Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili giuridici e contenuti professionali del social recruitment: Usa e Italia a confronto

La tesi si propone di analizzare il nascente tema del social recruitment, inteso come il processo di ricerca e selezione del personale svolto tramite i social network. Il focus della ricerca è stato lo studio di come le agenzie di intermediazione utilizzino questo strumento e di come abbiano dovuto adeguare le proprie tecniche di recruitment ai nuovi strumenti introdotti dalla rivoluzione del web 2.0.
Al fine di fornire una panoramica esaustiva sul social recruitment sono stati analizzati i diversi ambiti che l’introduzione di questa pratica ha interessato: dall’evoluzione storica degli strumenti utilizzati nella ricerca e selezione del personale, allo stato dell’arte del social recruitment, passando per la gestione dell’immagine online da parte di aziende, agenzie e candidati, fino ad arrivare ad indagare le nuove competenze e le nuove figure professionali nate con l’avvento del web 2.0.
Da ultimo, sono state indagate le diverse scuole di pensiero circa i vincoli normativi del social recruitment, ovvero le limitazioni che la normativa pone sia al fine di evitare l’ingresso nel mercato della selezione e ricerca del personale di soggetti non autorizzati o accreditati, sia fenomeni discriminatori o di invasione della privacy personale in fase di screening dei curricula dei candidati o di colloquio di selezione.
Lungo tutto l’arco dell’indagine è stato effettuato un confronto parallelo con gli Stati Uniti d’America, luogo in cui il social recruitment affonda le sue origini.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione “You say you want a revolution Well, you know We all want to change the world.” 1 Così cantavano i Beatles nel 1968 parlando della rivoluzione culturale che stava attraversando la Gran Bretagna, così come anche altri Paesi nel resto del mondo, in quel particolare momento storico. Certamente la rivoluzione di cui cantavano era una rivoluzione che avrebbe completamente ribaltato i paradigmi culturali e sociali dell’epoca, soppiantando in maniera definitiva gli esistenti, e per questo motivo forse non paragonabile a quella in corso oggigiorno. Tuttavia, non si può negare come anche ora sia in atto una vera e propria rivoluzione culturale. Infatti, con l’arrivo del web 2.0 e, conseguentemente dei social network, il nostro modo di comunicare si è completamente modificato, e non solamente in riferimento al vocabolario, che si è arricchito di termini quali “chattare”, “postare”, “taggare”, “twittare” ecc., ma anche in riferimento al modo di pensare il nostro sistema relazionale. Difatti i social media hanno avuto la funzione di strumenti facilitatori delle relazioni tra le persone, riducendo le distanze fisiche. É innegabile la rivoluzione che i social network hanno dunque portato nella vita delle persone: inizialmente una rivoluzione sul piano personale, più recentemente sul piano professionale. Difatti alcuni professionisti non hanno impiegato molto a capire la portata innovativa di questi strumenti ed hanno iniziato ad applicarli al mondo del lavoro. Dal marketing, all’employer branding fino al processo di ricerca e selezione del personale. Ed è in particolar modo su quest’ultimo punto che il lavoro di tesi concentra il proprio focus: indagare come il processo di recruitment sia stato rivoluzionato dall’introduzione dei social network. In particolar modo, si è cercato di analizzare come i selezionatori del personale utilizzino questo strumento e di come abbiano dovuto adeguare le proprie tecniche di recruitment ai nuovi strumenti introdotti dalla rivoluzione del web 2.0. Partendo dunque da un’analisi normativa che cerca di mettere in luce come il web abbia modificato il sistema dei regimi autorizzatori per le agenzie di intermediazione, è stata successivamente svolta un’indagine sui diversi ambiti che l’introduzione di questa pratica ha interessato: dall’evoluzione storica degli strumenti utilizzati nella ricerca e selezione del 1 Da “Revolution”, canzone scritta da John Lennon e contenuta nell’album “Hey Jude” pubblicato dalla Apple Records nel 1970.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Carlotta Piovesan Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1101 click dal 10/12/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.