Skip to content

An Analysis of Interregional Migration in Italy

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Rossi
  Tipo: Tesi di Master
Master in Agricultural Economics
Anno: 2012
Docente/Relatore: Bill Collier
Istituito da: University of Kent
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 50

Migration of people across different areas has been studied as a complex phenomenon involving mainly demographic and economic aspects (Etzo, 2008), and is recognized to be an important mechanism through which the geographical distribution of people changes over time (Greenwood, 1997). Italy has a long history of internal migrations characterized by relative differences between different areas, in particular North and South. Dualism, alongside differences in productivity and local labour market conditions, have boosted migration and interfered in the process of growth and convergence. Classical macroeconomic models consider migration as an equilibrating mechanism that reduces differences among regions with respect to key economic variables (e.g. unemployment, per capita income) (Etzo, 2008). However, despite a history of significant structural change and intense migration flows, the empirical evidence does not show substantial convergence between Italian regions. This is an aspect that many researchers have for long stressed and that remains unsolved (Capasso et al., 2011).
Italy is divided into twenty administrative regions, each charactherized by a strong linguistic and cultural identity. Since the unification of Italy in 1860, there has been an increasing gap between Northern and Southern regions in terms of economic development, as well as the emergence of strong internal migration flows. Despite significant economic differences between these two Italian areas, there has been a marked drop in migration rates between the mid-1970s and mid-1990s, followed by a sharp turnaround in more recent years.
Following the studies of various authors (Basile & Causi, 2005; Piras, 2010; Etzo, 2010; Napolitano & Bonasia, 2010; Biagi et al., 2011), this dissertation investigates the determinants of interregional migration in Italy, and consider how migrants respond to changes in economic factors. In particular, the main interest is to investigate the role of macroeconomic variables in determining the intensity and direction of observed migration flows. In order to do so, we utilise an extended Gravity model (Lee, 1966), where regional levels of GDP and unemployment are considered alongside distance and population size as the main determinants of migration. Gravity models were one of the first formal models of migration and remain the most common theoretical framework in empirical migration analysis concerning migration flows.
The remainder of the dissertation is organized as follows. Chapter 2 introduces the historical background of the Italian migration and gives an insight into the “empirical puzzle” that has characterized migration between the mid-1970s and mid-1990s, and the “Southern Question” which has not been resolved following the unification of Italy. Chapters 3 and 4 present a selected migration literature review, both theoretical and empirical, dealing with the determinants of internal migration flows. Chapter 5 describes the data and methodology employed in the empirical analyses. Chapter 6 presents the empirical results and analysis, and provides an economic interpretation of the key findings. Finally, chapter 7 provides some conclusive remarks.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Chapter 1 – Introduction Migration of people across different areas has been studied as a complex phenomenon involving mainly demographic and economic aspects (Etzo, 2008), and is recognized to be an important mechanism through which the geographical distribution of people changes over time (Greenwood, 1997). Italy has a long history of internal migrations characterized by relative differences between different areas, in particular North and South. Dualism, alongside differences in productivity and local labour market conditions, have boosted migration and interfered in the process of growth and convergence. Classical macroeconomic models consider migration as an equilibrating mechanism that reduces differences among regions with respect to key economic variables (e.g. unemployment, per capita income) (Etzo, 2008). However, despite a history of significant structural change and intense migration flows, the empirical evidence does not show substantial convergence between Italian regions. This is an aspect that many researchers have for long stressed and that remains unsolved (Capasso et al., 2011). Italy is divided into twenty administrative regions, each charactherized by a strong linguistic and cultural identity. Since the unification of Italy in 1860, there has been an increasing gap between Northern and Southern regions in terms of economic development, as well as the emergence of strong internal migration flows. Despite significant economic differences between these two Italian areas, there has been a marked drop in migration rates between the mid-1970s and mid-1990s, followed by a sharp turnaround in more recent years. Following the studies of various authors (Basile & Causi, 2005; Piras, 2010; Etzo, 2010; Napolitano & Bonasia, 2010; Biagi et al., 2011), this dissertation investigates the determinants of interregional migration in Italy, and consider how migrants respond to changes in economic factors. In particular, the main interest is to investigate the role of macroeconomic variables in determining the intensity and direction of observed migration flows. In order to do so, we utilise an extended Gravity model (Lee, 1966), where regional levels of GDP and unemployment are considered alongside distance and population size as the main determinants of

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gravity model
regression
agricultural economics
empirical analysis
svimez
migration flows
negative binomial regression
unification of italy
southern question
ordinary least squares (ols) estimation

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi