Skip to content

Il mutuo riconoscimento nell'ordinamento comunitario

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Moauro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Luisa Torchia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

La crisi economico finanziaria che ha colpito le moderne democrazie occidentali ed anche, certamente, quelle europee ha comportato una rivoluzione senza precedenti dei sistemi economici produttivi di economie che sembravano solide.
Conseguentemente anche i principali Paesi Europei tra i quali Italia, Spagna, Francia, Inghilterra hanno imboccato la inevitabile strada della recessione economica e del conseguente indebitamento.
In tale contesto tantissime sono state le critiche manifestate nei confronti anche delle Istituzioni Europee, economiche e politiche, che da anni ormai intervengono all’interno dei singoli mercati internazionali al fine di regolare le dinamiche economiche in una ottica unitaria.
A ciò si affiancano anche le indicazioni e le scelte di politica monetaria della Bce, di sostenere la politica economica degli Stati nazionali e intervenire a livello monetario per cercare di scongiurare il taglio netto delle politiche pubbliche da parte degli Stati Membri. Occorre dire che le critiche al sistema europeo ed al mercato unico sono sempre esistite in seno al dibattito politico ed economico degli Stati membri. Non sempre le legislazioni di questi sono state in grado di perseguire obiettivi comuni e di disciplinare medesime fattispecie in modo analogo.
In tale contesto si inserisce quello che è stato definito principio del mutuo riconoscimento. In base a tale principio si è cercato di creare una disciplina univoca, coerente al fine di garantire la libera circolazione dei beni ,dei servizi e del lavoro all’interno dell’Eurozona.
Da qui il riconoscimento dei titoli professionali, dell’autorizzazioni per la messa in commercio dei farmaci e di una serie di altre fattispecie che si sta cercando, proprio perché l’evoluzione non è ancora terminata, di rendere uniformi e universalmente riconosciute senza distinguo all’interno dello spazio comunitario.
Il primo capitolo del presente elaborato è stato indirizzato completamente a creare una premessa metodologica oltre a fornire una overiew sulle tematiche che hanno caratterizzato la realizzazione del mercato comune.
Si è quindi preso in esame la nascita ed evoluzione delle Comunità Europee per giungere al principio del mutuo riconoscimento cercando di enuclearlo nella sua accezione più generica che afferisce sicuramente alla ricerca della libertà di circolazione all’interno dello spazio Europeo.
Anche qui, come si è avuto modo di sottolineare, i pareri della dottrina sono stati per certi aspetti controversi soprattutto con riferimento proprio alle basi normative sulle quali si fonda anche il principio del mutuo riconoscimento.
La pubblicazione del Libro Bianco della Commissione sul mercato interno, cui ha fatto seguito l'Atto Unico europeo nel 1986, costituiscono i momenti di svolta che hanno aperto la strada alla seconda generazione, quella del mercato unico e dell'integrazione positiva.
Entrambi intendevano realizzare il completamento del mercato interno attraverso la definitiva eliminazione degli ostacoli fisici, tecnici e fiscali alla libera circolazione delle merci e l'armonizzazione della fiscalità indiretta e degli standards tecnici e qualitativi previsti per la produzione e distribuzione dei prodotti, in modo tale che il mercato acquisisse l'aspetto di un sistema aperto e concorrenziale.
Il secondo capitolo del presente elaborato ha infatti inteso fornire un quadro completo sullo spirito che ha animato la sentenza Cassis de Dijon.
Oltre a garantire la libertà di circolazione traspare nettamente la volontà, da parte del giudice comunitario, di giungere direttamente a un più alto livello di concorrenzialità e di libero scambio che come insegna la dottrina economica produce ricchezza e valore.
Il terzo capitolo nei fatti evidenzia proprio la crucialità del principio del mutuo riconoscimento in funzione di quello che può essere definito lo spirito dello sforzo dei firmatari dei Trattati Comunitari che hanno perseguito lo scopo di garantire maggiore concorrenzialità e maggiore circolazione dei servizi.
Il Trattato di Maastricht ha infatti innovato sensibilmente la configurazione del mercato unico, correlandovi l'unione economica e monetaria e numerose politiche comuni orizzontali, considerate strumenti per raggiungere uno sviluppo armonioso delle attività economiche.
Non solo, esso ha previsto l'istituzione di un sistema europeo di banche centrali con al vertice la Banca Centrale Europea e la previsione di una moneta unica circolante che entreranno a pieno regime dopo circa un decennio.
Il quarto capitolo è il cuore dell’elaborato.
All’interno di esso ci si distacca dall’impostazione teorica che ha riguardato il principio del mutuo riconoscimento per analizzarne gli aspetti pratici con riferimento soprattutto a questioni di interesse cruciale come ad esempio la circolazione dei farmaci, il riconoscimento delle qualifiche professionali di diretto interesse per il pubblico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE La crisi economico finanziaria che ha colpito le moderne democrazie occidentali ed anche, certamente, quelle europee ha comportato una rivoluzione senza precedenti dei sistemi economici produttivi di economie che sembravano solide. Conseguentemente anche i principali Paesi Europei tra i quali Italia, Spagna, Francia, Inghilterra hanno imboccato la inevitabile strada della recessione economica e del conseguente indebitamento. In tale contesto tantissime sono state le critiche manifestate nei confronti anche delle Istituzioni Europee, economiche e politiche, che da anni ormai intervengono all’interno dei singoli mercati internazionali al fine di regolare le dinamiche economiche in una ottica unitaria. A ciò si affiancano anche le indicazioni e le scelte di politica monetaria della Bce, di sostenere la politica economica degli Stati nazionali e intervenire a livello monetario per cercare di scongiurare il taglio netto delle politiche pubbliche da parte degli Stati Membri. Occorre dire che le critiche al sistema europeo ed al mercato unico sono sempre esistite in seno al dibattito politico ed economico degli Stati membri. Non sempre le legislazioni di questi sono state in grado di perseguire obiettivi comuni e di disciplinare medesime fattispecie in modo analogo. In tale contesto si inserisce quello che è stato definito principio del mutuo riconoscimento. In base a tale principio si è cercato di creare una disciplina univoca, coerente al fine di garantire la libera circolazione dei beni ,dei servizi e del lavoro all’interno dell’Eurozona. Da qui il riconoscimento dei titoli professionali, dell’autorizzazioni per la messa in commercio dei farmaci e di una serie di altre fattispecie che si sta cercando,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

controllo
fiducia
ordinamento
equivalenza
libertà di circolazione
mutuo riconoscimento
sentenza “cassis de dijon”

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi