Skip to content

Test di genotossicità in Vicia Faba su sedimenti dei torrenti nella Valdinievole

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Cuni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze biologiche
  Relatore: Eudes Lanciotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 30

Le attività antropiche incidono molto sull'ambiente circostante e la risorsa idrica. Esiste il rischio dell'esaurimento di acque dolci sia per il consumo smodato che per l'utilizzo di xenobiotici e altre sostanze inquinanti. Con il test di genotossicità si può esaminare il livello di inquinamento delle acque superficiali per rivelare la presenza di attività genotossica sugli esseri viventi e l'ambiente circostante.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. INTRODUZIONE Aurelio Peccei (1908- 1984), imprenditore italiano, fondatore del gruppo di scienziati “Club di Roma”, in un’intervista del 1975: “L’uomo ha creato nuove dimensioni, velocità, complessità, sistemi umani, energie molto superiori a quelle del passato, e mentre ciò gli ha permesso di aprirsi delle possibilità impensate di sviluppo, si trova anche davanti a sfide, minacce e problemi totalmente nuovi e inediti; questi problemi s’intrecciano l’uno con l’altro, creano una massa problematica, un sistema di problemi che necessitano un approccio diverso [...]. Lo sviluppo smodato crea una pressione sull’ambiente naturale, che va al di là della capacità di sopportazione della Terra. Nel giro di qualche generazione si andrà incontro a delle catastrofi perché superiamo le capacità della Terra”. Nonostante gli anni trascorsi possiamo notare l’attualità del tema e la consapevolezza già in quel periodo che lo sviluppo economico, come lo conosciamo oggi, sarebbe presto andato in conflitto con l’ambiente. 1.1 Crisi ambientale Da circa quattro miliardi e mezzo di anni, tutti gli habitat e i complessi sistemi, che interagiscono fra loro, fanno della Terra il luogo ideale dove si trovano le condizioni per la vita; ma negli ultimi 200 anni stiamo assistendo ad una trasformazione rapida dell’ambiente: l’intervento dell’uomo è diventato sempre più invasivo, conquistando ogni spazio, cambiando in tempi relativamente brevi l’aspetto del pianeta. Lo sfruttamento delle risorse naturali, la crescita troppo veloce delle attività industriali, delle città, della popolazione, l’emissione di sostanze inquinanti mettono in pericolo la salute di chi lo abita. Si tratta quindi di inquinamento ambientale, che “consiste in alterazioni o modificazioni nocive per i componenti degli ecosistemi e per la salute umana, determinate dall’immissione di sostanze o di energia provenienti dalle attività umane e non da fenomeni naturali, come, ad esempio, le eruzioni vulcaniche, per cui si può definire inquinamento naturale” (Barbuti et al., 2014). Con la rivoluzione industriale, l’uso di carbone e derivati del petrolio, oltre a provocare l’emissione di CO 2 (36 miliardi di tonnellate l’anno) e quindi l’aumento dell’effetto serra e l’acidificazione degli Oceani, comporta il rilascio in atmosfera di notevoli quantità di composti organici volatili, generando una serie di reazioni fotochimiche i cui prodotti finali principali, O 3 e perossiacetilnitrato, alterano la normale composizione dell’atmosfera e di tutto l’ambiente naturale. Per definizione del Fondo Italiano per l’Ambiente (FAI), “l’ambiente, (dal latino ambiens, -entis participio presente del verbo ambire, andare intorno, circondare) è il complesso degli elementi naturali e delle risorse che circondano un determinato organismo” (FAI,1989). Ma anche le risorse che troviamo stanno risentendo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

inquinamento
acqua
industrializzazione
test
genotossicità
xenobiotici
attività antropiche
risorsa idrica
riversamento
vicia faba

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi