Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il pregiudizio etnico in coppie in attesa di adozione e in coppie senza figli: una ricerca empirica

La ricerca condotta ha come obiettivo quello di coniugare due ambiti di ricerca che sono stati ampiamente studiati, ma mai congiuntamente : il pregiudizio etnico e l’adozione internazionale.
Le ricerche riguardanti il pregiudizio etnico oggigiorno si focalizzano principalmente sulle forme moderne di pregiudizio, mentre per quanto riguarda le ricerche che hanno come oggetto di studio l’adozione internazionale si sono soffermate principalmente sui compiti di sviluppo dei genitori, quali: lo sviluppo dell’identità etnica e la valorizzazione della socializzazione culturale.
All’interno di questo lavoro di tesi l’ obiettivo principale è quello di misurare i livelli di pregiudizio etnico in coppie in attesa di adozione e in quelle senza figli. Inoltre, sono presenti obiettivi specifici quali la valutazione di eventuali differenze significative tra e interne alle coppie relativamente all’attribuzione di emozioni positive e negative nei confronti dei diversi gruppi etnici; alla valutazione del contatto intergruppo e alla valutazione della distanza sociale.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Questo lavoro di tesi ha come oggetto di indagine due ambiti di ricerca ampiamente studiati in letteratura: il pregiudizio etnico e l’adozione internazionale. Da una ricerca bibliografica approfondita è emerso però come questi due ambiti siano sì oggetto di indagine, ma mai congiuntamente. Per questo motivo e l’interesse per il tema dell’adozione nato durante il corso di questo indirizzo di Laurea Magistrale, mi ha portato a chiedermi se coloro che scelgono di adottare un figlio di diversa etnia nutrano minori pregiudizi nei confronti di persone appartenenti a minoranze etniche. Molteplici le teorie che si sono occupate di comprendere l’origine del pregiudizio etnico e le implicazioni che ha nelle relazioni. Dovidio ha identificato tre ondate di studi sociali e psicologici riguardanti il pregiudizio e che riflettono diverse ipotesi e paradigmi (Dovidio, 2001). Nel corso degli anni si è assistito ad un passaggio da una prospettiva individualistica, che portava a considerare il pregiudizio come un fenomeno psicopatologico da eliminare, ad una prospettiva secondo la quale socializzazione e norme sociali favorivano e sostenevano la formazione e trasmissione dei pregiudizi (Dovidio, 2001). Più recentemente, invece, si è aperta una fase durante la quale il focus è rivolto alle forme moderne di pregiudizio, che sono sempre meno facilmente identificabili (Pacilli, 2008). Per quanto riguarda il secondo ambito di indagine di questo lavoro, l’adozione, numerose ricerche si sono focalizzate sui compiti di sviluppo dei genitori, in quanto proprio nel caso dell’adozione internazionale, i genitori devono essere in grado di favorire l’integrazione del bambino in un contesto etnicamente e culturalmente diverso (Barni, Leòn, Rosnati, & Palacios, 2008) e questo è possibile facilitando lo sviluppo dell’identità etnica del bambino (Phinney, Horenczyk, Liebkind, & Vedder, 2001; Castle, Knight, & Watters, 2011) e

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Stefania Filippi Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1030 click dal 08/10/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.