Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Arbitro Bancario Finanziario, struttura, funzioni e raccolta di decisioni in tema di servizi di pagamento

L'Arbitro Bancario Finanziario è un mezzo alternativo per la risoluzione delle controversie tra clienti ed intermediari. La tesi è formata da tre capitoli: nel primo si cerca di capire come l'ABF si colloca nel più complesso insieme delle ADR; il secondo capitolo studia ed analizza la struttura e le funzioni dell'ABF; nel terzo capitolo si ripercorrono le decisioni del Collegio sul tema dei metodi di pagamento: analizzando la casistica relativa al furto dei mezzi di pagamento. Oltre a studiare l'ABF nella tesi si ripercorre la storia dell'arbitrato analizzando le funzioni e strutture delle svariate tipologie dell'istituto; si analizza lo sviluppo introdotto in materia dalle numerose raccomandazioni dell'UE.

Mostra/Nascondi contenuto.
~ 3 ~ Premessa Il problema della giustizia è strettamente legato all’economia, la quale ne risente fortemente. L’intuizione degli ultimi dieci anni è stata quella di incentivare e perfezionare ogni sistema di risoluzione alternativo a quello ordinario. Partendo dagli effetti nega- tivi che la lentezza della giustizia provocava sul mercato unico si è da- to il via ad una rivoluzione epocale e necessaria. L’Europa già da tempo aveva notato come i costi ed i tempi della giustizia, insieme alle differenti norme processuali, frenassero la scambio transfrontaliero di beni, così ha prima invitato e, poi, obbligato i paesi membri a dar vita a sistemi alternativi che dovevano raggiungere un obiettivo per certi versi irraggiungibile: la giustizia rapida, certa ed inesorabile. In questo contesto storico nasce l’Arbitro Bancario Finan- ziario, il quale non è il “paladino della giustizia” , ma più semplice- mente è un organo che ha il compito di risolvere il contenzioso nato tra clienti e intermediari. Il suo successo è scritto nelle tabelle che ogni anno mostra- no come l’ABF venga a conoscenza e risolva molte liti, ma forse pro- prio il sempre crescente utilizzo potrebbe essere il tallone d’Achille dell’attuale assetto. L’ABF, così come strutturato, è funzionante ed ef- ficiente ma, se dovesse essere afflitto da un numero improponibile di contenziosi, potrebbe risultare inefficacie. Quindi, appare opportuno un aggiornamento poiché, dato il sempre maggiore successo che ri- scuote, risulta necessario aumentare i collegi o creare dei distaccamen- ti ulteriori.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Scaccia Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2787 click dal 18/03/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.