Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La letteratura attraverso i mass media

Il discorso letterario ben si addice al discorso introspettivo. Fare, studiare letteratura è conoscenza, soprattutto di sé stessi prima che degli altri. Oggettivismo dunque che diviene soggettivo o viceversa, e questo perché la letteratura è soprattutto ‘comunicazione’ prima con sé stessi e poi con gli altri . In questo nostro discorso abbiamo voluto un poco ripercorrere le tappe principali che i grandi mezzi di comunicazione hanno svolto nel tempo attraverso la letteratura. In primis la poesia antica con i grandi cantori greci: aedi, rapsodi, poi il teatro e la musica, arti nobili che attingono proprio dai poemi e dalla narrativa. La radio, la televisione moderni ed immediati mezzi di comunicazione. I giornali che pur essendo distribuiti (come del resto radio e tv) alle grandi masse come anche il telefono e i moderni mezzi tecnologici( internet per intenderci), sono al servizio di chi ama informarsi e formarsi. Da Omero a Shakespeare, da Pirandello a George Orwell per la narrativa, da Puccini ai rocker dei nostri giorni per la musica, da Matilde Serao a Montanelli per il giornalismo, abbiamo percorso un viaggio a ritroso per assistere anche alla nascita, agli albori dei vari mezzi comunicativi: radio, libri, tv, musica, internet e supporti tecnologici, i media insomma al servizio della cultura, una cultura sempre più moderna che ha però ancora bisogno di attingere dalle sue fonti più pure.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il discorso letterario ben si addice al discorso introspettivo. Fare, studiare letteratura è conoscenza, soprattutto di se stessi prima che degli altri. Oggettivismo dunque che diviene soggettivo (Reverdy, 1938.) 1 o viceversa, e questo perché la letteratura è soprattutto ‘comunicazione’, prima con sé stessi e poi con gli altri. In questo lavoro si ripercorrono le tappe principali che i grandi mezzi di comunicazione hanno svolto nel tempo attraverso la letteratura (Bertoni, 1912). Questo perché le giovani generazioni si rendano conto che i tanto vituperati mass-media nel discorso formativo non sono stati, e non sono tuttora, tanto inopportuni come vengono designati. e che la letteratura, importante disciplina scolastica affonda le sue radici in tempi remoti, quando ancora non si usava molto scrivere per narrare e poetare. La poesia antica con i grandi cantori greci gli aedi e i rapsodi era decantata oralmente, talvolta accompagnata dalla musica delle cetre. Solo più tardi arrivarono forme canoniche di diffusione letteraria come il romanzo; un romanzo che fu trasposto in teatro e musica. Fu poi la volta di radio e televisione, moderni e immediati mezzi di comunicazione, e infine internet con gli e-book, gli e-blog e i social network. Da Omero, Shakespeare a Pirandello per la narrativa, da Puccini ai rocker dei nostri giorni per la musica, si percorre un viaggio a ritroso per assistere alla nascita, agli albori dei vari mezzi comunicativi: radio, libri, tv, musica, internet e supporti tecnologici, i media insomma al servizio della cultura, una cultura sempre più moderna che ha però ancora bisogno di attingere dalle sue fonti più pure. Questo per incentivare e motivare un’utenza sempre più distratta, disattenta e svogliata, come quella degli studenti di scuola secondaria di secondo grado (i liceali), allo studio di una materia affascinante e motivante come la letteratura che, come si spiegherà nella seconda parte della tesi (dove si andrà a giustificare la forma audiovisiva), si ha ormai avere il vantaggio di averla, grazie anche all’ausilio del web 2.0, a portata di click o, data la nuova forma digitale, con un semplice ‘sfioramento di monitor’. 1 ( Pierre Reverdy, poeta francese, in Le poète secret e le monde exterieur,1938, propone una tesi sull’oggettivismo poetico che diventa soggettivismo. E’ il soggetto che tende verso l’oggetto e non viceversa, favorisce il mondo degli oggetti e lo fa in prima persona, perché anche la poesia o la lirica più oggettiva non può fare a meno di descrivere il soggettivo, e quindi di toccare l’Io, il mondo interiore di ciascuno di noi.)

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Luisa Zampella Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4908 click dal 30/04/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.