Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Internazionalizzazione di un'impresa siciliana della filiera del legno-arredo: il caso della "Dott. Orazio Torrisi Legnami srl".

Il lavoro svolto ha lo scopo di delineare il processo di internazionalizzazione che è chiamata ad intraprendere la “Dott. Orazio Torrisi Legnami srl”, una piccola impresa siciliana, operante nel settore del legno-arredo, che ha incentrato la sua produzione sull’utilizzo di un materiale altamente sostenibile.
Il primo capitolo è stato per l’appunto incentrato sulla sostenibilità ambientale, a cui le imprese di oggi attribuiscono notevole importanza. In particolare, ci si è soffermati a descrivere il nuovo fenomeno che sta prendendo sempre più piede a livello mondiale: la green economy. Si tratta di un’economia capace di produrre un benessere di maggiore qualità e più equamente esteso, migliorando anche la qualità dell’ambiente e salvaguardando il capitale naturale.
Strettamente connesso alla sostenibilità ambientale è il secondo capitolo, che si concentra sull’analisi delle peculiarità di un materiale altamente sostenibile, il legno, e del relativo settore a livello nazionale, accompagnata da una accurata descrizione del perché le imprese della filiera del legno-arredo puntano oggi, più di ieri, all’internazionalizzazione.
Nel corso del terzo capitolo si è tentato di fotografare il profilo dell’impresa siciliana, protagonista in questa tesi, delineandone in particolare i punti di forza, di debolezza, le opportunità e le minacce, nonché gli elementi principali del suo marketing mix, le sue Aree Strategiche d’Affari e le caratteristiche del suo mercato attuale.
La motivazione da cui è scaturito questo lavoro è strettamente legata alla constatazione dei responsabili della Torrisi Legnami di vivere in una realtà ormai globalizzata, ove nessuna azienda può isolarsi nel proprio mercato locale, ma deve essere in grado di misurarsi con processi competitivi che avvengono a livello sovranazionale.
Il quarto capitolo è stato dedicato alla descrizione delle aree geografiche selezionate per l’esportazione dei prodotti dell’azienda: in particolare, Nord Africa, Medio Oriente ed Asia Meridionale. Queste sono state poi oggetto di un’approfondita analisi nel capitolo successivo, al fine di poter giungere alla scelta di un’unica area geografica, ed in particolare di due Nazioni (Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti), oggetto poi di ulteriori approfondimenti in termini di accessibilità ed ambiente competitivo, per arrivare in conclusione alla scelta di un solo Paese: gli Emirati Arabi.
Nell’ultimo capitolo si è quindi proceduto a delineare tutte le varie decisioni, di tipo qualitativo e quantitativo, che l’impresa è tenuta a prendere per mettere in pratica il suo programma di esportazione nel mercato estero selezionato e per valutare l’effettiva convenienza dell’investimento.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il processo di integrazione tra le economie della maggior parte del mondo, sviluppatosi soprattutto a partire dalla fine della seconda guerra mondiale, ha determinato un notevole avvicinamento ed una minore caratterizzazione delle aree geopolitiche del sistema economico mondiale, col risultato del progressivo annullarsi dei confini e delle distinzioni tra i singoli sistemi nazionali, oggi strettamente interconnessi sul piano economico e sociale. Tra le determinanti di tale processo, un ruolo centrale può essere assegnato allo sviluppo internazionale delle imprese e al trasferimento oltre i confini domestici di beni e servizi, capitali, risorse, tecnologie, informazioni e dati. Non a caso sempre più rilevante è il numero delle aziende con una crescente e significativa presenza nei mercati internazionali, e sempre più variegate appaiono, peraltro, le forme da loro assunte. Come è noto, il sistema produttivo dell’Italia si caratterizza per la forte presenza di imprese di piccole e medie dimensioni che hanno contribuito in modo significativo allo sviluppo economico e sociale del Paese e sono riuscite a ritagliarsi spazi sempre maggiori nel processo di internazionalizzazione che ha interessato l’economia italiana, soprattutto negli ultimi anni, caratterizzati dalla terribile crisi che ha avuto origine nei paesi più industrializzati. La caratteristica peculiare di tale congiuntura è senza dubbio la sua grandezza, ed il fatto che stia sfociando in una vera e propria crisi mondiale senza precedenti. Tra i suoi effetti diretti vi è senza dubbio la diminuzione del potere d’acquisto e, di conseguenza, dei consumi, che ha portato ad un rallentamento della produzione che, in ambito nazionale, ha spinto le grandi fabbriche ad una diminuzione del personale, causando un aumento della disoccupazione su tutto il territorio. Le imprese italiane hanno quindi visto nell’internazionalizzazione l’unica via di fuga da tale situazione estremamente difficile, individuando in altri paesi i potenziali scenari di una nuova ripresa. Da una ricerca di UPA (Utenti Pubblicità Associati) e AssoComunicazione è emerso che, dopo i due più gravosi temi della crisi

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Elisa Giuseppina Torrisi Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 354 click dal 17/11/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.