Skip to content

Agenzie di rating: considerazioni sull'industria del credit rating e valutazioni sulla sua bontà

Informazioni tesi

  Autore: Denis Colla
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia degli scambi internazionali
  Relatore: Gloria Gardenal
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 225

Le Credit Rating Agencies (CRA) - originariamente erano concepite come delle società private col compito di fornire opinioni sul merito di credito (credit ratings) dei soggetti che richiedevano dei finanziamenti. Oggigiorno invece i credit rating - oltre ad espletare questa importante funzione - sono utilizzati come benchmark in molti contratti finanziari, processi di investimento, e soprattutto sono diventati il perno della regolamentazione in svariati ambiti. Per tale ragione, è essenziale che le agenzie di rating operino in condizioni di imparzialità perseguendo elevati standard di professionalità e diligenza. Le recenti crisi finanziarie, tuttavia, hanno evidenziato alcune problematicità all’interno del settore del rating, portando alcuni giornalisti, politici ed economisti perfino ad additarle tra i principali responsabili di alcuni recenti fallimenti aziendali (come Enron, Wordcom, Parmalat, Lehman Brother’s). Nello specifico, le principali questioni sono relative a quattro categorie:

•Conflitti di interesse
•Insoddisfacente qualità delle metodologie analizzate e dei rating sviluppati
•Mancanza di trasparenza
•Poca concorrenza nel mercato del credit rating

E’ da queste considerazioni che nasce questo lavoro, avente l’esplicito obiettivo di sviluppare un’analisi dettagliata delle CRA, mostrando il funzionamento del mercato del rating e i suoi principali attori globali. Cercheremo di valutare le caratteristiche peculiari del mercato del rating, il suo sviluppo storico e la sua natura oligopolistica. Valuteremo le pratiche seguite dalle principali agenzie al fine di pervenire alla determinazione del credit rating - come ad esempio il c.d. notching (come dal rating di un’emittente si perviene al rating di un’emissione) - e considereremo le critiche emerse, le risposte delle CRA alle critiche (pubblicazione dei default studies e rating matrix) e le principali proposte sul tappeto per una riforma di questo mercato.
Nell’ultima parte dell’elaborato, tramite un modello econometrico, cercheremo invece di capire su cosa realmente si fondano i giudizi di Moody’s, Fitch e Standard & Poor’s e su quale sia il livello qualitativo del rating.
Nel dettaglio vedremo per il mercato “bancario” e “non bancario italiano” se esiste effettivamente una relazione tra i più importanti indicatori dello stato di salute aziendale (ROE, ROA, indice di liquidità, ecc.) e il rating assegnato alle società: l’idea di base, qualora non si riscontrasse alcun legame, è quella di poter affermare che l’operato delle agenzie di rating, purtroppo non sempre rispecchia i fondamentali delle aziende sottoposte ai loro giudizi.
Con l’evidenza empirica a conforto, si avranno tutti gli elementi per trarre le nostre conclusioni alla domanda: "Do the Credit Rating Agencies Deserve to Exist?”

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Dallo sconquasso delle principali economie mondiali, americana ed europea, gli operatori finanziari, e in generale tutti gli attori del mercato, hanno iniziato a familiarizzare con termini del gergo finanziario come rating e outlook: quotidiani e notiziari televisivi e radiofonici, si sono focalizzati sempre di più su uno dei fattori per i quali si ritiene sia scoppiata la bolla immobiliare dei c.d. subprime, il cattivo operato delle agenzie di rating (Credit Rating Agencies o CRA). Concepite con il compito di mettere gli investitori al riparo da gestioni finanziarie avventate, queste istituzioni da molti sono accusate di aver trascinato sull’orlo del baratro decine di migliaia di risparmiatori che, sui loro rating “AAA” - sinonimo teorico di massima garanzia di restituzione del capitale -, avevano costruito le proprie scelte di portafoglio. Inoltre, i downgrading delle principali CRA - Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch - aumentando notevolmente ed in brevissimo tempo lo spread delle società o degli Stati giudicati, hanno comportato un peggioramento delle capacità degli emittenti di reperire finanziamenti dai mercati obbligazionari. Oggigiorno la cultura del rating porta quindi con sé una serie di ombre, ricche di sospetti, di accuse e di critiche, ma non va dimenticato che, se correttamente impostata e sfruttata, questa cultura ha delle potenzialità enormi, in quanto idonea a servire legislatori, politici, investitori e persino piccoli risparmiatori. Non va scordato, infatti, che le prestazioni delle CRA possono essere un valore aggiunto per la collettività: se messe in condizione di procurarsi e vendere in modo indipendente informazioni sul merito creditizio degli emittenti, i mercati finanziari funzionerebbero sicuramente meglio. Ma allora, come è stato possibile che della piccole società di valutazione creditizia, congegnate agli albori per servire una piccola platea di investitori americani, allo scoppio della crisi finanziaria siano salite sul banco degli imputati? Quali sono stati i “fallimenti” dell’industria del rating e che correttivi sono stati presi dalle diverse Authorities? Come si sono difese le CRA da tali attacchi? Le accuse sollevate trovano una corrispondenza nell’evidenza empirica o sono

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

conflitto di interessi
outlook e watch
qualità del rating
moody's, fitch e standard & poor's
il notching
fattori alla base del rating
rating matrix
procedura di assegnanzione del rating
default studies
modello econometrico basato sul rating

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi