Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Fair Play Finanziario nella gestione delle società di calcio

Il lavoro analizza la regolamentazione del Fair Play Finanziario nella gestione delle società di calcio, confrontando anche la situazione italiana con quella europea.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Gioco, sport, spettacolo e business, comunque lo si definisca il calcio rappresenta un fenomeno pervasivo, emblema come pochi altri di cosa significhi globalizzazione. É il fenomeno in grado di muovere passioni, interessi e capitali rilevanti tanto da porlo tra i settori più produttivi al mondo. E tutto ciò in controtendenza alla crisi economica che ha travolto il mondo intero, dal 2007 ad oggi il fatturato dei club di calcio è cresciuto in media di circa dieci volte di più rispetto all'economia generale. Anche in anni di forte recessione dell'economia generale il settore del calcio ha visto crescere i suoi ricavi e l'interesse intorno al fenomeno da parte dei media e della popolazione. Paradossalmente il calcio rappresenta anche un settore in forte crisi, afflitto da squilibri strutturali e da indebitamenti da allarme rosso. I dati economici dei club sono in genere caratterizzati da deficit, conseguenza di comportamenti gestionali imprudenti e poco rigorosi, crescita sfrenata degli stipendi e modelli economici finalizzati esclusivamente al raggiungimento dei risultati sportivi, lontani da ogni logica di sostenibilità e stabilità economica e finanziaria. La gestione delle società di calcio professionistiche é cambiata notevolmente negli anni in relazione ai mutamenti ambientali, inizialmente le associazioni sportive avevano come obiettivo il perseguimento del risultato sportivo e il miglioramento fisico e morale degli atleti. Successivamente la gestione dei club ha assunto caratteri prettamente imprenditoriali, il risultato sportivo rimaneva comunque l'obiettivo principe da raggiungere, ma per fare ciò si sono spese cifre sempre più elevate rendendo indispensabile il costante intervento da parte dei presidenti e dei soci per ripianare le perdite delle società. Soci e presidenti che non sempre si sono resi disponibili a pagare cifre importanti per pareggiare i conti delle società con il conseguente fallimento di alcune. Tutto ciò ha reso inevitabile che le Federazioni calcistiche dei principali Paesi, l'Italia tra i primi, si ponessero il problema di definire delle regole finalizzate a introdurre maggiore attenzione al rispetto dell'equilibrio

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Daniela Morra Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1209 click dal 24/10/2014.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.