Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Caratterizzazione dei tessuti muscolari tramite misure di Spettroscopia ad Impedenza Elettrica

La Spettroscopia ad Impedenza Elettrica è una tecnica a bassa invasività che permette di analizzare le proprietà fisiologiche dei tessuti umani e che è stata proposta per la diagnosi di vari disturbi neuromuscolari prendendo il nome di Miografia ad Impedenza Elettrica (EIM). Tale metodica presuppone l’effettuazione di misure di impedenza a singola frequenza (il valore più usato è 50 kHz) oppure in uno spettro definito di frequenze. Nel presente lavoro di tesi la seconda tecnica è stata proposta per lo studio dei tessuti muscolari. In particolare sono state valutate diverse condizioni fisiologiche (riposo, contrazione isometrica e successivo rilassamento muscolare) per i muscoli flessori situato nel lato interno dell’avambraccio. In particolare sono state effettuate misure su soggetti sani e date alcune preliminari valutazioni sulla caratterizzazione dei risultati.
Il sistema di misura, già utilizzato con successo in precedenti lavori qui analizzati, è costituito da un PC portatile equipaggiato con una scheda di acquisizione dati della National Instruments PCMCI- NIDAQ 6062E, integrato da un circuito di condizionamento del segnale e da un software di controllo e memorizzazione realizzato in ambiente LabVIEW. Le misure sono state effettuate nel range di frequenze che va da 1 kHz a 60 kHz, acquisendo dati in corrispondenza di 10 valori di frequenza per limitare la durata del tempo di misura, registrando i valori di impedenza mediante il metodo volt-amperometrico, che prevede l’utilizzo di elettrodi di corrente e voltmetrici. Nell’ambito del presente lavoro di tesi si è reso necessario effettuare preliminari misure di calibrazione dello strumento. A valle di uno studio bibliografico sono stati definiti modelli elettrici del tessuto in esame definendo gli errori sistematici di misura nel range del misurando. Successivamente uno studio bibliografico e alcuni test preliminari su quattro differenti layout elettrodici hanno portato alla scelta di un posizionamento ottimale degli elettrodi, per il quale sono stati studiati due protocolli: nel primo si chiede al soggetto in esame una contrazione isometrica pari al 75% della contrazione massima volontaria; il secondo prevede una contrazione pari al 50% dello sforzo massimale. In entrambi i casi è stata proposta l’analisi della fase di riposo immediatamente successiva alla contrazione e a 2,4 e 6 minuti dopo la contrazione. Per ogni soggetto è stata redatta un’apposita scheda, relativa ad ogni misura, contenente: matricola identificativa, sesso, età, peso, altezza, braccio dominante, tipo di corporatura, informazioni relative all’attività fisica ed eventuali criticità rilevate al momento della misura.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO 1 ORGANIZZAZIONE STRUTTURALE DEL MUSCOLO SCHELETRICO La possibilità di compiere movimenti è affidata alle capacità contrattile delle cellule muscolari in risposta a stimoli di varia natura (ormonale o nervosa). Le cellule muscolari, o fibre muscolari, sono striate se sono presenti miofilamenti nel loro citoplasma disposti in maniera ordinata e ripetuta, con conseguenti striature visibili ad occhio nudo: tali cellule caratterizzano il tessuto muscolare striato (o scheletrico), la cui muscolatura è controllata dalla volontà, ed il tessuto muscolare cardiaco (che costituisce il cuore), dove il controllo è di tipo involontario. Se le striature prima citate non sono presenti si parla di tessuto muscolare liscio: in tal caso l’eccitazione cellulare è dovuta a stimoli esterni, ormoni oppure impulsi provenienti dal sistema nervoso autonomo piuttosto che alla volontà. Tale lavoro si concentra su due muscoli scheletrici presenti all’interno dell’avambraccio: il muscolo flessore superficiale delle dita ed il muscolo flessore ulnare del carpo. 1.1 I muscoli scheletrici I muscoli scheletrici costituiscono gli organi attivi della locomozione perché, prendendo attacco sopra i vari segmenti dello scheletro, determinano il movimento delle leve ossee a cui si impiantano (da tale rapporto deriva il nome). Presi nel loro insieme i muscoli scheletrici raggiungono un peso elevato: si calcola, in media, che in un soggetto di 70 kg il peso dei muscoli è di circa 30 kg. Lo studio dell’apparato locomotore diventa interessante quando, oltre a conoscere le singole ossa e i singoli muscoli, si riescono a cogliere i grandi rapporti che esistono tra di loro, riconoscendo quindi il complesso e meraviglioso gioco muscolare nelle catene [Mezzogiorno, 1999]. Ciascuna fibra muscolare del muscolo scheletrico è una cellula lunga e cilindrica, con diverse centinaia di nuclei in prossimità della sua superficie. Le fibre muscolari sono disposte parallelamente le une alle altre e sono tenute insieme da un’impalcatura di tessuto connettivo. Il muscolo è avvolto esternamente da una guaina connettivale molto consistente che prende il nome di epimisio; dalla faccia interna di questa guaina si dipartono segmenti che vanno a circondare più fasci di fibre muscolari, costituenti il perimisio; sottili setti più delicati si estendono dal perimisio a circondare le singole fibre muscolari costituendo, infine, l’endomisio, formato da una

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Ingegneria

Autore: Nicolangelo De Santis Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 971 click dal 08/10/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.