, che ai suoi occhi ha perso di vista la verità, favorendo uno sterile metodologismo, per poi correggere alcune sue affermazioni e rivalutare negli scritti successivi diverse idee di Kant (a partire dall’idea di libero gioco tra intelletto e ragione), facendolo attraverso un dialogo fecondo e sofferto.
La teoria dell’arte e il superamento del dualismo soggetto/oggetto ci conducono verso una nozione di verità che è svelamento dell’essere e non più prodotto di un atto intellettuale, che è accoglimento ed apertura da parte dell’uomo e non più una verità logica; a partire da queste premesse si giunge al passaggio dall’estetica all’interpretazione, non solo dell’opera d’arte e all’analisi del rapporto che intercorre tra infinità delle interpretazioni e unicità di ciò che viene interpretato, tra ulteriorità della verità e molteplicità dei soggetti interpretanti (la Seinsfrage heideggeriana si ripete anche in Pareyson e Gadamer a partire dall’estetica e dall’interpretazione della verità che si manifesta nell’opera d’arte e nel testo, per questo motivo si giunge all’ontologia attraverso l’ermeneutica). Le due ermeneutiche a confronto, quella gadameriana e quella pareysoniana, approdano a conclusioni differenti e apparentemente inconciliabili: Gadamer compie il passaggio dall’opera d’arte in generale al linguaggio, affrontando in modo puntuale il problema della comprensione attraverso la rivalutazione della distanza temporale e la consapevolezza della coscienza della determinazione storica, non cadendo, anzi superando, il doppio tentativo ingenuo e pericoloso di porre il proprio io tra parentesi o di isolare l’opera nell’atto del comprendere. Grazie, invece, alla virtuosità del circolo ermeneutico si spingerà fino alla fusione degli orizzonti, ed affermerà che l’orizzonte di verità del soggetto entra in gioco nell’interpretazione con tutto il passato che lo precede, permettendo, così, una feconda tensione tra tradizione e presente, tra la propria visione e il passato e lo sviluppo di un senso condiviso (il linguaggio non è solamente una tradizione linguistica, ma è nel linguaggio che il mondo e l’essere accadono e vengono a manifestazione, è nel linguaggio che precede ed eccede rispetto ai parlanti, così come il gioco precede i giocatori, che l’essere si dà). L’essenza di questa verità, di questa dell’ontologia in questione, Pareyson la individuerà nella libertà dell’uomo di agire e di scegliere in quanto possibilità per l’individuazione della libertà nell’assoluto, dell’assoluto concepito e tematizzato come pura libertà, tema che emergerà attraverso la critica al pensiero di Heidegger e a tutto l’Esistenzialismo tedesco. Per quanto riguarda Gadamer, il tema della libertà non emergerà mai in modo così netto, (forse per il suo costante riferimento ad Heidegger), ma discostandoci da Verità e metodo e avvicinandoci ai suoi scritti successivi si noterà come, anche per lui, l’ulteriorità e l’infinità del linguaggio, e quindi dell’essere, diventino preminenti rispetto a tutte le interpretazioni.
In conclusione, quindi, quale ontologia, compiendo un passo oltre Pareyson e Gadamer ma partendo dalla questione ermeneutica che entrambi pongono e che in entrambi fa rivivere la verità, abbiamo di fronte? Una verità che sia lasciata libera di essere e di manifestarsi, interpretata e non prodotta dall’uomo, attraverso l’apertura, il confronto e l’ascolto non solo degli altri ma della verità stessa e attraverso una reale prassi ermeneutica ed un dialogo autentico con la verità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Questo lavoro nasce dall’interesse per l’indagine sull’ontologia in gioco nel passaggio dall’estetica, all’ermeneutica e all’interpretazione nell’opera di Hans Georg Gadamer e di Luigi Pareyson. Ovvero desideriamo indagare in che modo e perché l’ermeneutica sfoci nell’ontologia, fin dove giunga l’interpretare, fin dove possa spingersi nella ricerca del senso e dell’ulteriorità che emergono sia nell’opera d’arte sia in un testo e quando, invece, debba arrestarsi di fronte all’essere e alla verità. Emergerà in tutto il pensiero ermeneutico un rifiuto della metafisica come pensiero oggettivante e un riconoscimento del valore di esperienza extra-scientifiche ed extra-metodiche quali la poesia e l’arte. Luigi Pareyson e Hans Georg Gadamer sono due filosofi che hanno attraversato il XX secolo, i cui interessi e lavori si sono intrecciati spesso nel corso degli anni, come altrettanto spesso si sono allontanati, pur nella condivisione dell’indagine ermeneutica. Di Pareyson affronteremo tutto il percorso filosofico dalle opere estetiche al personalismo ontologico ed esistenziale, all’ontologia dell’inesauribile fino all’ultima fase dell’ontologia della libertà, soffermandoci, principalmente, sugli aspetti del suo pensiero che più interessano il nostro lavoro; di Gadamer affronteremo Wahrheit und Methode, ed alcuni saggi successivi, che chiariscono, correggono, a volte confutano le conclusioni alle quali giunse in Verità e metodo. Attraverso il filtro e il lavoro di Pareyson e Gadamer, ci rivolgeremo ad altri filosofi, quali Kant, soprattutto per quanto riguarda la prima parte della Critica della facoltà di giudizio, e Ricoeur − in un dialogo il più delle volte affidato alle note −, utile punto di confronto e di critica sia dell’opera gadameriana, sia in relazione all’opera pareysoniana (nonostante i due filosofi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

estetica
kant
interpretazione
ontologia
heidegger
dio
pareyson
gadamer
male radicale
filosofia ermeneutica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi