Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Riforma Gregoriana

L'analisi storica e giuridica del periodo relativo alla lotta per le investiture, con visioni prospettiche ex post sui significati sociali e soggettivi delle sue conseguenze.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I NASCITA E FORMAZIONE RELIGIOSA DI GREGORIO VII Il primo dato incerto e discusso della vita di Gregorio VII riguarda l’anno della sua nascita. Essa fu portata al 1002 dal Gfrörer e al 1025 dal Martens; i Bollandisti la fissarono nell’anno 1020, ma solo lo Jaffé tentò una prima discussione critica dei dati della tradizione. 1 Egli ebbe anche il merito di porre in evidenza l’importante testimonianza che ci offre in proposito un passo del “Micrologus de ecclesiasticis observationibus” attribuito a Bernoldo di Costanza e scritto poco tempo dopo la morte di Gregorio VII. Questo passo fu messo dallo Jaffé in rapporto ad un altro della lettera che Gregorio VII scrisse a Ugo di Cluny il 22 Gennaio 1075 per esprimere all’amico l’amarezza del suo animo, le sue pene, le sue speranze. Poiché Ildebrando sarebbe venuto a Roma all’età di venti anni, all’epoca del suo decimo antecessore (Benedetto XI, secondo lo Jaffé), che pontificò tra il 1032 e il 1044, egli sarebbe nato tra il 1012 e il 1024. Alla difficoltà che le fonti concordi oppongono alla tesi dello Jaffé, designando Ildebrando come “puer” nel momento in cui si trova per la prima volta in Roma, l’illustre erudito obiettava che, secondo le definizioni del diritto canonico, “puer” può indicare un giovane al di sotto dei 25 anni! Giustamente il Fliche faceva osservare che il passo del Registro di Gregorio “ … Romae quam … iam a viginti annis inhabitavi …” non si può intendere nel senso che egli fosse venuto a Roma all’età di venti anni, ma forse che nel momento in cui scriveva 1 La discussione è riassunta in A. FLICHE, La Réforme grégorienne cit., vol. I, p. 374, n. 1. V. anche P. JAFFÉ, Monumenta Gregoriana, in Bibl. Rer. Germ. To. II, Berlino, 1865, p. 632, n. 6. V. anche, per tutte le questioni inerenti la giovinezza di Ildebrando, la discussione dei risultati della più moderna storiografia, compiuta da G. MICCOLI, nella voce Gregorio VII, in Bibliotheca Sanctorum, vol. VII, Roma 1966, coll. 294-298.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianfranco Musiani Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 340 click dal 19/11/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.