Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Postresuscitation care e Ipotermia post Arresto Cardiaco: dalle linee guida al nostro contesto clinico

Introduzione: I sopravvissuti ad arresto cardiaco vanno incontro a danno ischemico cerebrale, che può condurre ad outcome sfavorevole e a morte. Con il termine di ipotermia terapeutica (IT) si intende l’induzione di una temperatura corporea di 32°-34° C allo scopo di limitare il danno cerebrale conseguente proprio ad arresto cardiaco.
Obiettivi: Valutare l’efficacia del trattamento in una realtà come l’Ospedale “S.S. Annunziata” di Chieti in cui il protocollo terapeutico è stato recentemente introdotto. Dimostrando come con semplici ed economiche tecniche di raffreddamento di possa migliorare l’outcome neurologico dei pazienti sopravvissuti ad ACC.
Materiali e metodi: Il tipo di studio condotto è di tipo retrospettivo, caso-controllo. Il follow up dei pazienti è stato condotto mediante il controllo delle cartelle cliniche e tramite la consultazione del sistema informativo Ospedaliero. Inoltre ho maturato una breve esperienza di circa 20 giorni presso l’U.O di Rianimazione dell’ Ospedale Maggiore di Bologna.
Risultati: Lo studio nonostante il numero ridotto del campione mostra come il trattamento dell’ipotermia terapeutica sia estremamente efficace nel diminuire la mortalità e nel migliore l’outcome neurologico nel paziente vittima di ACC extraospedaliero. I risultati da noi ottenuti sono assolutamente in linea con quelli presenti in letteratura.
Conclusioni: In molte realtà ancora oggi non viene adottato un protocollo per l’applicazione del trattamento ipotermico, e questo è dovuto in parte all’ostilità dei sanitari nei confronti di un trattamento innovativo e dall’altra dalla mancanza di device appositamente progettati per il trattamento di questi pazienti, ma l’implementazione dell’ ipotermia terapeutica dovrebbe prescindere dalla loro presenza nei reparti ICU.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Introduzione I sopravvissuti ad arresto cardiaco improvviso vanno incontro a danno ischemico cerebrale, che può condurre ad outcome sfavorevole e a morte. La lesione, durante rianimazione cardiopolmonare e suc- cessivo ripristino di circolazione spontanea (ROSC), viene descritta come danno globale da ischemia- riperfusione. Questo dà il via ad una cascata infiammatoria deleteria, coinvolgendo l’intero organismo, e che può durare per diversi giorni. Il trattamento diretto a minimizzare la risposta infiammatoria e la risposta cellulare, durante il periodo di riperfusione, può migliorare l’outcome del sopravvissuto ad arresto cardiaco. Fino a non molto tempo fa, il trattamento post-rianimatorio veniva considerato “l’anello debole” della catena della sopravvivenza 1 . Tuttavia l’introduzione dell’ipotermia terapeutica moderata (MTH), definita come una riduzione della temperatura corporea fino a 32°-34°C, in seguito a ROSC (return of spontaneous circulation), ha enfatizzato l’importanza di un adeguato trattamento post-rianimatorio. Il principale effetto protettivi dell’ipotermia terapeutica consiste nella limitazio- ne della lesione cerebrale globale, soprattutto in termini di: riduzione del metabolismo cerebrale 2 3 , riduzione dell’apoptosi 4 6 , riduzione del flusso intracellulare di calcio 7 , riduzione dell’acidosi 8 9 , riduzione dell’infiammazione 10 11 , ridotta produzione di ossido nitrico e di radicali liberi 12 . A cio si aggiunge il mantenimento dell’integrità della barriera emato-encefalica e la riduzione dell’edema cerebrale 13 15 . Questi sono tutti fattori associati ad out come sfavorevole. ILCOR (the International Liaison Commitee on Resuscitation) raccomanda l’utilizzo della MTH già a partire dal 2003 16 . Le linee guida ERC 2010 enfatizzano ulteriormente l’importanza del trattamento nella sindrome post ACC (arresto cardio-circolatorio) e l’importanza di un chiaro e strutturato protocollo di trattamento post ROSC, al fine di aumentare la sopravvivenza delle vittime di arresto cardiaco. Inoltre viene con- siderato l’uso dell’ipotermia terapeutica (TH) anche nel sopravvissuto comatoso vittima di ACC con 1

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Laura Di Stefano Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12791 click dal 03/04/2014.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.