Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le nuove strategie di trattamento per Epatite C - Aspetti clinici, organizzativi ed economici

L’epatite cronica da virus C è considerata oggi un problema rilevante per la sanità pubblica. L’Italia è il paese in Europa con il più alto numero di malati legati all’epatite cronica da virus C. Molti casi restano non diagnosticati, visto che il numero di pazienti in cura è circa il 2,2 % corrispondente a circa 130 milioni di persone HCV positive in tutto il mondo, la maggior parte della quale è cronicamente infetta.
La prevalenza stimata da infezione da HCV in Europa varia dallo 0,6% al 5,6%. Questo dato è sostanziale, poiché l’HCV è la causa principale sia della cirrosi sia del carcinoma epatocellulare (HCC) nei paesi occidentali. La prevalenza della cirrosi HCV - correlata a complicanze - continuerà a crescere durante il prossimo decennio, principalmente nei pazienti di età superiore ai sessanta anni.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo 1 Introduzione e Obiettivi 1.1) Introduzione. L’epatite cronica da virus C è considerata oggi un problema rilevante per la sanità pubblica. L’Italia è il paese in Europa con il più alto numero di malati legati all’epatite cronica da virus C. Molti casi restano non diagnosticati, visto che il numero di pazienti in cura è circa il 2,2 % corrispondente a circa 130 milioni di persone HCV positive in tutto il mondo, la maggior parte della quale è cronicamente infetta [1]. La prevalenza stimata da infezione da HCV in Europa varia dallo 0,6% al 5,6%. [2]. Questo dato è sostanziale, poiché l’HCV è la causa principale sia della cirrosi sia del carcinoma epatocellulare (HCC) nei paesi occidentali. La prevalenza della cirrosi HCV - correlata a complicanze - continuerà a crescere durante il prossimo decennio, principalmente nei pazienti di età superiore ai sessanta anni [3]. L’impatto economico della progressione della malattia costituisce, di fatto, un grave onere per il Servizio Sanitario Nazionale. Tutto ciò è dovuto al fatto che i portatori cronici asintomatici possono continuare ad essere contagiosi anche in assenza di segni clinici e laboratoristici di malattia epatica. Le epatopatie incidono sensibilmente sulle somme di denaro che le Regioni devono investire nella sanità ospedaliera e territoriale. Nel nostro paese, lo screening per HCV e la sua sorveglianza sono minimi a livello nazionale; la maggior parte delle informazioni proviene da studi regionali o locali. Per i pazienti, affetti da epatite cronica di tipo c, risulta difficile effettuare subito una diagnosi, dato che la fase acuta della malattia decorre quasi sempre in modo asintomatico. L’evoluzione verso la cirrosi e le sue gravi complicanze sono lente e per lo più silenti. È possibile essere in uno stadio avanzato di malattia e non saperlo, quindi ricorrere troppo tardi a quelle cure che potrebbero salvarci la vita.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Rivezzi Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2351 click dal 25/06/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.