Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La qualità come strategia di internazionalizzazione

Con il seguente lavoro, strutturato in quattro capitoli, ho tentato di evidenziare l’importanza crescente che la qualità è andata assumendo nel corso degli ultimi anni. Il presente lavoro inizia con una panoramica sulla qualità considerata nei suoi molteplici aspetti. La prima parte del capitolo è stata dedicata all’analisi della qualità intesa in senso stretto; non esiste una definizione univoca del termine qualità in quanto essa, oltre che mutare nel tempo in relazione all’evoluzione della società e dell’economia, è funzione del tipo di analisi condotta, e quindi della strumentazione teorico-analitica che si intende adoperare. Inoltre verrà esposto il diverso significato che la qualità riveste per l’azienda e per i consumatori. Infine è esposta l’evoluzione che il concetto di qualità ha subito nel corso del tempo a partire dalla produzione artigianale fino ai giorni nostri. La seconda parte del capitolo è dedicata all'analisi della sicurezza alimentare e alla la crescente importanza data dal consumatore all’impatto che i prodotti hanno sull'ambiente e la sempre maggiore attenzione che le imprese mostrano per il soddisfacimento delle esigenze di tutti gli stakeholder. Il secondo capitolo è dedicato alle multinazionali che a partire dagli anni ’60 hanno assunto un ruolo sempre più preponderante nell’economia mondiale. Nel terzo capitolo ho voluto trattare il tema degli strumenti di cui le imprese dispongono per dimostrare sul mercato la loro attenzione per la qualità. In particolare ho concentrato l'attenzione sulla metodica HACCP, sull'etichettatura e sulle varie certificazione ISO. Nel quarto ed ultimo capitolo si passa all’analisi delle strategie concrete poste in essere da importanti multinazionali a livello mondiale per garantire la sicurezza dei loro prodotti. Tra i casi che saranno esposti vi sono quello della Nestlè, Coca-Cola, Danone, Ferrero, Barilla e McDonald’s.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Con il seguente lavoro, strutturato in quattro capitoli, ho tentato di evidenziare l’importanza crescente che la qualità è andata assumendo nel corso degli ultimi anni. Infatti il consumatore è diventato sempre di più un attore attivo negli acquisti, sempre più competente ed esigente. In tale contesto la qualità si configura come un importante strumento per garantire la soddisfazione della clientela ed il miglioramento continuo dell’azienda. Promuovere la qualità e integrarla nel proprio sistema aziendale non vuol dire essere conformi alle norme vigenti con l’obiettivo di evitare sanzioni e ottenere un semplice “pezzo di carta”, ma quest’ultimo deve costituire un trampolino di lancio verso l’adozione di un nuovo modello gestionale. Fare qualità significa credere che il dovere di un’azienda sia quello di soddisfare le esigenze del cliente e di offrire un prodotto con le migliori caratteristiche al prezzo più basso possibile; significa credere nella capacità del consumatore di effettuare scelte ponderate e di premiare il miglior rapporto qualità-prezzo. Il presente lavoro inizia con una panoramica sulla qualità considerata nei suoi molteplici aspetti. La prima parte del capitolo è stata dedicata all’analisi della qualità intesa in senso stretto; non esiste una definizione univoca del termine qualità in quanto essa, oltre che mutare nel tempo in relazione all’evoluzione della società e dell’economia, è funzione del tipo di analisi condotta, e quindi della strumentazione teorico-analitica che si intende adoperare. Tale aspetto caratterizzante la qualità ha portato la letteratura a fornire diverse definizioni e

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Carmen Alessia Esposito Contatta »

Composta da 266 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3134 click dal 15/01/2014.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.