Skip to content

Il gioco dimenticato. Giocare fra tradizione e innovazione

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Rossi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Francesca Antonacci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

La tipologia dei giocattoli è mutata nel corso degli anni. Ogni bambino da sempre ha sognato di possedere un giocattolo con cui giocare e fantasticare.
Viviamo nella società del consumismo e la maggior parte dei piccoli ha giocattoli particolari, addirittura sofisticati in grado di stupire i propri compagni di gioco. Negli ultimi anni sono sorti dei maxi negozi di giocattoli forniti dei più svariati modelli.
In passato i giocattoli erano più semplici perché venivano costruiti dai bambini stessi che li inventavano stimolando, così, la loro creatività, immaginazione e fantasia.
Oggi i giocattoli hanno una diversa composizione: la plastica ha ormai sostituito il legno e tutti gli altri materiali naturali, portando via cosi ogni possibilità di sensazioni tattili, acustici, olfattive. Inoltre, si tende a rendere il giocattolo sempre più sofisticato e ricco di opzioni.
È noto come il gioco sia un fatto educativo, uno strumento di aggregazione, di espressione, di libertà. Il gioco è un appuntamento quotidiano in cui il bambino ha modo di crescere, di imparare, di conoscere; è un momento divertente di confronto con gli altri e, nello stesso tempo, di acquisizione del senso di appartenenza ad un gruppo. Se poi il gioco è condotto all'aria aperta, come si faceva in passato, ciò consente di recuperare anche il benessere di una vita ormai per troppe ore della giornata trascorsa all'interno di quattro mura, spesso davanti alla televisione o al computer.
La mia intenzione è quella di fare un confronto fra i giochi, giocattoli storici, tradizionali, e quelli di oggi, contemporanei e sempre più all’avanguardia. Per fare questo paragone mi sono rivolta ad una Associazione di Milano: l’Accademia Del Gioco Dimenticato che ha fatto del recupero del giocattolo storico la sua missione.
Nel primo capitolo descrivo l’Accademia, i suoi progetti attuali e futuri e le sue idee circa il gioco storico. L’importanza di coinvolgere i bambini nella ricerca del gioco storico, nel recupero delle tradizioni attraverso i loro nonni, la scelta di costruire il giocattolo, farlo proprio, distinto da tutti gli altri con l’utilizzo di materiale di recupero.
Nel secondo capitolo approfondisco il tema con un’intervista al fondatore dell’Accademia stessa.
Nel terzo capitolo entrerò più nel dettaglio del tema del gioco, del suo significato pedagogico. L'esperienza ludica viene considerata capace di rispondere e soddisfare i bisogni autentici dell'infanzia. I nuovi giocattoli: statici, passivi, goduti in solitudine hanno preso il sopravvento sui quelli di un tempo, spodestando e screditando “il genuino spirito che contraddistingue il gioco”. Impedito nelle grandi città per mancanza di aree verdi, soffocato dai sempre più “stretti” spazi abitativi, insidiato dal frenetico ritmo di vita, relegato ai momenti marginali della giornata di ogni bambino, il momento del gioco si presenta sempre più sofisticato, elitario e guidato, perdendo le sue caratteristiche fondamentali, quali: la spontaneità (comportamento attivato per libera scelta), la definalizzazione (comportamento attivato per sé stessi e non per fini esterni) e l’improduttività (improduttivo nel senso economico e sociale ma “produttivo” per sé stessi).
Con il giocattolo storico, tutti i bambini del mondo possono giocare, basta un po’ di fantasia, creatività e tutto è possibile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La tipologia dei giocattoli è mutata nel corso degli anni. Ogni bambino da sempre ha sognato di possedere un giocattolo con cui giocare e fantasticare. Viviamo nella società del consumismo e la maggior parte dei piccoli ha giocattoli particolari, addirittura sofisticati in grado di stupire i propri compagni di gioco. Negli ultimi anni sono sorti dei maxi negozi di giocattoli forniti dei più svariati modelli. In passato i giocattoli erano più semplici perché venivano costruiti dai bambini stessi che li inventavano stimolando, così, la loro creatività, immaginazione e fantasia. Oggi i giocattoli hanno una diversa composizione: la plastica ha ormai sostituito il legno e tutti gli altri materiali naturali, portando via cosi ogni possibilità di sensazioni tattili, acustici, olfattive. Inoltre, si tende a rendere il giocattolo sempre più sofisticato e ricco di opzioni. Talvolta, oltre alla sostanza, ai giocattoli viene cambiato il nome, e per ottenere più effetto si ricorre ad esempio nella nostra lingua ad un uso massiccio di parole inglesi, che rendono il prodotto ancora più appetibile. Una volta, invece, i bambini, quando non erano impegnati a scuola o nel lavoro in campagna, giocavano liberi nei campi o nelle strade con oggetti semplici, che si potevano trovare facilmente nell'ambiente in cui vivevano. Ovviamente le strade di allora erano più sicure di quelle di oggi, ma quegli svaghi erano un modo per stare insieme: si sbagliava, si litigava, ci si misurava con gli altri. Il gioco ha conservato comunque la sua importanza ed il suo valore in ogni tempo e in ogni luogo. È noto come il gioco sia un fatto educativo, uno strumento di aggregazione, di espressione, di libertà. Il gioco è un appuntamento quotidiano in cui il bambino ha modo di crescere, di imparare, di conoscere; è un momento divertente di confronto con gli altri e, nello stesso tempo, di acquisizione del senso di appartenenza ad un gruppo. Se poi il gioco è condotto all'aria aperta, come si faceva in passato, ciò consente di recuperare anche il benessere di una vita ormai per troppe ore della giornata trascorsa all'interno di quattro mura, spesso davanti alla televisione o al computer. La mia intenzione è quella di fare un confronto fra i giochi, giocattoli storici, tradizionali, e quelli di oggi, contemporanei e sempre più all’avanguardia. Per fare 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

innovazione
gioco
huizinga
tradizione
strada
ludico
accademia
giocattolo
dimenticato
parlebas

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi