Skip to content

Città (dis)agibili

Informazioni tesi

Autore: Valentina Cattro
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2011-12
Università: Università degli Studi di Torino
Facoltà: Lettere e Filosofia
Corso: Scienze sociologiche
Relatore: GiovanniSemi
Lingua: Italiano
Num. pagine: 101

Nonostante il cambiamento del concetto di handicap avvenuto nel tempo, si è ancora lontani da una vera integrazione del disabile e dal favorire la sua autonomia nelle azioni quotidiane, a causa delle barriere mentali e materiali tuttora esistenti. La dissertazione, articolata in tre capitoli, ha l’obiettivo finale di focalizzare l’attenzione sulle conseguenze che le barriere architettoniche hanno sulla partecipazione sociale del disabile e di come esse ne determinino la condizione. Il primo capitolo descrive la nascita e l’evoluzione degli studi sulla disabilità (Disability Studies) concentrandosi su alcune teorie finalizzate ad interpretare e definire un nuovo significato di handicap che esuli dal paradigma medico, ma analizza anche il rapporto tra disabilità, diritto e considerazione pubblica. Il secondo capitolo illustra il tema delle barriere architettoniche attraverso una rassegna delle iniziative e dei provvedimenti intrapresi in diversi Paesi e città esteri, per giungere infine ad un confronto con la realtà italiana che ha affrontato questo tema con notevole ritardo, soprattutto rispetto ai Paesi Nord Europei. Il terzo ed ultimo capitolo è il risultato di una personale ricerca sul campo finalizzata a dimostrare, empiricamente, come le barriere fisiche e mentali possano condizionare il disabile che vuole vivere la città in autonomia.
La ricerca è stata effettuata percorrendo su sedia a rotelle alcune vie della città di Torino, al fine di valutare il grado di accessibilità di esercizi commerciali, in cui sono state raccolte le motivazioni del personale su eventuali inadempienze o interventi meritori, spazi pubblici e luoghi culturali, non limitandosi alla mera osservazione. Per una valutazione obiettiva sull’agibilità della città, sono stati contattati anche funzionari dell’Amministrazione Comunale e del Trasporto Urbano, ai quali sono stati sottoposti interrogativi sui provvedimenti adottati per l’eliminazione delle barriere architettoniche nel Settore Pubblico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione La scelta dell’argomento della tesi è dovuta a motivi legati alla condizione personale di disabile, che si pone il quesito dello scarso interesse, soprattutto nel nostro Paese, sulla disabilità come fattore sociale. Nonostante il cambiamento del concetto di handicap avvenuto nel tempo si è ancora lontani da una vera integrazione del disabile e dal favorire la sua autonomia nelle azioni quotidiane, a causa delle barriere mentali e materiali tuttora esistenti. La dissertazione verrà articolata in tre capitoli i cui contenuti hanno l’obiettivo finale di focalizzare l’attenzione sulle conseguenze che le barriere architettoniche hanno sulla partecipazione sociale del disabile e di come esse ne determinino la condizione. Nel primo capitolo, verranno descritte le diverse concezioni della disabilità in alcuni periodi storici quali Greco Antico, Medio Evo, Illuminismo, dove il disabile era considerato, in ordine di tempo, un maledetto dagli dei, un infelice da commiserare, un menomato da correggere, senza interrogarsi su cosa implicasse essere disabile nella società. Per avere una lettura di questo tipo bisognerà attendere la seconda metà del XX secolo, epoca in cui a seguito del forte aumento di invalidi provocato dalle due Guerre Mondiali e al loro reinserimento nella quotidianità, nella seconda metà degli anni ’60 il significato di disabilità inizia a non coniugarsi solamente ad una patologia medica, ma ad uno status della stessa causata dalla società medesima. In questo periodo sorgono inoltre, negli Stati Uniti, i primi movimenti di rivendicazione dei diritti civili per una nuova concezione sociale del “diverso”, che include anche il disabile. Il Movimento e i suoi principi arriveranno anche in Europa e, negli anni ’70, nasceranno in Gran Bretagna studi a carattere umanistico multidisciplinare, i Disability Studies, il cui difficile obiettivo è definire ed interpretare il concetto di disabilità astratto dal paradigma medico. In relazione alla complessa rielaborazione del significato di disabilità che esuli dagli stereotipi a cui essa è legata, verranno esaminati i modelli sociali e la prospettiva materialista storica illustrati da Brendan Gleeson nel suo libro Geographies of Disability. Successivamente all’analisi dello sviluppo del rapporto tra scienze sociali ed handicap, si osserverà quello tra considerazione pubblica e disabilità, sottolineando l’interesse di un’organizzazione a livello mondiale come l’ONU, che nel 2006 ha approvato la Convenzione per i Diritti delle Persone con Disabilità, e le finalità principali di alcune di associazioni a livello nazionale che si occupano della tutela dei

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disabilità
sociologia urbana
barriere architettoniche
stigmatizzazione
disability studies
costruzione sociale della disabilità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi