Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

AFFRONTARE IL GLOBALE CON STRUMENTI LOCALI: quattro casi di cooperazione decentrata in Italia

L'attuale scenario mondiale sembra essere connotato da alcuni decenni dalla contrapposizione, e contemporaneamente dall'intersezione, tra le dimensioni del globale e del locale. Questi concetti, protagonisti del dibattito politico, economico, sociologico e mass-mediologico sulla società del XXI secolo, interessano anche l'oggetto della presente ricerca: la cooperazione decentrata.
Questa si propone di affrontare questioni di grande complessità e portata globale come la povertà, lo sviluppo e la cooperazione internazionale con gli strumenti, le prassi e i programmi di azione dei Governi Locali.
Sono infatti gli Enti Locali i protagonisti della cooperazione decentrata i quali volontariamente scelgono di intervenire, pur con mezzi spesso limitati, per affrontare questioni di così ampia portata. È proprio tale elemento che costituisce una interessante innovazione: ad occuparsi di cooperazione allo sviluppo non sono più solo i governi nazionali ma anche soggetti pubblici locali .
La ricerca ha l'obiettivo di esplorare e verificare il concreto realizzarsi di interventi di cooperazione decentrata, attraverso lo studio di alcuni casi, riguardanti Enti Locali con caratteristiche demografiche, economiche e sociali molto diverse. L'ipotesi è che le modalità con cui il concetto di cooperazione decentrata si presenta nella realtà non siano infinite ma tutte riconducibili all'interno di un numero limitato di macro-categorie.
Per poter procedere a tale classificazione si è scelto di isolare due particolari dimensioni di tale concetto: quella relativa alle motivazioni – ovvero perché si decide di impegnarsi in progetti di cooperazione decentrata- e quella che riguarda le pratiche, ovvero come si sviluppano concretamente tali progetti .
Nel primo capitolo sono introdotti i concetti principali connessi a quello di cooperazione decentrata, come il tema della cooperazione internazionale allo sviluppo, del decentramento e della partecipazione, e di fornire un quadro il più preciso possibile della cooperazione decentrata allo stato attuale, con particolare attenzione alla situazione italiana.
Nei due capitoli successivi attraverso un'indagine esplorativo-descrittiva verranno approfonditi i casi presi in esame: due città medio-grandi (Roma e Modena) e due piccole realtà (Macerata e Grottammare).
Nel quarto e ultimo capitolo, che riguarda l'indagine empirica, è infine verificata un tipologia di cooperazione, costruita attraverso le dimensioni precedentemente descritte (finalità e modalità di realizzazione della cooperazione decentrata). I quattro casi sono collocati nel modello tipologico e vengono individuate le principali variabili indipendenti in grado di spiegare la collocazione dei quattro casi nei diversi quadranti della tipologia.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’attuale scenario mondiale sembra essere connotato da alcuni decenni dalla contrapposizione, e contemporaneamente dall’intersezione, tra le dimensioni del globale e del locale. Questi concetti, protagonisti del dibattito politico, economico, sociologico e mass-mediologico sulla società del XXI secolo, interessano anche l’oggetto della presente ricerca: la cooperazione decentrata. Questa si propone di affrontare questioni di grande complessità e portata globale come la povertà, lo sviluppo e la cooperazione internazionale con gli strumenti, le prassi e i programmi di azione dei Governi Locali. Sono infatti gli Enti Locali i protagonisti della cooperazione decentrata i quali volontariamente scelgono di intervenire, pur con mezzi spesso limitati, per affrontare questioni di così ampia portata. E’ proprio tale elemento che costituisce una interessante innovazione: ad occuparsi di cooperazione allo sviluppo non sono più solo i governi nazionali ma anche soggetti pubblici locali . La ricerca ha l’obiettivo di esplorare e verificare il concreto realizzarsi di interventi di cooperazione decentrata, attraverso lo studio di alcuni casi, riguardanti Enti Locali con caratteristiche demografiche, economiche e sociali molto diverse. L’ipotesi è che le modalità con cui il concetto di cooperazione decentrata si presenta nella realtà non siano infinite ma tutte riconducibili all’interno di un numero limitato di macro-categorie. Per poter procedere a tale classificazione si è scelto di isolare due particolari dimensioni di tale concetto: quella relativa alle motivazioni – ovvero perché si decide di impegnarsi in progetti di cooperazione

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Stella Di Modugno Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 348 click dal 03/12/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.