Skip to content

Lavoro e Linguaggio

Informazioni tesi

  Autore: Marco Zirulia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Paolo Virno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

L'impresa si è fatta 'flessibile' e richiede ai lavoratori di diventare anch'essi 'flessibili', di operare con sempre minori certezze e di convivere con la precarietà, di lavorare in gruppo, comunicare e condividere le conoscenze, di far fronte alle contingenze modulando le soluzioni più adatte nella specifica situazione, di integrare tempo-spazio lavoro con tempo-spazio privato. In questo quadro, le competenze tecnico-professionali lasciano sempre più spazio alle capacità comportamentali e relazionali.
Il primo capitolo introduce alle trasformazioni indotte dal nuovo modello postfordista e associa al rinnovato repertorio delle capacità dei lavoratori la loro facoltà di linguaggio, in quanto essa caratterizza la dotazione biologica tipica ed esclusiva dell’essere umano, ed è potenzialità ad assumere innumerevoli forme attuative, di generare, secondo la formula di von Humboldt, ‘usi infiniti a partire da mezzi (regole) finiti’.
Il secondo capitolo si propone di richiamare alcuni temi del pensiero filosofico che trattano specificatamente del linguaggio e che possono costituire utili coordinate teoriche di riferimento per illuminarne i collegamenti con il lavoro e chiarire le relative dinamiche. Viene quindi effettuata una ricognizione di quanto hanno espresso Saussure, Chomsky e Wittgenstein sul linguaggio; l’analisi si concentra su due temi chiave: (i) atto e potenza, (ii) regola e creatività. L'esposizione è preceduta da cenni al pensiero aristotelico sulla specificità del linguaggio umano, nonché alla compresenza del modello noètico di conoscenza e di quello dianoètico. E' seguita da un richiamo ad alcune connessioni tra il pensiero del 'secondo' Wittgenstein e quello di Gramsci a riguardo del concetto di praxis - forma di vita - gioco linguistico.
Il terzo e ultimo capitolo riporta l'esito di interviste effettuate nella primavera del 2012 con strutture aziendali responsabili dei processi di reclutamento e selezione del personale in tre imprese appartenenti a settori diversi, e di dimensioni differenti. Le interviste confermano che nei colloqui di assunzione le competenze dei candidati su cui si focalizza l'attenzione dell'impresa sono più quelle attinenti la sfera comportamentale-attitudinale, che quelle tecnico-professionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 SOMMARIO Per chi si è affacciato al mondo del lavoro all'inizio degli anni '70 del secolo scorso, il dizionario delle parole impiegate nelle fabbriche e negli uffici è cambiato più e più volte. Carta carbone, telex, stenografia, mansionario, tempi e metodi, sono parole che non si usano più, o che non hanno più un riferimento concreto. Al loro posto c'è stato un fiorire di termini -in italiano o in inglese- nati, usati e poi gettati quando spuntati o fuori moda, per indicare le novità che, via via e con sempre maggiore rapidità, si affermavano in campo tecnologico e organizza- tivo: fax, personal computer, lean organization, outsourcing, delocalizzazione, just in time, total quality, business process re-engineering, ecc, ecc. Non sono però cambiate solo le parole. L'impresa si è fatta 'flessibile' e richiede ai lavoratori di diventare an- ch'essi 'flessibili', di operare con sempre minori certezze e di convivere con la precarietà, di lavorare in gruppo, comunicare e condividere le conoscenze, di far fronte alle contingenze modulando le soluzioni più adatte nella specifica situazione, di integrare tempo-spazio lavoro con tempo-spazio privato. In questo quadro, le competenze tecnico-professionali lasciano sem- pre più spazio alle capacità comportamentali e relazionali. Il primo capitolo introduce alle trasformazioni indotte dal nuovo modello postfordista e associa al trasformato repertorio delle capacità dei lavoratori la loro facoltà di linguaggio, in quanto essa caratterizza la dotazione biologica tipica ed esclusiva dell’essere umano, ed è potenzialità ad assumere innume- revoli forme attuative, di generare, secondo la formula di von Humboldt, ‘usi infiniti a partire da mezzi (regole) finiti’. Il carattere linguistico del lavoro è approfondito nei paragrafi conclusivi del capitolo, limitando l’analisi ad alcuni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi