Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I centri di detenzione amministrativa per migranti: il controllo sociale dell'immigrazione

La tesi analizza i luoghi fisici del confinamento dei migranti in Italia, con uno sguardo anche all'Europa.
L'obiettivo di questa tesi è stato quello di “raccontare” i luoghi di detenzione amministrativa in Italia, sullo sfondo della realtà europea. Per farlo è stato necessario partire da lontano, attraversare la storia dei diversi confinamenti della cittadinanza, del territorio e della mobilità che hanno dato origine e che ancora caratterizzano gli Stati nazionali, sono state ripercorse le vicende dei campi coloniali, di quelli europei dei primi anni del XX secolo e di quelli totalitari; si è cercato di comprendere a quale modello di confinamento corrispondessero di volta in volta, riconoscendone peculiarità e differenze, seppure fossero inseribili tutti all'interno di una storia del confinamento fisico di determinate categorie di soggetti, mai interrotta ed in continua evoluzione.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il nostro tempo è segnato dalla presenza di masse intere costrette all’apolidicità e alla non appartenenza: rifugiati, profughi e immigrati che si lasciano alle spalle storie diverse, miserie diverse, riscatti diversi, ma sempre considerati “masse”, che nel lessico del diritto internazionale e umanitario vengono chiamate internally displaced (e cioè sfollati), asylum seekers (sempre sfollati che però hanno attraversato i confini dei territori di pertinenza), temporary refugees (individui in fuga ai quali, non essendovi condizioni che impediscono il riconoscimento dello statuto di rifugiati, viene assegnato un asilo pro tempore),fino a illegal aliens per gli immigranti, “economici” o meno. Non è raro che tutte queste definizioni possano anche concatenarsi e sovrapporsi in un'unica biografia; è possibile insomma che un soggetto cambi status fino a diventare un illegal alien: il punto, allora, non riguarda tanto presunte differenze “oggettive” tra individui, quanto piuttosto l’arbitrarietà di definizioni che azzerano biografie e segnano destini, e gli effetti politici che così si determinano. Ad ogni passaggio, a ogni definizione, a ogni eventuale tappa della “carriera morale” degli individui in questione, corrisponde un campo, un centro temporaneo attrezzato. Tra giochi di parole in cui l’accento cade sull’elemento di temporaneità e di precarietà, ovvero sul carattere detentivo, o ancora su quello protettivo e di accoglienza, si susseguono definizioni ossessivamente ripetitive: Emergency temporary locations, oppure, nella variante più estesa e meno attrezzata, Temporary protected areas (o ancora, in una formula più retorica, Safe Havens) per gli internally displaced; Transit processing centres,o “centri di identificazione”, per gli asylum seekers; più banalmente Refugees temporary centres o “Centri di accoglienza temporanea” per i temporary refugees; Detention centres, “Centri di permanenza temporanea”, zones d’attente per i migranti irregolari. Con la mia tesi intendo analizzare i luoghi fisici del confinamento dei migranti in Italia e in Europa. In primo luogo esporrò la “teoria del confinamento”, ossia una riflessione storico- filosofica sulla necessità degli stati di controllare e gestire i movimenti materiali dei 4

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giuseppe Attina Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2520 click dal 06/06/2013.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.