Skip to content

La bancarotta fraudolenta impropria: le operazioni dolose ex art. 223, comma secondo, n.2, legge fallimentare

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Mariucci
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Francesco Mucciarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 250

Dopo un fugace cenno ai soggetti del reato di bancarotta fraudolenta impropria e all’ipotesi contemplata all’art. 223, comma secondo, n.1 della Legge Fallimentare, l’analisi si concentra sul n. 2 della medesima norma, il quale sancisce la bipolare incriminazione, a titolo di bancarotta fraudolenta societaria, di condotte che cagionino fallimento con dolo e di ipotesi in cui il dissesto sia conseguenza di operazioni dolose. Nel constatare come le due locuzioni diano vita a figure delittuose profondamente diverse, focalizzando sul secondo inciso, si indaga, a seguito di un’approfondita analisi sul nesso causale richiesto tra condotta ed evento, circa il significato e la rilevanza penale dell’espressione “per effetto di operazioni dolose”.
Sul piano soggettivo, si cerca di cogliere l’elemento psicologico che, nascosto dietro all’aggettivo “dolose”, possa integrare la fattispecie di reato. Tra le varie voci dottrinali, emerge un autorevole giurista che individua, nel crimine in questione, la configurazione di una bancarotta strutturalmente preterintenzionale, secondo cui l’evento-fallimento rappresenta uno sviluppo progressivo più grave di quello che l’agente avrebbe voluto come conseguenza del proprio comportamento.
La componente psicologica, infatti, investe unicamente la condotta, la quale non è, pertanto, necessariamente connotata da una diretta ed immediata intenzionalità fallimentare.
Si configura, dunque, una responsabilità oggettiva dell’agente, che però non può derivare dalla mera causazione materiale dell’evento, dato che deve emergere anche la volontà del reo di ledere gli interessi della società e dei creditori sociali, nonché la consapevolezza ed accettazione del rischio che, dalla sua condotta, possa scaturire l’evento-fallimento.
Prima di procedere ad una disamina della casistica più significativa sull’argomento, si evince come, infine, sotto un profilo strettamente oggettivo, la dottrina dominante identifica le operazioni dolose in condotte di soggetti intranei all’amministrazione della società che, mediante abuso di poteri o violazione di doveri inerenti alla carica e a prescindere da un eventuale profitto, vogliano arrecare danno alla società e ai creditori della stessa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
15 CAPITOLO PRIMO LA BANCAROTTA FRAUDOLENTA SOCIETARIA Sommario: 1.1 Profili introduttivi – 1.2 Del reato di bancarotta – 1.2.1 La varie tipologie di bancarotta – 1.2.2 Lo scopo dell’incriminazione: la tutela degli interessi dei creditori – 1.2.3 La concezione patrimoniale del reato di bancarotta – 1.3 Della bancarotta impropria – 1.4 Della bancarotta societaria – 1.4.1 Precisazioni terminologiche – 1.4.2 Le fonti del reato di bancarotta e questioni applicative 1.1 PROFILI INTRODUTTIVI A partire dalla seconda metà del secolo scorso, l’economia moderna è riuscita a registrare uno sviluppo incredibilmente accelerato, che ha assistito ad enormi cambiamenti in ambito produttivo. Da un mondo prettamente agricolo ed artigianale, si è progressivamente passati all’universo dell’industria, che a sua volta non ha smesso mai di crescere e modificarsi. Le sue ultime evoluzioni hanno voluto spostare l’accento sul settore terziario, specie quello dei servizi, la cui crescita ha fomentato grande entusiasmo nel ramo economico. Entusiasmo che sfortunatamente il panorama giuridico non può condividere. Un risultato tanto prodigioso infatti, non ha purtroppo riguardato gli altri settori che hanno accompagnato tale crescita economica, e primo fra tutti, quello del diritto penale commerciale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bancarotta fraudolenta impropria
bancarotta
legge fallimentare
fallimento con dolo
operazioni dolose ex art. 223
art. 223, comma secondo legge fallimentare
bancarotta impropria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi