Skip to content

Area Archeologica di Morgantina: un'ipotesi di musealizzazione all'aperto

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Trovato
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: DIPLOMA DI LAUREA IN OPERATORE DEI BENI CULTURALI
  Relatore: Maria Désirée Vacirca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 211

Morgantina, antico centro siculo ellenizzato, è un raro esempio di “conservazione della storia” , di notevole importanza culturale e storica. Possiede, dal punto di vista economico, delle potenzialità ancora inespresse: basti pensare ai vantaggi che potrebbero derivare dall’inserimento di Morgantina in un circuito turistico di largo respiro, che abbracci le interessanti risorse archeologiche e turistiche della provincia ennese: dalla Villa Romana di Piazza Armerina, ai castelli di Assoro, Sperlinga ed Agira.
Attualmente Morgantina non è meta di un turismo di massa: solo in pochi conoscono lo splendore di questo importante sito archeologico. Inoltre, la visita, limitandosi all’area dell’agorà e dei quartieri residenziali, comporta una breve sosta, nonché una visione incompleta e parziale di ciò che era la città greco-sicula.
Il fascino di Morgantina merita di essere conosciuto ed apprezzato da un più vasto pubblico. L’interesse, non solo degli addetti ai lavori, ma di tutti gli amanti dell’arte deve anzitutto imporre una maggiore attenzione alla tutela di un sito così ricco di testimonianze storiche uniche.
Le forti sensazioni, che si provano visitandola ed il desiderio di voler contribuire alla sua valorizzazione e tutela, hanno spinto chi scrive ad intraprendere il presente lavoro, in cui si propone un’ipotesi di musealizzazione all’aperto dell’area archeologica, che possa essere insieme strumento di conoscenza e conservazione, senza però dimenticare di inquadrare storicamente l’ambiente culturale della città di Morgantina.
Questa ricerca si è basata fondamentalmente sulle fonti storiche e i resoconti delle campagne di scavo pubblicati sull’American Journal of Archeology (AJA), stilati dagli stessi membri della Missione Archeologica Americana dell’Università di Princeton.
Le notizie storiche e archeologiche, qui riportate, non intendono esaurire un argomento tanto vasto e di molteplici interpretazioni, quanto piuttosto fare da supporto al progetto museologico e, conseguentemente, all’allestimento museografico.
Come un museo non può prescindere dalla puntuale conoscenza della storia delle collezioni, così la nascita di un parco archeologico non può trascurare la conoscenza della storia e dei monumenti che caratterizzano il sito. A tal proposito, in appendice sono stati inseriti tre capitoli dedicati all’aspetto storico, all’indagine archeologica e alla presentazione delle emergenze archeologiche della città greco-sicula.
Le pagine che seguono non hanno la pretesa di proporre un progetto vero e proprio per l’area archeologica di Morgantina, ma vogliono semplicemente fornire un’ipotesi progettuale per ricerche future, più approfondite sulla storia, sulle vicende e lo sviluppo del territorio dentro il quale prosperano la cittadina di Aidone e il sito archeologico.
Il lavoro presentato è costituito da una prima parte dedicata ad una breve descrizione geo-topografica; all’esposizione delle problematiche relative alla musealizzazione “in situ” delle aree archeologiche; alla conoscenza del Museo Archeologico di Aidone e alla presentazione del complesso edilizio Casa Vinci, trasformato in centro polifunzionale: proponendo servizi utili alla comprensione del futuro parco archeologico.
Nella seconda parte si presenta un’ipotesi progettuale del Parco Archeologico di Morgantina, con una serie di proposte per migliorare le condizioni dell’area (arredo vegetale, impianto di illuminazione, allarmi, strutture protettive, etc); si ipotizzano tre percorsi di visita, da scegliere in base agli interessi culturali dei fruitori, oppure si può optare per una visita complessiva del parco avendo così un “quadro” della città sicuramente interessante e soprattutto completo; si affrontano i problemi riguardanti la trasmissione delle informazioni ai fruitori; si propongono, infine, delle iniziative finalizzate all’incremento del numero dei visitatori.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. DESCRIZIONE GEO-TOPOGRAFICA Nella metà degli anni Cinquanta, sul pianoro di Serra Orlando, nel comune di Aidone, in provincia di Enna, sono venuti alla luce i resti di un importante sito archeologico, nella quale si vuole riconoscere la città greco-sicula di Morgantina. Il centro, situato in amena posizione nell’entroterra siciliano, ad Ovest della Piana di Catania e a Sud da dove ha inizio il fiume Gornalunga, uno dei principali affluenti del Simeto (figg. 1-2), si adagia su due aree divise tra di loro da una vallata: la cresta di Serra Orlando ad Ovest ed il Monte Cittadella ad Est, ad una altezza di circa 600 m s.l.m. (fig. 3) 1 . La posizione, elevata naturalmente, la vicinanza ad un corso fluviale, l’ubicazione al centro della Sicilia e il controllo di un vasto e fertile territorio agricolo, sono alcune delle ragioni che spiegano il ruolo avuto da Morgantina durante il suo lungo periodo di vita. La città è naturalmente protetta da falde ripide e pochi luoghi di accesso, ma in vari punti del lungo perimetro sono ancora visibili le tracce di un muro di cinta, che si sviluppava per 1 Erik Sjöqvist, Excavations at Morgantina (Serra Orlando), Preliminary Report IV, in “AJA” 64, 1960, pag. 135.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archeologia
museologia
museografia
progettare un museo all'aperto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi