Skip to content

L'introduzione del sistema di gestione della performance nelle pubbliche amministrazioni italiane

Informazioni tesi

  Autore: Miriam Ferrara
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e politiche pubbliche
  Relatore: Anna Francesca Pattaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

L'importanza per una pubblica amministrazione di conoscere in modo approfondito la sua performance economico-finanziaria e organizzativa, nasce dall'esigenza di soddisfare al meglio la crescente domanda dei cittadini circoscritta in un'ottica di miglioramento della qualità dei beni e servizi offerti e di accountability, ovvero la capacità di saper comunicare in modo trasparente alle parti interessate, quanto è stato fatto nel corso delle proprie attività in termini di impiego, trasformazione e distribuzione delle risorse sul territorio, nonché di risultati ottenuti. Ecco spiegate, in sintesi, le ragioni da cui trae origine il decreto legislativo 150/2009, più comunemente conosciuto come Riforma Brunetta, una riforma che, articolata in 74articoli, punta tutto sul concetto di performance nella Pubbliche Amministrazioni e ne individua le principali fasi secondo cui articolarne il ciclo di gestione e i meccanismi da attuare in fase di misurazione e valutazione della stessa. La tesi ivi presentata è una sorta di omaggio al decreto e si propone di analizzare, nel dettaglio, i pilastri sui quali lo stesso regge, in materia di performance e di sistemi e metodi di rilevazione e valutazione. In particolare, il capitolo uno fa un cenno al contesto nel quale si inserisce il decreto legislativo 150/2009 e ne esamina i punti chiavi racchiusi al suo interno, quali valutazione, trasparenza e premialità.
Il secondo capitolo si apre con una definizione classica del concetto di performance multidimensionale nelle pubbliche amministrazioni italiane e ne sviluppa l'intero ciclo di gestione, con riferimento ai principali documenti previsti dalla normativa. Il terzo capitolo, infine, presenta una realtà reale, la procedura , che, considerando gli adempimenti introdotti dalla riforma, nasce come sostegno agli Enti Locali, accompagnandoli nella redazione di un pacchetto informativo, contenente dati ed elementi che permettono di conciliare il rispetto degli obblighi normativi, con la salvaguardia e il monitoraggio della missino dell'ente locale e quindi di tutti gli obiettivi e finalità che ognuna delle organizzazioni si promette di raggiungere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO 1 UNO SGUARDO ALLA RIFORMA 1.1 Contesto nel quale si inserisce il D.lgs. 150/2009 Il rapporto di pubblico impiego è stato caratterizzato nel corso degli anni da un processo di riconduzione dei rapporti di lavoro sotto la disciplina del diritto privato. Il Decreto legislativo 3febbraio 1993 n.29, emanato in forza della delega conferita con la legge n. 421/1992, sancisce la prima fase di quello che viene comunemente definito “processo di privatizzazione del pubblico impiego”, una fase diretta essenzialmente a ricondurre i rapporti di lavoro e di impiego dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni sotto la disciplina del diritto civile e regolare gli stessi mediante contratti collettivi ed individuali. L’innovativa legislazione, si colloca nell’ambito della riserva di cui all’art. 97 Cost., che prevede che i pubblici uffici siano organizzati in base a norme di legge in modo che ne siano assicurati il buon andamento 1 e l’imparzialità 2 . Diversi presupposti stanno alla base della riforma in questione. Ci si propone di migliorare l’efficienza, la produttività, nonchØ l’organizzazione stessa delle amministrazioni e di realizzare un controllo centralistico della spesa per il settore del pubblico impiego. Vengono introdotti per la prima volta i concetti di economicità e trasparenza; nelle materie soggette alla disciplina del codice civile, delle leggi sul lavoro privato e dei contratti collettivi, viene riconosciuta alla pubblica amministrazione la capacità di operare con i poteri propri dei datori di lavoro privati ed in materia di controversie di pubblico impiego, la giurisdizione viene trasferita dal giudice amministrativo al giudice ordinario. 1 L’espressione abbraccia sia la relazione fra risorse (umani e materiali) impiegate e risultati ottenuti (concetto di efficienza in senso stretto), che il rapporto tra risultati ottenuti e obiettivi prestabiliti (concetto di efficacia in senso stretto). Un’azione amministrativa può essere efficace ma non efficiente, quando i risultati sono ottenuti con gran dispendio di risorse; allo stesso tempo, efficiente ma non efficace, quando i risultati sono congrui rispetto alle risorse impiegate, ma non adeguati agli obiettivi perchØ le risorse erano insufficienti o gli obiettivi velleitari; ancora, inefficiente ed inefficace, oppure efficace ed efficiente quando vi è un giusto rapporto tra risorse risultati e obiettivi. 2 L’espressione contrassegna oggi sia l’organizzazione amministrativa che l’attività. Imparzialità dell’organizzazione significa: - organizzazione strutturata in modo tale che chi amministra non sia personalmente interessato alla materia della decisione; - personale reclutato in modo imparziale, per questo motivo agli impieghi pubblici si accede oggi mediante concorso, salvo casi stabiliti dalla legge.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi