Skip to content

La Tragedia del Linguaggio: messa in scena di un'antropogenesi

Informazioni tesi

Autore: Gaia Barbieri
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2009-10
Università: Università degli Studi di Milano
Facoltà: Lettere e Filosofia
Corso: Filosofia
Relatore: CarloMontaleone
Lingua: Italiano
Num. pagine: 112

Una domanda, un autore teatrale e otto parole sono i personaggi principali di questo elaborato.

La domanda è vertiginosamente ampia: quale rapporto possiamo tracciare tra linguaggio e natura umana, cosa comporta il fatto che la nostra specie parli, e in che senso la facoltà di articolare parole dischiude la possibilità della nostra genesi - di ogni nostra genesi? L’ipotesi che ho scelto di sostenere e di sondare in ogni sua conseguenza teoretica e pratica è la seguente: non possiamo immaginare l’animale razionale al di fuori dell’orizzonte linguistico, e, anzi, animale proposizionale è il modo più onesto in cui ritengo che ci sia consentito dirci uomini. Ho condotto la mia indagine da una prospettiva politica e teatrale: non riesco infatti ad immaginare una riflessione sull’uomo che prescinda dalla politica, né una politica lontana dalla scena del fenomenico.

L’autore teatrale è un signore rumeno di nascita e francese di adozione, che, prima di diventare drammaturgo, detestava sinceramente il teatro: Eugène Ionesco (1909-1994). Attivo tra gli anni ’50 e gli anni ’80, egli è famoso come principale esponente del teatro dell’assurdo; nonché per aver dissezionato, nelle sue opere, il linguaggio e le tradizionali norme dell’estetica, della scrittura e della messa in scena teatrale. Sono state proprio le sue opere - e in particolare il suo primo testo, la Cantatrice calva, il cui sottotitolo, La tragedia del Linguaggio, dà il titolo a questa tesi - e le sue Note e contronote sul teatro, sul linguaggio e sull’uomo ad ispirare e a dare corpo alle pagine che seguono.

Ognuna delle otto parole apre un capitolo di questa tesi, e ne costituisce il nucleo tematico.
La prima parola è λόγος, e cioè, appunto, la parola che struttura il pensiero lineare, fondamento rassicurante e apparentemente saldissimo di ogni umanità, che però nasconde ombre e contraddizioni, e che non è affatto un punto di partenza assodato.
La seconda parola è margine, termine che designa tutto ciò che sfugge non appena viene raggiunto, e in particolare la pericolosa terra di nessuno nella quale è possibile l’incontro con gli altri e con se stessi.
La terza parola è solipsismo, la condizione di isolamento totale nel proprio ipse, l’ignoranza senza scampo del mondo e degli ipse altrui, e dunque l’impossibilità di comunicare, il naufragio di ogni parola.
La quarta parola è πρα̃ξις, e cioè la prassi che, attivando la facoltà di linguaggio, ci genera come esseri umani. Questa prassi, in primo luogo teatrale, sarà lo spunto per abbozzare una proposta politica.
La quinta parola è gregge, ovvero la condizione collettiva che disattiva la politica e comporta l’appiattimento dell’uomo alla sua funzione sociale. Il belato del gregge è il linguaggio convenzionale automatico che interrompe e sovverte ogni antropogenesi.
La sesta parola è malapropismo, e indica una situazione linguistica in cui il parlante, consapevolmente o meno, pronuncia un termine inadatto al contesto con l’intenzione di suggerirne un altro al suo interprete. L’errore impedisce davvero la comprensione reciproca? L’infrazione delle convenzioni va evitata ad ogni costo?
La settima parola è racconto, il gioco di dirsi che sta al cuore di ogni pratica umana. Pensiero, conoscenza, storia e identità non sono altro che racconti. Il rapporto tra λόγος e μυ̃θος (tra pensiero razionale e mito) è più complicato di quel che può sembrare.
L’ottava e ultima parola è τράγος ώ̨δή, e cioè la tragedia che traspare fin dal titolo di questa indagine. La tragedia dell’uomo e del suo linguaggio non va negata, ma vissuta e raccontata fino in fondo, perché l’eroismo di essere soltanto uomini (e di articolare parole come unica risorsa per coesistere, e quindi per esistere) consiste nell’accettare la crisi che rende instabile e precaria ogni genesi. Questo, peraltro, è il punto focale della mia tesi, il nodo che non mi propongo di sciogliere, ma almeno di mostrare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione -Perché scrive?- si domanda spesso allo scrittore. -Dovreste saperlo,- potrebbe rispondere lo scrittore a coloro che lo interrogano. -Dovreste saperlo dal momento che leggete ciò che scriviamo; se infatti ci leggete e se continuate a leggerci, la ragione è che avete trovato qualche cosa, un nutrimento, qualche cosa che corrisponde ai vostri bisogni. Perché dunque avete questo bisogno, e che specie di nutrimento siamo noi? Se io sono scrittore, perché voi siete miei lettori? È in voi stessi che troverete la risposta alla domanda che mi avete posto. Eugène Ionesco, Note e contronote. Una domanda, un autore teatrale e otto parole sono i personaggi principali di questo elaborato. La domanda è vertiginosamente ampia: quale rapporto possiamo tracciare tra linguaggio e natura umana, cosa comporta il fatto che la nostra specie parli, e in che senso la facoltà di articolare parole dischiude la possibilità della nostra genesi - di ogni nostra genesi? L’ipotesi che ho scelto di sostenere e di sondare in ogni sua conseguenza teoretica e pratica è la seguente: non possiamo immaginare l’animale razionale al di fuori dell’orizzonte linguistico, e, anzi, animale proposizionale è il modo più onesto in cui ritengo che ci sia consentito dirci uomini. Ho condotto la mia indagine da una prospettiva politica e teatrale: non riesco infatti ad immaginare una riflessione sull’uomo che prescinda dalla politica, né una politica lontana dalla scena del fenomenico. L’autore teatrale è un signore rumeno di nascita e francese di adozione, che, prima di diventare drammaturgo, detestava sinceramente il teatro: Eugène Ionesco (1909-1994). Attivo tra gli anni ’50 e gli anni ’80, egli è famoso come principale esponente del teatro dell’assurdo; nonché per aver dissezionato, nelle sue opere, il linguaggio e le tradizionali norme dell’estetica, della scrittura e della messa in scena teatrale. Sono state proprio le sue opere - e in particolare il suo primo testo, la Cantatrice calva, il cui sottotitolo, La tragedia del Linguaggio, dà il titolo a questa tesi - e le sue Note e contronote sul teatro, sul linguaggio e sull’uomo ad ispirare e a dare corpo alle pagine che seguono.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teatro
linguaggio
natura umana
antropogenesi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi