Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicare per immagini: aspetti visivi e cognitivi nella comunicazione digitale in rete

La frenetica trasformazione quantitativa e qualitativa delle forme e dei contenuti della comunicazione ipermediale in rete ha colto di sorpresa coloro che attribuivano al medium computer un carattere prevalentemente testuale. Contemporaneamente è stato riconosciuto, definitivamente alla tecnologia informatica, semmai ce ne fosse stato bisogno, un ruolo trainante come quello svolto dalla forza vapore prima e successivamente dall'elettricità nelle rivoluzioni industriali che a partire dal secolo scorso hanno sconvolto il mondo con la loro capacità di alimentare un immaginario collettivo, potente e pregnante. Concetti come ipertesto, ipermedia hanno subito una trasformazione radicale rispetto al contesto culturale e teorico nei quali sono stati pensati, così come la stessa rete mondiale internet, che ricordiamo è nata dal progetto ARPAnet a sua volta concepito per esigenze militari e di sicurezza. La convergenza che si è venuta a stabilire tra le tecnologie informatiche, i media già esistenti e il mondo dell'economia ha prodotto e continua a produrre forme di comunicazione ad alto contenuto sperimentale e certamente non ancora del tutto stabilizzate. Forse proprio la febbrile instabilità dei contenuti e, soprattutto, dei modi della comunicazione in rete, rimane uno dei caratteri che più alimenta l'attesa immaginifica attorno ad essa.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La frenetica trasformazione quantitativa e qualitativa delle forme e dei contenuti della comunicazione ipermediale in rete ha colto di sorpresa coloro che attribuivano al medium computer un carattere prevalentemente testuale. Contemporaneamente è stato riconosciuto, definitivamente alla tecnologia informatica, semmai ce ne fosse stato bisogno, un ruolo trainante come quello svolto dalla forza vapore prima e successivamente dall'elettricità nelle rivoluzioni industriali che a partire dal secolo scorso hanno sconvolto il mondo con la loro capacità di alimentare un immaginario collettivo, potente e pregnante. Concetti come ipertesto, ipermedia hanno subito una trasformazione radicale rispetto al contesto culturale e teorico nei quali sono stati pensati, così come la stessa rete mondiale internet, che ricordiamo è nata dal progetto ARPAnet a sua volta concepito per esigenze militari e di sicurezza. La convergenza che si è venuta a stabilire tra le tecnologie informatiche, i media già esistenti e il mondo dell'economia ha prodotto e continua a produrre forme di comunicazione ad alto contenuto sperimentale e certamente non ancora del tutto stabilizzate. Forse proprio la febbrile instabilità dei contenuti e, soprattutto, dei modi della comunicazione in rete, rimane uno dei caratteri che più alimenta l'attesa immaginifica attorno ad essa. Da una parte infatti si assiste all'introduzione di tecnologie hardware, software e di telecomunicazioni sempre più raffinate e progredite, dall'altro il dispiegamento di forze, capitali e idee, ha trasferito nel nuovo medium una mentalità propria del mondo del

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Andrea Iozzino Contatta »

Composta da 251 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8546 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.