Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lavoro e Linguaggio

L'impresa si è fatta 'flessibile' e richiede ai lavoratori di diventare anch'essi 'flessibili', di operare con sempre minori certezze e di convivere con la precarietà, di lavorare in gruppo, comunicare e condividere le conoscenze, di far fronte alle contingenze modulando le soluzioni più adatte nella specifica situazione, di integrare tempo-spazio lavoro con tempo-spazio privato. In questo quadro, le competenze tecnico-professionali lasciano sempre più spazio alle capacità comportamentali e relazionali.
Il primo capitolo introduce alle trasformazioni indotte dal nuovo modello postfordista e associa al rinnovato repertorio delle capacità dei lavoratori la loro facoltà di linguaggio, in quanto essa caratterizza la dotazione biologica tipica ed esclusiva dell’essere umano, ed è potenzialità ad assumere innumerevoli forme attuative, di generare, secondo la formula di von Humboldt, ‘usi infiniti a partire da mezzi (regole) finiti’.
Il secondo capitolo si propone di richiamare alcuni temi del pensiero filosofico che trattano specificatamente del linguaggio e che possono costituire utili coordinate teoriche di riferimento per illuminarne i collegamenti con il lavoro e chiarire le relative dinamiche. Viene quindi effettuata una ricognizione di quanto hanno espresso Saussure, Chomsky e Wittgenstein sul linguaggio; l’analisi si concentra su due temi chiave: (i) atto e potenza, (ii) regola e creatività. L'esposizione è preceduta da cenni al pensiero aristotelico sulla specificità del linguaggio umano, nonché alla compresenza del modello noètico di conoscenza e di quello dianoètico. E' seguita da un richiamo ad alcune connessioni tra il pensiero del 'secondo' Wittgenstein e quello di Gramsci a riguardo del concetto di praxis - forma di vita - gioco linguistico.
Il terzo e ultimo capitolo riporta l'esito di interviste effettuate nella primavera del 2012 con strutture aziendali responsabili dei processi di reclutamento e selezione del personale in tre imprese appartenenti a settori diversi, e di dimensioni differenti. Le interviste confermano che nei colloqui di assunzione le competenze dei candidati su cui si focalizza l'attenzione dell'impresa sono più quelle attinenti la sfera comportamentale-attitudinale, che quelle tecnico-professionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 SOMMARIO Per chi si è affacciato al mondo del lavoro all'inizio degli anni '70 del secolo scorso, il dizionario delle parole impiegate nelle fabbriche e negli uffici è cambiato più e più volte. Carta carbone, telex, stenografia, mansionario, tempi e metodi, sono parole che non si usano più, o che non hanno più un riferimento concreto. Al loro posto c'è stato un fiorire di termini -in italiano o in inglese- nati, usati e poi gettati quando spuntati o fuori moda, per indicare le novità che, via via e con sempre maggiore rapidità, si affermavano in campo tecnologico e organizza- tivo: fax, personal computer, lean organization, outsourcing, delocalizzazione, just in time, total quality, business process re-engineering, ecc, ecc. Non sono però cambiate solo le parole. L'impresa si è fatta 'flessibile' e richiede ai lavoratori di diventare an- ch'essi 'flessibili', di operare con sempre minori certezze e di convivere con la precarietà, di lavorare in gruppo, comunicare e condividere le conoscenze, di far fronte alle contingenze modulando le soluzioni più adatte nella specifica situazione, di integrare tempo-spazio lavoro con tempo-spazio privato. In questo quadro, le competenze tecnico-professionali lasciano sem- pre più spazio alle capacità comportamentali e relazionali. Il primo capitolo introduce alle trasformazioni indotte dal nuovo modello postfordista e associa al trasformato repertorio delle capacità dei lavoratori la loro facoltà di linguaggio, in quanto essa caratterizza la dotazione biologica tipica ed esclusiva dell’essere umano, ed è potenzialità ad assumere innume- revoli forme attuative, di generare, secondo la formula di von Humboldt, ‘usi infiniti a partire da mezzi (regole) finiti’. Il carattere linguistico del lavoro è approfondito nei paragrafi conclusivi del capitolo, limitando l’analisi ad alcuni

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Zirulia Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 664 click dal 23/04/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.