Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Crowdfunding: una visione d'insieme tra opportunità e prospettive future

La trattazione in oggetto vuole documentare come il crowdfunding possa assumere un ruolo di ponte tra le sfide della crisi finanziaria globale e le opportunità che il web oggi permette, aprendo nuove possibilità di finanziamento.
Nonostante si tratti di un fenomeno recente, ha già avuto un notevole successo. Tutto ciò porta a chiedersi quali siano le ragioni della sua affermazione.
Per rispondere a questa domanda può essere utile innanzitutto andare ad analizzare le origini del fenomeno, sia dal punto di vista dell’evoluzione del ruolo del consumatore (cap. 2), sia delle tecniche di crowdfunding sviluppatesi nel tempo (cap. 3).
Il crowdfunding necessita di una strategia di lancio e gestione, tema che verrà affrontato proponendo alcuni consigli per sostenere il successo di una campagna (cap. 4) e un’analisi delle diverse piattaforme a cui potersi affidare (cap. 5).
E’ opportuno, poi, contestualizzare il tutto nel quadro normativo di riferimento, con cui le aziende devono misurarsi e che fatica a reggere il passo dell’innovazione permesso dalla tecnologia. In particolare ci si soffermerà sulla situazione italiana e statunitense (cap. 6).
L’ultimo capitolo (cap. 7) riassume i precedenti per individuare i principali limiti e punti di forza del crowdfunding rispetto alle forme di finanziamento tradizionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
Crowdfunding: una visione d’insieme tra opportunità e prospettive future Tesi di Siro Martini - 3 - 1. INTRODUZIONE…………………………………… Negli ultimi anni due fenomeni, più di altri, hanno avuto un forte impatto sulla società: la crisi finanziaria e la nascita dei social network. Due fenomeni che implicano nuovi rischi e nuove opportunità per il tessuto economico. Le turbolenze nei mercati finanziari nel 2007/2008 hanno portato alla più grave crisi finanziaria dopo la Grande Depressione degli anni ’30. L’ascesa vertiginosa nel tasso d’insolvenza dei mutui subprime ha costretto un gran numero di agenzie di credito al fallimento, che ha reso oggi molto più difficile e costoso per imprese e famiglie l’accesso al credito [G. Giudici et al., 2012]. In particolare le banche tendono a penalizzare progetti e attività che comportano elevati costi fissi e lunghi periodi di gestazione, e le imprese che sono meno conosciute alle banche e che non possono esibire una lunga storia creditizia. E’ il caso soprattutto di imprese giovani e innovative (specie le start-up). Dall’altro lato la diffusione di internet presso un pubblico sempre più vasto e l’esplosione dei social network ha rivoluzionato l’approccio con il quale gli utenti si rivolgono al Web, che è passato fondamentalmente dalla semplice consultazione (seppure supportata da efficienti strumenti di ricerca, selezione e aggregazione) alla possibilità di contribuire alimentandolo con propri contenuti e interagendo con gli altri utilizzatori. Tutto ciò ha aperto nuovi scenari per le imprese: mentre precedentemente solo una selezionata minoranza poteva sperare di raccogliere fondi tra il pubblico, ora chiunque può costruire una comunità online, coinvolgendo

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Siro Martini Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14977 click dal 10/01/2014.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.