Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il testimonial nella comunicazione di Telecom Italia

Il presente lavoro di tesi verte sull'analisi del mercato comunicazionale e pubblicitario e in particolare ho preso in esame quello dell'azienda Telecom perché vi lavoro da diversi anni.
La ricerca è stata suddivisa in tre parti. Nella prima parte ho eseguito uno studio del processo comunicazionale nell'impresa, dei modelli comunicazionali presenti passati e futuri utilizzati dall'impresa e in particolare delle strategie comunicazionali adottate dai diversi player con un focus su quelle utilizzate da Telecom.
Nella seconda parte ho svolto uno studio sulla pubblicità in generale e sul suo significato per la società e per gli utenti. In particolare ho eseguito anche un'analisi del mercato pubblicitario e dei relativi investimenti dei diversi player. Ho analizzato il media mix che ogni società deve redigere per individuare quali sono i mezzi da utilizzare per ottenere buoni risultati e incentivare le vendite. A questo ho affiancato lo studio del modello comunicazionale adottato da Telecom.
Nel terzo capitolo ho analizzato la figura del testimonial in pubblicità e il suo portato. Questo perché "se la pubblicità è l'anima del commercio, il testimonial è l'anima della pubblicità con il suo volto spensierato e felice, che spesso nasconde segreti da conoscere". Ho sviluppato anche uno studio sulla figura del testimonial focalizzando la mia attenzione sull'uso della figura femminile e approfondendo il contenuto sull'uso che ne ha fatto Telecom negli ultimi cinque anni, analizzando e raffrontando due campagne pubblicitarie: quella con la top model Bianca Balti e quella con la cantante Chiara Galiazzo e ho fatto anche un excursus sul nuovo testimonial maschile di Telecom, Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif.
Il passaggio da Bianca a Chiara è legato sia a un motivo sociologico che di avvicinamento ai giovani.
In un periodo di crisi economica come quello attuale, l'azienda ha deciso di seguire un pensiero vicino ai giovani volendo trasmettere il messaggio che il successo difficilmente arriva senza attuare sacrifici e lavorare molto.
Infine parlo delle innovazioni attuali di Telecom e il suo "futuro" e il suo incremento di investimenti nella Ultra Broadband per sostenere sia la crescente adozione di servizi innovativi da parte di famiglie, aziende e pubblica amministrazione
La mia ricerca di tesi mi ha chiarito l'importanza della pubblicità per l'azienda e il suo riscontro in termini monetari, di engagement e di goodwill.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il presente lavoro di tesi si concentra sull’analisi del mercato comunicazionale e pubblicitario nel settore delle telecomunicazioni e in particolare quello del Gruppo Telecom Italia nel quale lavoro da diversi anni. La ricerca è stata suddivisa in tre parti. Nella prima parte ho eseguito uno studio del processo comunicazionale nell’impresa, dei modelli comunicazionali presenti passati e futuri utilizzati dall’impresa e in particolare delle strategie comunicazionali adottate dai diversi player con un focus su quelle utilizzate da Telecom. I dati derivano da fonti ufficiali (come i dati AGCOM) e da fonti interne di Telecom. Nella seconda parte ho svolto uno studio sulla pubblicità in generale e sul suo significato per la società e per gli utenti. In particolare ho eseguito anche un’analisi del mercato pubblicitario e dei relativi investimenti dei diversi player. Ho analizzato il media mix che ogni società deve redigere per individuare quali sono i mezzi da utilizzare per ottenere buoni risultati e incentivare le vendite. A questo ho affiancato lo studio del modello comunicazionale adottato da Telecom.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Michele Elia Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1028 click dal 29/07/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.