Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La rappresentazione del rischio d’impresa nella determinazione del reddito d’esercizio

L'elaborato analizza le principali definizioni di rischio, come esso viene generato e da dove deriva.
Il testo presenta un' attenta classificazione e una misurazione dei principali metodi per il suo fronteggiamento e, infine viene stabilito come calcolare il suo effettivo costo.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO PRIMO 1.1 Il Rischio come incertezza e come probabilità Per rischio si intende l’eventualità di subire un danno connesso a circostanze più o meno prevedibili 1 o, anche, la condizione in cui si trova un soggetto quando a ogni sua scelta sono associabili diverse conseguenze, ognuna con un determinato grado di probabilità 2 . Questa seconda definizione pone in rilievo il significato di probabilità: le “diverse conseguenze”, infatti, si distaccano dall’accezione prettamente negativa (downside risk) che la parola “rischio” porta con sé, introducendo un’idea diversa e più aperta di opportunità (upside risk) che, se adeguatamente gestito, può portare a risultati positivi. Considerando più specificatamente l’impresa, il rischio è strettamente connesso con l’incertezza del mercato in cui essa opera, derivando direttamente da un limite conoscitivo talvolta soggettivo e talvolta oggettivo. Nel primo caso si tratta di quelle situazioni che non possono venir modificate da un soggetto e non dipendono affatto dal proprio comportamento; nel secondo caso, invece, sono azioni che una soggetto compie e può modificare e quindi al quale, possono essere direttamente imputate le cause 3 . 1 Dizionario on line Treccani, http://www.treccani.it/ 2 Dizionario on line Garzanti, http://garzantilinguistica.sapere.it/ 3 “Le condizioni di incertezza alle quali soggiace l’operare d’azienda - sempre dominato da decisioni più o meno consapevoli e tempestive e anche dall’indecisione - allorchè producono le temute conseguenze ad influsso negativo, di fatto si trasformano in circostanze che manomano o addirittura annullano l’attitudine dell’azienda medesima ad esplicare la propria funzione strumentale, sul piano della realizzazione di sistematici processi di produzione per il mercato o di consumo a carattere erogativo. Codeste condizioni di incertezza possono essere oggettive o soggettive. Quelle della prima specie (condizioni oggettive di incertezza) riguardano – per quanto attiene la consapevole determinazione della condotta economica dell’azienda ed all’efficace controllo di questa stessa condotta – ciò che è “inconoscibile” in senso assoluto, date le possibilità del momento delimitate dallo “stato della scienza”, o in senso relativo, tenuto conto dei vincoli posti dall’economia dell’azienda stessa

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Norella Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 857 click dal 25/09/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.