Skip to content

Formare il nuovo dirigente pubblico - il caso European Senior Civil Servant (ESCS)

Informazioni tesi

  Autore: Mattea Scarano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Relatore: Nunzio Casalino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

Per reagire al malfunzionamento del sistema Italia, oggi serve un impegno al fine di dotare di un maggior senso civico il nostro Paese partendo dalla promozione del capitale sociale, dal miglioramento dell'educazione e della dotazione di capitale umano. Fondamentale è puntare su risorse umane di qualità e sulla formazione di queste.
Una leva strategica per uscire dalla stagnazione, affrontare i recenti mutamenti e trarre vantaggio dalle nuove opportunità è infatti la formazione, vero motore di innovazione. Innovare per non perire è possibile facendo formazione a tutti i livelli, partendo da quelli di vertice.
Costituisce un'ulteriore condizione indispensabile, per la formulazione e l'attuazione di qualsiasi iniziativa di rinnovamento, la presenza di una classe dirigente, capace di porsi come figura-guida, che sia tecnicamente e culturalmente preparata ed aggiornata, dotata di una congrua preparazione sulle materie giuridiche e, al tempo stesso, provvista di competenze economiche ed attitudini di tipo manageriale.
Per l'attuazione di tale rivoluzione culturale, che coinvolge Governo, istituzioni e cittadini, si punta sull'amministrazione pubblica in quanto ad essa spetta il compito di trasmettere gli impulsi della politica e di restituire valore ai cittadini; soddisfare i cittadini ed ottenerne il consenso è fondamentale perché è proprio la transizione a richiedere consenso sociale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La questione del rimodernamento dell'amministrazione pubblica è da tempo una priorità del Governo; a partire dagli anni novanta l'Italia ha vissuto una stagione di riforme che rappresenta - nonostante contraddizioni, insuccessi ed incertezze - il più importante tentativo, dall'Unità ad oggi, di rinnovare la amministrazione pubblica italiana. Dopo il secondo e terzo governo Berlusconi e il secondo governo Prodi, periodi di sostanziale inattività, con il quarto governo Berlusconi ha preso avvio un processo di ammodernamento che ha introdotto, nel settore pubblico, strumenti quali programmazione strategica, responsabilità, merito e valutazione delle performance, da lungo tempo in uso soltanto nel settore privato. Tuttavia solo alcune amministrazioni hanno convintamente applicato le normi riguardanti tali tematiche. Per questo successivamente si è ritenuto di dover rivedere le suddette riforme per cercare di colmarne le lacune. Conviene fare alcune considerazioni anche sulla crisi finanziaria del 2007, non per richiamarne la cronaca, ma perché è dalla comprensione della sua natura che scaturisce la comprensione del nuovo ruolo delle amministrazioni pubbliche, dei cambiamenti che devono affrontare, delle competenze necessarie per fronteggiarli e, di conseguenza, del ruolo della formazione. La crisi, infatti, ha colpito non solo i mercati finanziari, causando la recessione economica e l'esplosione dei debiti e dei deficit pubblici di tutti i Paesi avanzati, ma ha inciso profondamente anche sul tessuto sociale del nostro Paese, provocando come reazione un calo di fiducia nei confronti delle classi dirigenti 1 . 1 Dal quarto rapporto sulla classe dirigente - promosso dall'Università LUISS Guido Carli di Roma e da Fondirigenti attraverso l'Associazione Management Club – è emerso che gli europei hanno perso fiducia verso i propri dirigenti non solo per la crisi in sé ma anche per il fatto che questa ha mostrato l'incapacità professionale degli stessi, in forte contrasto 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

scuola superiore della pubblica amministrazione
formazione; formazione continua; e-learning; ue
lifelong learning; corso; europeo; manager; rete
pa; pubblica amministrazione; riforma; dirigenza;
personale pubblico; dirigenti pubblici; coaching
diversity management; change management
motivazione; risorse umane; formez pa
organizzazione aziendale; lisbona;
istituto tagliacarne; sspa; sspal; nizza
comunitario; european senior civil servant

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi