Skip to content

Shokuba no hana. Donne e legislazione nel Giappone contemporaneo

Informazioni tesi

  Autore: Livia Cattaneo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e Civiltà Orientali
  Relatore: Franco Gatti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

Scopo di questo lavoro è delineare, attraverso un approccio legale-costituzionale, la condizione femminile in Giappone, a partire dalla Costituzione del 1947, passando per il nuovo Codice Civile e la successiva legislazione sul diritto di famiglia, sulle pari opportunità lavorative e sulle garanzie legali che riguardano esplicitamente la donna.
A più di cinquant’anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, oltre ai cambiamenti materiali, anche i valori, i costumi e i modi di vita si sono gradualmente modificati, in un lento ma inarrestabile processo che ha profondamente mutato le condizioni sociali e politiche del Giappone.
Dal punto di vista femminile, la storia del dopoguerra può essere interpretata nei termini di un passaggio da un pressoché totale assoggettamento all’uomo alla conquista della propria indipendenza e dignità.
Il primo capitolo analizza la condizione legale e il ruolo della donna precedenti la guerra del Pacifico. Durante il periodo Tokugawa, dal 1603 al 1868, in una totale chiusura del paese verso il mondo occidentale, la società feudale era governata dalla classe guerriera, e la condizione
femminile nella rigida gerarchia sociale era praticamente irrilevante. Nel 1868, con la restaurazione Meiji, fu restituita la sovranità all’Imperatore e fu creato un sistema di governo centralizzato e, dopo vent’anni, il Giappone adottò una Costituzione scritta sul modello occidentale, in particolare su quello prussiano che meglio si confaceva alla realtà del paese. Con la nuova Costituzione si ribadiva il principio di sacralità e inviolabilità dell’Imperatore e, per volontà imperiale, si elargivano ai sudditi una serie di diritti: libertà di domicilio, diritto di essere giudicato secondo la legge, inviolabilità del domicilio, libertà di possesso, di fede religiosa, di parola, di associazione — anche se, nella maggior parte, l’applicazione di tali diritti civili era garantita “nei limiti riconosciuti dalla legge.” Nella Costituzione Meiji non vi era inoltre nessun riferimento specifico alla donna, la quale rimase confinata alla sua posizione subordinata. Fu solo durante l’occupazione americana, dopo il sistematico smantellamento materiale e ideologico del Giappone in seguito alla sconfitta della Guerra del Pacifico nel 1945, che si aprì effettivamente la strada verso la democratizzazione del paese. E si aprì anche la strada a quei cambiamenti che trasformarono l’universo femminile. Fra le riforme introdotte durante il periodo di occupazione militare, la nuova Costituzione, varata nel 1947, riconosceva esplicitamente l’uguaglianza dei sessi e sanciva che “tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge; non esiste alcuna discriminazione nei rapporti politici, economici o sociali fondata sulla razza, la fede, il sesso, la condizione sociale o l’origine familiare. […].” (art. 14, Costituzione Giapponese, 1947).
Parte del secondo capitolo affronta, in tale contesto storico, le origini della riforma costituzionale del 1947 che ha portato — grazie anche al prezioso contributo di figure come Beate Sirota — all’introduzione delle prime garanzie legali per la donna.
L’art. 24 della Costituzione, stabilendo che le leggi riguardanti il matrimonio e la famiglia dovessero essere emanate “nel rispetto della dignità individuale e nell’essenziale uguaglianza dei sessi,” portò all’inevitabile revisione dei Libri IV e V del Codice Civile inerenti, rispettivamente, alla famiglia e alla successione. Il cambiamento più importante riguardava l’abolizione almeno per legge—delI’istituto dello ie, il sistema della famiglia allargata, nel quale il capofamiglia, solitamente l’uomo più anziano, esercitava pieni poteri gestendo e “proteggendo” tutti i suoi membri. Di conseguenza mutò anche il ruolo della donna nella famiglia. Nel nuovo Codice Civile, in vigore ancora oggi, venne garantita alla donna, almeno sulla carta, la parità di diritti con l’uomo nella vita familiare. La moglie è libera di gestire i propri beni e di disporne secondo il proprio volere; marito e moglie decidono di comune accordo dove vivere; in caso di divorzio la donna non è più soggetta al libero arbitrio del marito (che la poteva allontanare senza alcun ostacolo legale); entrambi hanno diritto a ereditare un terzo dei beni alla morte di una delle parti; la patria potestà viene esercitata da entrambi i genitori.
Il nuovo Codice non ebbe effetti positivi immediati sullo status femminile. Gli ultimi tre capitoli analizzano infatti l’effettiva condizione femminile nella società contemporanea al di là della facciata ufficiale, mettendo a confronto i piani legislativo e sociale, delineando le tappe della trasformazione e le tendenze odierne; in particolare, considerano la figura della donna in famiglia e nella società, più precisamente nel mondo del lavoro; infine, alcune fondamentali disposizioni di legge che hanno permesso alla donna giapponese notevoli progressi, quali la legislazione sulla nazionalità, l’aborto e il divorzio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Scopo di questo lavoro è delineare, attraverso un approc- cio legale-costituzionale, la condizione femminile in Giap- pone, a partire dalla Costituzione del 1947, passando per il nuovo Codice Civile e la successiva legislazione sul diritto di famiglia, sulle pari opportunità lavorative e sulle garanzie legali che riguardano esplicitamente la donna. A più di cinquant’anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, oltre ai cambiamenti materiali, anche i valori, i costumi e i modi di vita si sono gradualmente modificati, in un lento ma inarrestabile processo che ha profonda- mente mutato le condizioni sociali e politiche del Giappo- ne. Dal punto di vista femminile, la storia del dopoguerra può essere interpretata nei termini di un passaggio da un pressoché totale assoggettamento all’uomo alla con- quista della propria indipendenza e dignità. Il primo capitolo analizza la condizione legale e il ruolo della donna precedenti la guerra del Pacifico. Durante il periodo Tokugawa, dal 1603 al 1868, in una totale chiu- sura del paese verso il mondo occidentale, la società feudale era governata dalla classe guerriera, e la condi- zione femminile nella rigida gerarchia sociale era prati- camente irrilevante. Nel 1868, con la restaurazione Meiji, fu restituita la sovranità all’Imperatore e fu creato un sistema di governo centralizzato e, dopo vent’anni, il Giappone adottò una Costituzione scritta sul modello occidentale, in particolare su quello prussiano che meglio si confaceva alla realtà del paese. Con la nuova Costituzione si ribadiva il principio di sacralità e inviola- bilità dell’Imperatore e, per volontà imperiale, si elargi- vano ai sudditi una serie di diritti: libertà di domicilio, diritto di essere giudicato secondo la legge, inviolabilità del domicilio, libertà di possesso, di fede religiosa, di parola, di associazione — anche se, nella maggior parte, l’applicazione di tali diritti civili era garantita “nei limiti riconosciuti dalla legge.” Nella Costituzione Meiji non vi era inoltre nessun riferimento specifico alla donna, la quale rimase confinata alla sua posizione subordinata. Fu solo durante l’occupazione americana, dopo il sistematico smantellamento materiale e ideologico del Giappone in seguito alla sconfitta della Guerra del Pacifi- co nel 1945, che si aprì effettivamente la strada verso la democratizzazione del paese. E si aprì anche la strada a quei cambiamenti che trasformarono l’universo fem- minile. Fra le riforme introdotte durante il periodo di Introduzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi