Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Comunicazione Aumentativa Alternativa: una strategia per migliorare le abilità didattiche e sociali dello studente con diagnosi di autismo

L’Autismo Infantile è una sindrome estremamente invalidante che non consente al bambino d'apprendere allo stesso modo in cui apprende il bambino normodotato. Le difficoltà che il soggetto presenta sono molteplici e relative ad ogni singola area di vita.
Le capacità più compromesse sono quelle relative alla competenza sociale, di gioco e di relazione; alla competenza emotiva e al controllo delle emozioni e le modalità più idonee per esprimerle; alla percezione sensoriale, a volte alterata, che non permette al soggetto di recepire correttamente gli stimoli interni ed esterni ed infine alla comunicazione, spesso incoerente o non funzionale, che incide profondamente sulla qualità delle relazioni.
Si sono sviluppate nel corso degli ultimi decenni numerose strategie aventi lo scopo di migliorare le condizioni di vita del soggetto autistico.
In questa mia breve esposizione presenterò la Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA) come metodo per migliorare la comunicazione e l’apprendimento del bambino con Autismo Infantile dal suo esordio, alle modalità d’utilizzo, alle strategie d’intervento.

Mostra/Nascondi contenuto.
Comunicazione Aumentativa Alternativa 1 INTRODUZIONE L’Autismo Infantile è una sindrome estremamente invalidante che non consente al bambino d'apprendere allo stesso modo in cui apprende il bambino normodotato. Le difficoltà che il soggetto presenta sono molteplici e relative ad ogni singola area di vita. La patologia è inserita nel Manuale Statistico e Diagnostico dei disturbi mentali (DSM-IV) tra i Disturbi Pervasivi di Sviluppo. Le capacità più compromesse sono quelle relative alla competenza sociale, di gioco e di relazione; alla competenza emotiva e al controllo delle emozioni e le modalità più idonee per esprimerle; alla percezione sensoriale, a volte alterata, che non permette al soggetto di recepire correttamente gli stimoli interni ed esterni ed infine alla comunicazione, spesso incoerente o non funzionale, che incide profondamente sulla qualità delle relazioni. Si sono sviluppate nel corso degli ultimi decenni numerose strategie aventi lo scopo di migliorare le condizioni di vita del soggetto autistico. In questa mia breve esposizione verranno trattati principalmente i disturbi relativi alla comunicazione e all’interazione sociale. Nella prima parte dell’elaborato cercherò di descrivere gli aspetti peculiari della Sindrome Autistica, servendomi dei manuali diagnostici DSM-IV e ICD 10 e di altre fonti riconosciute dalla comunità scientifica. Nella seconda parte presenterò la Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA) come metodo per migliorare la comunicazione e l’apprendimento del bambino con Autismo Infantile dal suo esordio, alle modalità d’utilizzo, alle strategie d’intervento Infine presenterò alcuni lavori sperimentali nel tentativo di valutare l’efficacia della CAA, senza ovviamente la pretesa di essere esauriente ma solo di mostrare, in modo obiettivo, studi inerenti questa modalità d'intervento.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Gianluca Delogu Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1779 click dal 17/03/2015.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.