Skip to content

L'asse spinale nel paziente traumatizzato: utilizzo e timing di applicazione

Informazioni tesi

  Autore: Mattia Balboni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Gabriella Bernardelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

INTRODUZIONE
La patologia traumatica è la principale causa di morte nei soggetti sotto i 44 anni di età, rappresentando una delle patologie di maggiore rilevanza clinica e prognostica che giungono all’attenzione degli Operatori dell’area emergenza-urgenza. La mortalità e gli esiti invalidanti conseguenti ai traumi, sono legati all’effetto diretto dell’impatto iniziale (danno primario), al manifestarsi di condizioni, come ipossia, ipercapnia e ipotensione, che aggravano l’entità delle lesioni e causano danni spesso irreversibili (danni secondari diretti) ed a complicanze cliniche rilevanti che insorgono anche come conseguenza del posizionamento del paziente su presidi di immobilizzazione spinale poco confortevoli, e per periodi di tempo prolungati (danni secondari indiretti).
OBIETTIVO DELLO STUDIO
Valutare l'operatività del personale sanitario nella gestione dei pazienti con trauma maggiore sulla base delle linee guida internazionali relative all'utilizzo dei presidi di immobilizzazione, verificando il tempo di stazionamento sul presidio di immobilizzazione assiale, nei dipartimenti di emergenza e accettazione (DEA) dell’Azienda Ospedaliera Universitaria (A.O.U.) “Maggiore della Carità” di Novara, e del presidio ospedaliero “Sant’Andrea” di Vercelli.
MATERIALI E METODI
Per la realizzazione dello studio sono state analizzate le principali pubblicazioni scientifiche in materia di gestione del politrauma internazionale degli ultimi anni (dal 2005 ad oggi), andando a paragonarle con la reale operatività nella gestione dei pazienti politraumatizzati presso i DEA in studio, applicando le seguenti criteri di inclusione:
• Classe patologica di rilascio 01 – patologia traumatica
• Pazienti con codice di triage di rilascio giallo o rosso
• Pazienti posti su tavola spinale
E di esclusione:
• Classe Patologica di rilascio non traumatica
• Codice di rilascio di triage bianco o verde
• Paziente non posizionato su tavola spinale
• Pazienti ricoverati in rianimazione
Per ogni paziente preso in esame, si sono analizzati in dettaglio, i reali tempi di stazionamento su presidio di immobilizzazione assiale.
DISCUSSIONE DEI RISULTATI
Il 46% dei pazienti, 39 casi, è stato rimosso dal presidio di immobilizzazione spinale nell’arco temporale compreso tra 1 e 2 ore, il restante 54% (45 casi) rimane sul presidio rigido per un tempo superiore a quanto indicato dalle linee guida internazionali (Prehospital Trauma Life Support), che indicano come tempo massimo di stazionamento su tavola spinale, due ore, prima di incorrere in lesioni secondarie. Alcuni pazienti raggiungono picchi temporali di 8 ore. Il tempo medio di stazionamento sul presidio spinale è di 170 minuti, cioè 2 ore e 50 minuti.
CONCLUSIONE
La sensibilizzazione del personale sanitario operante in DEA, per quanto riguarda la problematica dell’eccessivo tempo di stazionamento su spinale, è di fondamentale importanza. I pazienti spesso vengono valutati, attivando cosi il processo di diagnosi e cura, solamente secondo il codice colore di criticità, non prendendo in considerazione le tempistiche d’uso dei presidi, omettendo perciò le raccomandazione delle linee guida internazionali presentate dal PHTLS (tempo massimo di immobilizzazione su spinale, non superiore alle due ore).
Alla luce dei dati emersi, infatti questa situazione si verifica con molta frequenza, in quanto molti pazienti traumatizzati in esame, hanno sostato molto più del necessario sul presidio di immobilizzazione assiale, a causa di una sottostimata consapevolezza degli operatori di pronto soccorso delle lesioni secondarie da tavola spinale, ed a un non corretto e continuo utilizzo dei supporti standardizzati disponibili (rivalutazione paziente con cartella clinica digitale).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
  1     PREMESSA   I traumi rappresentano una delle patologie di maggiore rilevanza clinica e prognostica che giungono all’attenzione degli Operatori del Pronto Soccorso. Negli ultimi anni, soprattutto a causa dell'incremento della motorizzazione e della velocità dei veicoli, ci si è ritrovati ad assistere al progressivo aumento degli incidenti e spesso, purtroppo, delle morti o degli effetti invalidanti ad esso correlati. Questo triste fenomeno ha raggiunto nel tempo proporzioni talmente ampie da fare invidia a una vera e propria guerra. Il trauma è attualmente il più serio dei problemi sanitari (1). Secondo una recente statistica statunitense, in un anno, su un totale di quasi 70 milioni di persone colpite da eventi traumatici, 130.000 di queste, perdono la vita (1). L’evento traumatico è sempre un fenomeno complesso, poiché molto spesso vengono coinvolti simultaneamente più apparati e sistemi. La mortalità e gli esiti invalidanti conseguenti ai traumi, sono legati all’effetto diretto dell’impatto iniziale (danno primario), al manifestarsi di condizioni, come ipossia, ipercapnia e ipotensione, che aggravano l’entità delle lesioni e causano danni spesso irreversibili (danni secondari diretti) ed a complicanze cliniche rilevanti che insorgono anche come conseguenza del posizionamento del paziente su presidi di immobilizzazione spinale poco confortevoli, e per periodi di tempo prolungati (danni secondari indiretti) (2). L’impiego della tavola spinale, necessario per la protezione del paziente da ulteriori lesioni, viene prolungato nel tempo per necessità diagnostiche e assistenziali, diventando la probabile origine di danni secondari indiretti, effetto di un’immobilizzazione prolungata, evidente e clinicamente rilevabile (3). Il miglioramento del soccorso extra-ospedaliero e l’integrazione sempre maggiore con i servizi ospedalieri (pronto soccorso e medicina d’urgenza) ha quindi non solo l’obiettivo, di ridurre la mortalità nella prima fase del trattamento, ma soprattutto quello di limitare i danni secondari, diretti e indiretti, fattori, questi ultimi, responsabili della maggior parte degli esiti gravemente invalidanti (4). E’ necessario, dunque, un accurato esame generale dell’infortunato, che inizi sulla scena dell'evento traumatico e prosegua anche in fase intraospedaliera, in modo dinamico, fornendo costantemente una scala di priorità di intervento (1). La finalità di questo lavoro è di illustrare come un’equipe sanitaria con infermiere, operi in modo incisivo sul trattamento del paziente vittima di trauma; si illustrerà non tanto la sequenza del trattamento fine a sé stesso, quanto il significato e l’utilizzo delle risorse e dei presidi, dopo un’attenta valutazione delle indicazioni di utilizzo e delle relative complicanze.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lesioni
trauma
emergenza
dea
immobilizzazione
pronto soccorso
presidio
asse spinale
politrauma
tempistica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi