Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Privatizzazione e liberalizzazione dei servizi pubblici: un'analisi del caso CAFC S.p.A.

La mia tesi intitolata “Privatizzazione e liberalizzazione dei servizi pubblici: un’analisi del caso CAC S.p.A.” cerca di sviluppare un’analisi partendo dal profilo storico, economico e giuridico delle Public Utilities italiane. Centrale è il capitolo che tratta della privatizzazione e della liberalizzazione dei servizi. Tratto nello specifico dell’accesso al mercato delle società pubbliche avendo tre possibili strade per accedervi. Nella seconda parte dello scritto mi soffermo in modo particolare sulle politiche del settore idrico nazionale, rilevando quanto è importante l’acqua in quanto dà ed è vita, da cui ne consegue un suo consumo responsabile. La tesi si conclude con un’analisi del caso Cafc spa, azienda del settore idrico, nata nel 1931 dall’unione di alcuni comuni della provincia di Udine.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il tema della Public Utilities, per le sue implicazioni sociali, economiche, competitive e di sviluppo, interessa in misura prevalente le nuove generazioni proprio perché esso è alla radice del benessere degli anni a venire, oggi certamente messo a repentaglio dalle dinamiche nazionali e globali. La visione complessiva del settore dei servizi pubblici è andato consolidandosi negli anni grazie ad un intenso e continuativo lavoro di ricerca teorica ed empirica svolto da studiosi ed esperti. Si tratta di settori di grande rilievo, che comprende ad esempio il comparto elettrico, idrico, gas, ambiente, rifiuti, i trasporti pubblici, molto rilevanti per il loro impatto sociale che economico: il progresso di una nazione può essere largamente valutato da come questi sono organizzati e sviluppati. La prospettiva economica – gestionale è spesso non adeguatamente valorizzata in settori ove prevalgono ottiche giuridiche o politiche, così come la prospettiva giuridica, propensa a dare ordine alla materia, si è rivelata spesso incapace di agevolare soluzioni e incapace di produrre servizi con adeguati livelli di efficienza ed economia. Ad esempio, il tema idrico ha assunto un rilievo politico generale di massimo livello. Affermazioni come “l’acqua è di tutti” sono state alla base di battaglie politiche: i Referendum abrogativi del giugno 2011 sono serviti a tutto tranne che a risolvere i veri problemi che affliggono il comparto 1 . Ora ci si attende che la stessa Autorità d’Ambito Territoriale con il coinvolgimento di tutte le parti interessate, giunga finalmente alla definizione di un nuovo metodo tariffario. Deve essere in grado di disciplinare la metodologia e i criteri di calcolo delle tariffe idriche, dando applicazione all’esito referendario e sulla base di criteri trasparenti che chiariscano le ragioni che giustificano gli incrementi tariffari stabilendo 1 B. ANTONIOLI, Introduzione alle Public Utilities, B. ANTONIOLI (a cura di), in Introduzione alla economia e gestione delle Public Utilities, Agici Publishing, Milano, 2011

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alessandra Bondavalli Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 778 click dal 06/06/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.