Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La performance organizzativa post-M&A nel settore Fashion & Luxury: il ruolo della funzione HR - il caso OTB -

il progetto di ricerca vuole porre sotto la lente di ingrandimento il mondo relativo alle Merger and Acquisition (le M&A) dal punto di vista gestionale, e nella fattispecie, dal punto di vista della Gestione delle Risorse Umane.
Certo, il mondo delle M&A vanta una ricca letteratura, costruita sulla base di decenni di studi di settore, ma la stessa però viene spesso vincolata alle sole argomentazioni finanziarie e strategiche.
Quindi, lo sviluppo di recenti studi, che mettono in evidenza l’importanza della gestione delle persone all’interno dei processi di M&A, è stato spinto dall’ enigmatico, numero di fallimenti relativo alle operazioni di M&A, a fronte di un sempre maggior numero di deal intrapresi dalle organizzazioni negli anni.
Quindi, perché più della metà del totale delle operazioni M&A fallisce? E soprattutto, quanto è importante tener conto delle competenze, e del valore del capitale umano, per poter aumentare la performance organizzativa, successiva ad un M&A?
Beh, per rispondere a questa domanda, il modello di ricerca che vorrei proporre, indaga sulla specificità di come le attività svolte dalla funzione HR, possano influenzare positivamente il livello di performance organizzativa.
Inseriti in un ambiente organizzativo, gestito sulla base di uno stile manageriale guidato dal concetto del Knowledge-Based View (KBV), gli elementi critici e finalizzati all’aumento della performance organizzativa, vengono individuati nel Knowledge sharing (KS) ed Employee retention (ER), che, attraverso la loro gestione effettuata dalla funzione HR, comportano lo sviluppo di un circolo virtuoso, per la costruzione di vantaggi competitivi da poter sfruttare all’interno del mercato.
Sulla base delle ricerche del professor Tarba, ed i suoi collaboratori, in Israele, relative al settore ICT, cerco di proporre un modello che metta in correlazione i diversi items volti allo sviluppo di sinergie e di valore (valore che, può essere definito come leitmotiv del progetto). Il modello, inoltre, vorrebbe essere anche uno spunto di riflessione sulla possibilità di comparazione di due settori differenti, nel nostro caso il F&L e ICT.
Perché il proprio Fashion&Lusso? Beh, La scelta del settore Fashion&Lusso in Italia, viene motivata dalla presenza di due elementi importanti: 1) la creatività che caratterizza non solo il settore, ma anche un po’ l’essere italiano, 2) è l’imponente numero di M&A effettuate al suo interno, definito da un valore totale di 20 MLD di euro dal 1999 al 2013.
Per quanto riguarda l’organizzazione analizzata all’interno del F&L, la scelta di porre il focus sul gruppo OTB, è stata guidata dal possesso, da parte di quest’ultima, di tre elementi fondamentali, ovvero, l’essere un’organizzazione che ha basato il suo sviluppo su scelte di crescita disorganica, essere nata e sviluppatasi in Italia, ed il desiderio di acquisire per sviluppare le aziende e le persone inserite all’interno del gruppo, considerando le risorse umane come portatrici di conoscenza e competenza.
L’obiettivo dell’indagine, effettuata attraverso un’intervista sottoposta alla HR Director Global del gruppo, è stato quello di poter ricavare delle informazioni sulla gestione e le pratiche utilizzate durante le operazioni di M&A effettuate negli anni dal gruppo. E l’indagine, ha portato alla luce dei risultati interessanti:
Dove da un lato, ovvero nel settore ICT, le dimensioni KS ed ER possono essere gestite e sviluppate in maniera trasversale alle differenti funzioni organizzative, nel settore F&L è necessaria una consapevolezza e gestione in maniera, come dire… ambidestra. Questo suggerisce la promozione e sviluppo delle dimensioni in maniera differente al variare delle funzioni organizzative. Se, ad esempio, il knowledge sharing in maniera trasversale alle funzioni organizzative risulta vitale per organizzazioni nell’ICT, nel F&L viene vincolato a specifiche funzioni, come ad esempio il commerciale (con la conoscenza dei mercati e strategie di marketing), il management (con l’introduzione di nuovi processi e procedure), la supply chain (attraverso la conoscenza di diverse attività logistiche), escludendo, quindi, volontariamente (e saggiamente) funzioni core come la parte creativa. Questo proprio per non contaminare e distruggere quell’unicità obiettivo del operazione di M&A. E per quanto riguarda invece l’ Employee retention, risulta essenziale focalizzarsi sui talenti relativi proprio alla funzione creativa, che definiscono il potenziale individuato dall’organizzazione acquirente.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Introduzione Il presente elaborato vuole porre sotto la lente di ingrandimento il mondo relativo alle Merger and Acquisition (M&A) dal punto di vista gestionale, nella fattispecie, dal punto di vista della Gestione delle Risorse Umane. E’ vero, Il mondo delle M&A vanta una ricca letteratura, costruita sulla base sperimentale di decenni di studi di settore, ma la stessa viene spesso vincolata alle sole argomentazioni finanziarie e strategiche. L’ enigmatico, ed incoerente, numero di fallimenti di operazioni di M&A, a fronte di un sempre maggior numero di deal intrapresi dalle organizzazioni negli anni, ricopre il ruolo di trigger per lo sviluppo di recenti studi, che mettono in evidenza l’importanza della gestione delle persone all’interno dei processi di M&A. Quanto è importante tener conto delle competenze, e del capitale umano, per poter aumentare la performance organizzativa, successiva ad operazioni di M&A? Per rispondere a questa domanda, il modello di ricerca proposto all’interno dell’elaborato, indaga sulla specificità di come le attività svolte dalla funzione Human Resources (HR), possano influenzare positivamente il livello di performance organizzativa. Durante lo sviluppo dell’elaborato, vengono analizzati, nello specifico, elementi considerati critici per lo sviluppo di sinergie necessarie all’aumento della performance organizzativa post-M&A. Attraverso lo studio delle ricerche del professor Shlomo Yadida Tarba, ed i suoi collaboratori, viene proposto un modello gestionale che mette in correlazione diversi items volti allo sviluppo di sinergie e di valore, per l’aumento della performance organizzativa, ricercata durante un processo di M&A. Il concetto che può essere definito come leitmotiv, risulta senz’altro “il valore della risorsa umana all’interno dell’organizzazione”. Come valore è inteso quanto viene definito dal Capitale Umano, che un’organizzazione possiede, e che può sviluppare attraverso la gestione delle popolazioni organizzative, le quali, unendosi, generano una nuova entità organizzativa, in termini di processi, attività, conoscenze ed esperienze. Inseriti in un ambiente organizzativo, gestito sulla base di uno stile manageriale guidato dal concetto del Knowledge-Based View (KBV), gli elementi definiti come critici e

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Flavio Gambardella Contatta »

Composta da 176 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1208 click dal 15/04/2015.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.