Skip to content

Appropriatezza clinica, organizzativa e prescrittiva farmacologica - Studio osservazionale

Informazioni tesi

  Autore: Luigino Menegatti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE TECNICHE DIAGNOSTICHE
  Relatore: Luciana  Bonfante
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

In Sanità il termine appropriatezza è la misura di quanto una scelta o un intervento diagnostico o terapeutico sia adeguato rispetto alle esigenze del paziente e al contesto sanitario e sociale.
Essa è indice di qualità del servizio stesso, costituisce la leva fondamentale per lo sviluppo di un servizio sanitario adeguato, in un'ottica di maggiore efficienza, efficacia ed equità.
La sua improrogabile necessità non può essere dovuta solamente alle conseguenze della revisione della spesa sanitaria (spending review), essa è anche frutto della esigenza di ottimizzare la prestazione sanitaria e di salvaguardare la Qualità della Vita (Quality of Life Years, QALY) dei pazienti.
L'efficienza e l'efficacia, ossia l'appropriatezza organizzativa e clinica identificano un buon Servizio Sanitario nei suoi ambiti, ospedaliero, territoriale e di prescrizione farmacologica.
L'appropriatezza prescrittiva farmacologica gioca a sua volta un ruolo importantissimo, dato che la non corretta salvaguardia di essa costituisce fonte di gravi problemi per la salute del cittadino., in particolare per quel che riguarda l'uso improprio dei farmaci.
In questa ottica è stato compiuto uno studio presso il Servizio Farmaceutico Territoriale di Vicenza volto a raccogliere ed analizzare i dati di prescrizione, a livello territoriale, dei farmaci Inibitori di Pompa Protonica, PPI.
Con questi dati è stato possibile mettere in evidenza il grado di inappropriatezza prescrittiva relativo a tali farmaci sulla base degli indicatori di consumo, di prescrizione e di aderenza al trattamento ed agli standard prescrittivi. I risultati ottenuti sono stati confrontati con quelli emersi a livello nazionale in uno studio compiuto dall'OSMED (Osservatorio sull'Impiego dei Medicinali) contenente i dati raccolti presso diverse ULSS di Italia ed elaborati da CliCon - società di rilevazione e analisi dati di tipo clinico-sanitario.
Gli indicatori di performance rilevati da CliCon, sulla base dei dati raccolti dall'OSMED, sono stati progettati per valutare l'aderenza delle modalità prescrittive attuate in pratica clinica rispetto a standard terapeutici predefiniti (sulla base delle evidenze scientifiche, delle linee guida, delle note ministeriali, dei piani terapeutici); tali indicatori sono stati calcolati in relazione a specifiche dimensioni (e.g. classi di età, sesso, nuovo/pregresso trattamento, livello di rischio) o contesti organizzativi (eg, Regione, ASL, MMG).
Lo studio OSMED si è potuto avvalere di dati clinici ed epidemiologici non disponibili per lo studio compiuto a Vicenza, pertanto i valori degli indicatori, in particolar modo quelli di aderenza agli standard prescrittivi (sulla base dei dati clinici riportati nelle cartelle cliniche o dei dati amministrativi presenti nelle Schede di Dimissioni Ospedaliera) riscontrati dall'OSMED, sono più adeguati.
L'entità della presunta o reale inappropriatezza sono in ogni caso confrontabili e testimoniano la necessità di un adeguamento a linee di comportamento prescrittivo più consone con il fine non ultimo e non trascurabile, di una migliore equità distributiva della assistenza sanitaria assieme a quello di una maggiore qualità, efficacia ed efficienza, della stessa.
Accanto a questi propositi di rilievo resta la necessità di un maggiore e severo controllo da esercitare sui trials, slegandoli dagli interessi dell'industria del farmaco e di prodotti diagnostico terapeutici che sono, a volte, in netto contrasto con gli obiettivi di qualità e appropriatezza del Servizio Sanitario, della sanità in genere e della prescrizione farmaceutica in particolare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
    Riassunto In Sanità il term ine appropriatezza è la misura di quanto una scelta o un intervento diagnostico o terapeutico sia adeguato rispetto alle esigenze del paziente e al contesto sanitario e sociale. Essa è indice di qualità del servizio stesso, costituisce la leva fondamentale per lo sviluppo di un servizio sanitario adeguato, in un’ottica di maggiore efficienza, efficacia ed equità. La sua i mprorogabile necessità non può esse re dovuta solam ente alle conseguenze della revisione della spesa sanitaria (spending rev iew), essa è anche frutto della esigenza di ottimizzare la pres tazione sanitaria e di salvagu a rdare la Qualità della Vita (Quality of Life Years, QALY) dei pazienti. L’efficienza e l’efficacia, ossia l’appropriatezza organizzativa e clinica identificano un buon Servizio Sanitario nei suoi ambiti, ospedaliero, territoriale e di prescrizione farmacologica. L’appropriatezza prescrittiva farmacologica gioca a sua volta un ruolo importan tissimo, dato che la non corretta salvaguardia di essa costituisce fonte di gravi problem i per la s alute del cittadino., in particolare per quel che riguarda l’uso improprio dei farmaci. In questa o ttica è stato com piuto uno studio pre sso il Serv izio Farmaceutico Territoriale d i Vicenza volto a raccogliere ed analizzare i dati di prescrizione, a livello territoriale, dei farmaci Inibitori di Pompa Protonica, PPI. Con questi dati è sta to possibile mettere in evid enza il grado di inappropriatezza prescrittiva relativo a tali farmaci sulla base degli indicatori di consumo, di prescrizione e di aderenza al trattamento ed agli s tandard prescrittivi. I risultati o ttenuti sono stati confrontati con quelli emersi a livello nazionale in uno studio compiuto dall’OSMED ( Osservatorio sull’Impiego dei Medicinali) contenente i dati racco lti presso di verse ULSS di Ita lia ed elaborati d a CliCon - società di rilevazione e analisi dati di tipo clinico-sanitario. Gli indicatori di performance rilevati da CliCon, sulla base dei dati raccolti dall’ OSMED, sono stati progettati per va lutare l’aderenza delle modalità pres crittive attuate in pra tica clinica rispetto a standard terap eutici predefiniti (sulla base delle e videnze scientifiche, delle linee guida, delle note m inisteriali, dei piani terape utici); tali indicato ri sono stati ca lcolati in relazione a specifiche dimensioni (e.g. classi di età, sesso, nuovo/pregresso trattamento, livello di rischio) o contesti organizzativi (eg, Regione, ASL, MMG). Lo studio OSMED si è potuto avvalere di dati clinici ed epidemiologici non disponibili per lo studio compiuto a Vicenza, pertan to i v alori de gli indicatori, in particolar modo quelli di aderenza agli standard prescrittivi (sulla base de i dati clinici riportati nelle cartelle cliniche o dei dati amministrativi presenti nelle Schede di Dimissioni Ospedaliera) riscontrati dall’ OSMED, sono più adeguati. L’entità della presunta o reale inappropriatezza sono in ogni caso confrontabili e testimoniano la necessità di un adeguam ento a linee di comportamento prescrit tivo più consone con il fine non ultimo e non trascurabile, di una m igliore e quità distributiva della assis tenza sanitaria assieme a quello di una maggiore qualità, efficacia ed efficienza, della stessa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

inibitori di pompa protonica
evidence-based medicine
agenzia italiana del farmaco
good clinical practice
diagnosis related group
comitati etici per la sperimentazione clinica
sovradiagnosi
bias pubblicazione risultati trials clinici
trials clinici
medicina basata sulle prove di efficacia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi