Skip to content

Sport e turismo, binomio vincente di modelli positivi. I casi Volley Soverato e Tonno Callipo Vibo Valentia

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Pulitanò
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze Turistiche
  Relatore: Gilda Catalano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

Analisi del fenomeno del turismo sportivo partendo dal concetto di tempo libero. Sintesi delle caratteristiche principali del turismo sportivo, dei turisti sportivi, della domanda turistico-sportiva e delle nuove tipologie di sport outdoor, sport indoor e sport estremi. Studio delle figure professionali del turismo sportivo: Tour Operator e Sport Commission. Approfondimento sulle squadre di pallavolo maschile e femminile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 I. TEMPO LIBERO E TURISMO SPORTIVO 1. La nascita della società del tempo libero La nascita del tempo libero pone un problema di portata tale da indurre taluni a domandarsi se si tratti di una realtà o di una fantasia. Alcuni ritengono che il tempo libero sia sempre esistito in tutte le epoche e in tutte le civiltà. E’ evidente che il tempo non occupato dal lavoro è antico quanto il lavoro, ma il tempo libero, come lo intendiamo oggi, presenta tratti specifici, tipici della civiltà scaturita dalla Rivoluzione Industriale. Nelle società del periodo arcaico così come in quelle pre-industriali del periodo storico, non si può parlare di tempo libero come è inteso oggi. Questo perchØ non si riesce ancora a trovare un distacco totale tra ciò che è il lavoro e ciò che invece è rappresentato dal gioco; inoltre il ritmo del lavoro è interrotto esclusivamente da pause, da canti, da giochi e da cerimonie, di conseguenza il lavoro identificandosi con il periodo di veglia, dal levare del sole al tramonto, non permette di avere del tempo da dedicare a se stessi. A ciò si aggiungono anche delle situazioni difficili di sopravvivenza, come il freddo che miete vittime, le carestie sono ricorrenti e ad esse s’accompagnano le epidemie. E’ dunque un periodo di tempo che non presenta le caratteristiche tipiche del tempo libero moderno. Nelle società pre-industriali dell’epoca moderna incontriamo numerosi lavoratori che il sottosviluppo tecnologico priva del posto di lavoro o condanna ad accettare impieghi sporadici di breve durata. In questi casi non si può parlare certo di tempo libero, nØ ancor meno di tempo per lo svago, bensì di tempo inoccupato. Così come, neanche l’ozio dei filosofi della Grecia antica o quello dei gentiluomini del XVI secolo possa essere definito tale 1 . E’ possibile sostenere, quindi, che la nozione di tempo libero si è determinata in seguito alla formazione e allo sviluppo di una società industrializzata e urbanizzata; una società in cui la qualità della vita quotidiana è cambiata in rapporto alla radicale trasformazione dei costumi, delle tradizioni, delle esperienze di vita collettiva. La storiografia piø attenta ai temi della storia sociale, dei modi di pensare e dei comportamenti collettivi ha sviluppato un interesse ed un’attenzione particolari per le attività e i luoghi del tempo libero e per quelle forme, piø o meno istituzionalizzate, di aggregazione che ne hanno accompagnato la crescita e la diffusione. Pertanto si è costituita la storia del tempo libero; la si può considerare un settore di ricerca autonomo che studia il progressivo definirsi dei comportamenti sociali in base ad una specifica suddivisione del tempo in attività di divertimento e di ricreazione, tanto individuali quanto collettive. Infatti, con il processo di industrializzazione, viene rappresentato un primo spartiacque temporale, individuato dagli storici (E.P. Thompson, E. J. Hobsbawn, D.S. Landes) per distinguere il tempo dell’otium (il tempo libero delle classi alte) dal tempo libero in genere, perchØ in questa fase della storia alla disciplina del lavoro si è accompagnata anche una disciplina della giornata dell’individuo ripartita tra tempo del lavoro, tempo del riposo e tempo libero 2 . Il primo sociologo a considerare la tematica del tempo libero fu, alla fine del XIX secolo, Thorstein Veblen il quale analizzava l’idea di tempo libero come forma di consumo dalla forte connotazione simbolica: la disponibilità di questa risorsa era riservata solo a chi, potendosi 1 J. Dumazedier, Sociologia del tempo libero, Angeli, Milano 1993, pp. 35-37. 2 Le informazioni, tratte dal sito www.pbmstoria.it, sono state elaborate da F. Tarozzi, docente Università di Bologna.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi