Skip to content

La Sardegna: terra di cavalli per l'esercito

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Scarpati
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Giuseppe Bracco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

Tra tutte le possibili differenze nei gusti, nelle abitudini, negli interessi e nelle predilezioni degli esseri umani, una delle più formidabili è quella che separa coloro che amano i cavalli da coloro che non li amano.
Il culto del cavallo è antichissimo e forse non tutti sanno che la più antica opera d'arte nota all'archeologia è una scultura, alta sei o sette centimetri, di un cavallo, ricavata nell'avorio della zanna di un mammuth lanoso: un capolavoro di grazia slanciata risalente a trentaduemila anni or sono...perché il cavallo è il più bel risultato della natura, uomo incluso" Così ha scritto Judith Krantz e penso che questa definizione sia piuttosto esatta e attinente al cavallo sardo perchè alcuni studiosi ritengono, con un margine di attendibilità, che già nel medio Miocene (cioè con larga approssimazione da venti a quindici milioni di anni fa) esistesse in mezzo al Mediterraneo, dove oggi affiora la penisola italiana con la sua corona di isole, una serie di terre emerse di varia estensione, separate tra loro di larghi bracci di mare. Una di queste terre era la Tirrenide, unita fin oltre il glaciale Rissiano (verso il medio Pleistocene, cioè da 1.200.000 a 100.000 anni fa) a sud con l'Africa settentrionale e ad est con quelle terre che oggi costituiscono il litorale occidentale dell'alto Tirreno, e separata dall'Appennino da un tratto di mare abbastanza esteso. Nel corso dei tempi questo continente avrebbe subito diversi sconvolgimenti, con emersioni e sommersioni parziali, per essere infine completamente sommerso ad eccezione della Sardegna, della Corsica e dell'arcipelago toscano, che ne costituirebbero i resti più evidenti.
Questo spiegherebbe la presenza in Sardegna di animali comuni a quei territori con i quali fu unita in passato e, insieme spigherebbe l'assoluta irreperibilità nell'isola delle specie animali che, arrivate nella penisola molto più tardi, cioè dopo l'emersione dell'Appennino, non poterono più migrare in Sardegna perché nel frattempo si era creato il bacino tirrenico ed il mare aveva definitivamente separato la Sardegna dalla penisola.
Nel contempo le specie originarie hanno dato vita ad altre sottospecie che tendono a durare nel tempo conservando i caratteri originali o acquisiti per la pressione dell'ambiente. Favorite dalla ridotta superficie geografica disponibile, anche se numericamente limitate, esse possono imporre facilmente i loro caratteri geneticamente dominanti. Uno di questi è la taglia ridotta delle specie isolane, che non hanno avuto la possibilità di migliorare e di essere migliorate selettivamente.
Il cavallo sardo, di cui parlerò tra poco, è un "cavallo ariano" cioè a sangue caldo. Cavallo che "contrapponeva alla forza l'agilità, faceva sfoggio di una provocante bellezza, di umori più lieti, di una giocondità frutto dell'abbondanza, re dei pascoli ubertosi, delle contrade assolate e ridenti, delle città festanti. Un essere nuovo, di una natura più molle, rispetto al cavallo "mongolo", fatto spesso per le pacifiche parate e per l'ammirazione" (Lugli N. il romanzo del cavallo, Vallecchi, Firenze, 1966)
Ma prima di passare alla trattazione dell'argomento voglio parlare brevemente di alcune razze di cavalli.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
-Premessa 1 PREMESSA “Tra tutte le possibili differenze nei gusti, nelle abitudini, negli interessi e nelle predilezioni degli esseri umani, una delle più formidabili è quella che separa coloro che amano i cavalli da coloro che non li amano. Il culto del cavallo è antichissimo e forse non tutti sanno che la più antica opera d’arte nota all’archeologia è una scultura, alta sei o sette centimetri, di un cavallo, ricavata nell’avorio della zanna di un mammuth lanoso: un capolavoro di grazia slanciata risalente a trentaduemila anni or sono....perché il cavallo è il più bel risultato della natura, uomo incluso” Così ha scritto Judith Krantz e penso che questa definizione sia piuttosto esatta e attinente al cavallo sardo perchè alcuni studiosi ritengono, con un margine di attendibilità, che già nel medio Miocene ( cioè con larga approssimazione da venti a quindici milioni di anni fa )esistesse in mezzo al Mediterraneo, dove oggi affiora la penisola italiana con la sua corona di isole, una serie di terre emerse di varia estensione, separate tra loro di larghi bracci di mare. Una di queste terre era la Tirrenide, unita fin oltre il glaciale Rissiano( verso il medio Pleistocene, cioè da 1.200.000 a 100.000 anni fa) a sud con l’Africa settentrionale e ad est con quelle terre che oggi costituiscono il litorale occidentale dell’alto Tirreno, e separata dall’Appennino da un tratto di mare abbastanza esteso. Nel corso dei tempi questo continente avrebbe subito diversi sconvolgimenti, con emersioni e sommersioni parziali, per essere infine completamente sommerso ad eccezione della Sardegna, della Corsica e dell’arcipelago toscano, che ne costituirebbero i resti più evidenti. Questo spiegherebbe la presenza in Sardegna di animali comuni a quei territori con i quali fu unita in passato e, insieme spigherebbe l’assoluta

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sardegna
esercito
equini
cavalli
stallone
incremento ippico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi