Skip to content

La Prevenzione degli Infortuni in Ambito Ecclesiastico

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Ferraiuolo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Tecniche della Prevenzione nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro
  Corso: SNT4
  Relatore: Giuseppe Costa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 40

Lo studio affronta la problematica degli infortuni negli ambienti ecclesiastici, trattando tale problema marginalmente in considerazione di tali luoghi come ambiente di vita e più approfonditamente in relazione agli infortuni che coinvolgono volontari non retribuiti, impiegati in opere di manutenzione ordinaria e straordinaria.
Si è provato a valutare l’incidenza del fenomeno (non contemplato nelle statistiche ufficiali) rilevando, nel corso del 2010, due infortuni mortali; tale dato, riferito ad una forza lavoro ipotetica , posto a confronto con la mortalità per infortuni sul lavoro, ha restituito un’ incidenza fino a sei volte superiore.
Tale rischio trova conferma nel corso delle interviste a parroci ed è documentato da alcune foto, che ritraggono situazioni di pericolo non valutato e che erroneamente si ritiene ampiamente tutelato con coperture assicurative; pertanto di tali polizze si sono verificati limiti e clausole nell’applicabilità ai volontari esecutori di opere di manutenzione e che, ovviamente, non coprirebbe eventuali responsabilità penali. Con l’analisi di quanto disposto dai Patti Lateranensi (1929) e l’Accordo di Revisione degli stessi (1984) si è verificato se vi fossero problemi di competenza territoriale e quindi limiti all’applicazione della Legge.
Definita la piena applicabilità delle norme, ad eccezione di alcuni luoghi (Piazza San Pietro ed il colonnato del Bernini antistante), si è ricostruita, in base a quanto stabilito dal Codice di Diritto Canonico, l’organizzazione gerarchica della Chiesa ed i soggetti sui quali ricade l’obbligo di “garanzia”.
Si è quindi discusso e concluso che la Chiesa, abitualmente ambiente di vita può divenire ambiente di lavoro, che il Parroco assume le caratteristiche proprie del datore di lavoro ed il volontario è da considerarsi a tutti gli effetti un lavoratore.
L’INAIL , quale Ente individuato dalla Legge ad attuare una serie di adempimenti di tipo preventivo, informativo e promozionale in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, è ritenuto interlocutore unico che può sollevare la questione di tale fenomeno, affinché una previsione di Legge applichi forme di tutela verso i lavoratori volontari, in analogia a quanto attuato per gli infortuni domestici, e realizzi in ambito ecclesiastico forme di prevenzione, mediante campagne informative, tramite la Santa Sede e la formazione dei soggetti responsabili alla efficace formulazione di documenti di valutazione dei rischi.
Il Tecnico della Prevenzione, per il suo percorso formativo, è l’ unica figura professionale mediante la quale questa campagna formativa ed informativa può avere attuazione ed è utile ausilio per la predisposizione del Documento di Valutazione dei Rischi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 1. L’ IDEA Entro in una Chiesa cattolica di antica costruzione, alzo lo sguardo e la mia attenzione si sofferma su un lampadario di grandi dimensioni, appeso ad una catena in ferro con evidenti segni di usura, sorge spontanea la domanda: -Qualcuno si occupa di verificarne la tenuta, e ancora, se cedesse causando un infortunio, chi ne sarebbe responsabile?- Abbasso gli occhi e noto un bimbo che corre intorno ad un sostegno malfermo di ceri votivi accesi, poco più in là una parrocchiana che spazza il pavimento ed un’altra, che abbarbicata su qualcosa che ricorda vagamente una scala, è intenta a spolverare una statua; per curiosità chiedo del parroco e mi viene indicato un sacerdote che all’apparenza sembra tanto anziano quanto inconsapevole dei possibili rischi di infortunio. 2. L’OGGETTO I luoghi di culto sono da considerarsi a tutti gli effetti ambienti di “vita”; questi, però, nel momento in cui al loro interno vengono svolti lavori di manutenzione, sia di tipo strutturato con interventi di ditte esecutrici, sia di piccole opere di manutenzione ordinaria come le opere di pulizie, le quali nella maggior parte dei casi sono svolte da parrocchiani volontari senza retribuzione, divengono ambienti di lavoro. Il presente studio non vuole considerare le opere eseguite da ditte specializzate, che senza dubbio rientrano nelle more dettate dalle disposizioni in materia di igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro; si occuperà, invece, marginalmente degli incidenti, considerando la Chiesa come ambiente di vita e focalizzerà maggiore attenzione su tutti quegli interventi effettuati da volontari ai quali, magari, il responsabile fornisce attrezzi e presidi (scale e trabattelli per opere in quota, utensili manuali ed elettroutensili), facendo divenire tale luogo un ambiente di lavoro. Questa tesi è ispirata da due motivi fondamentali: il primo è un’espressione di tutela nei confronti dei volontari, che potrebbero, come spiegheremo di seguito, non avere alcuna tutela indennizzatoria in caso di infortunio; la seconda è rivolta al soggetto sul quale ricade l’obbligo di garanzia e mira a renderlo consapevole, qualora non lo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chiesa
inail
valutazione dei rischi
volontario
infortuni
parroco
clero
infortuni in ambito ecclesiastico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi