Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le frodi nell'ambito della filiera dell'olio d'oliva, gli aspetti normativi e l'operato dell'Ispettorato Centrale della tutela della Qualità e Repressione Frodi dei prodotti agroalimentari

Questo lavoro nasce dall'unione di più aspetti attinenti il settore delle industrie agrarie, in particolare quello oleario, che hanno colpito il mio personale interesse e che per alcuni motivi sono legati a problematiche attuali. L'interesse per la materia ed il supporto del Relatore Prof. Bettini hanno consentito di focalizzare l'attenzione sugli aspetti della qualità delle produzioni, della tutela della qualità, dei metodi per la repressione delle frodi nel settore dell'olio d'oliva. Il comparto olivicolo-oleario è insito nella nostra cultura e riunisce la tradizione locale alla tecnologia produttiva più moderna ed agli studi finalizzati al suo miglioramento.
Oltre alla presente introduzione, nella quale si è anche esposto qualche breve cenno storico sulla coltura dell'olivo e sulla sua dinamica di diffusione nel territorio, si è sviluppato il lavoro con un capitolo sulla filiera dell'olio d'oliva, al fine di riunire in un quadro generale le dinamiche legate a tutto il settore, compresi gli aspetti commerciali del prodotto olio d'oliva. Si è proseguito con un capitolo dedicato ai processi tecnologici di estrazione, alla composizione chimica ed alle costanti chimico-fisiche dell'olio, evidenziando soprattutto le correlazioni con la qualità del prodotto. Nello stesso capitolo si sono trattate alcune fasi post-estrazione correlate alla qualità degli oli d'oliva, ai difetti ed ai trattamenti per la loro correzione.
Una parte dell'argomento della presente attiene alla tutela della qualità, per cui si è ritenuto opportuno analizzare tutti gli aspetti di carattere generale, in funzione della qualità del prodotto.
Il capitolo che segue è incentrato sugli aspetti normativi, comunitari e nazionali della filiera olearia, evidenziando i punti salienti delle norme principali e secondarie in vigore ad oggi.
Le frodi nella filiera olearia sono trattate nel capitolo 4, nel quale si sono enunciate le definizioni e descritte le principali tipologie di frode, con particolare riferimento alla fase della filiera stessa.
Segue il capitolo dedicato all'Istituzione che per eccellenza si occupa della tutela della qualità e della repressione delle frodi nel settore agroalimentare, con particolare riferimento al settore oleario. Questa parte descrive l'attuale organizzazione dell'Ispettorato ed i metodi di controllo e repressione.
Il presente lavoro termina con delle considerazioni ed analisi, anche finalizzate a suggerire delle idee per una migliore prevenzione e lotta alle frodi, fornire degli spunti per lavori di tipo sperimentale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREMESSA ↓ IMPORTANZA DEL SISTEMA DI CONTROLLO E REPRESSIONE ↓  Tutelare ed informare correttamente il cittadino consumatore  Tutelare e garantire la salubrità e la qualità dei prodotti agroalimentari  Reprimere la concorrenza sleale e la frode in commercio ↓ a) Tutela delle imprese oneste, delle loro quote di mercato, dei loro investimenti, dei posti di lavoro; b) Tutela delle risorse economiche investite nella ricerca da parte di aziende private e soggetti pubblici (Università e laboratori di ricerca)  Colpire le imprese che attuano comportamenti illeciti

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze e tecnologie applicate

Autore: Gianluca Carlotti Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1476 click dal 28/02/2014.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.