Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio del rilascio di Esosaminidasi (EC 3.2.1.52) promosso da farmaci in ''precision-cut slices'' di fegato di ratto e in cellule umane HepG2

Lo scopo del presente studio è stato quello di indagare sui meccanismi molecolari responsabili della fosfolipidosi indotta da sostanze chimiche. Lo studio è stato condotto su un modello sperimentale in vitro che permetteva di studiare sia i farmaci, che i loro metaboliti, come potenziali induttori di fosfolipidosi. Il metodo sperimentale utilizzato si basava sulle “precision-cut liver slices”. Le fettine ottenute dal fegato di ratto, venivano incubate in presenza di potenziali induttori, come: amiodarone, cimetidina e imipramina. L’amiodarone e l’imipramina erano in grado di indurre fosfolipidosi, mentre la cimetidina, sebbene abbia una struttura chimica anfifilica non è riconosciuta come induttore di fosfolipidosi ed è stato utilizzata come controllo negativo. Il problema che è stato affrontato è stato quello di trovare un marcatore biologico di fosfolipidosi adeguato. In colture cellulari, i farmaci induttori di fosfolipidosi promuovono il rilascio di un enzima lisosomiale esoaminidasi (EC 3.2.1.52). Questo enzima è presente in due isoforme: HexA e HexB. In precedenti esperimenti tuttavia, è stato dimostrato che il rilascio di Hex da parte delle “precision-cut liver slice non dipendeva dalla presenza del farmaco. A tal fine abbiamo voluto indagare il diverso comportamento utilizzando colture cellulari di epatoma umanano (HepG2) e fettine di fegato di ratto dosando l’attività enzimatica con substrati fluorigenici. I risultati preliminari mostrano che il rilascio di Hex dalle fettine era rapidamente degradato dalla varianza della coltura cellulare.

Mostra/Nascondi contenuto.
Riassunto: Lo scopo del presente studio è stato quello di indagare sui meccanismi molecolari responsabili della fosfolipidosi indotta da sostanze chimiche. Lo studio è stato condotto su un modello sperimentale in vitro che permetteva di studiare sia i farmaci, che i loro metaboliti, come potenziali induttori di fosfolipidosi. Il metodo sperimentale utilizzato si basava sulle “precision-cut liver slices”. Le fettine ottenute dal fegato di ratto, venivano incubate in presenza di potenziali induttori, come: amiodarone, cimetidina e imipramina. L’amiodarone e l’imipramina erano in grado di indurre fosfolipidosi, mentre la cimetidina, sebbene abbia una struttura chimica anfifilica non è riconosciuta come induttore di fosfolipidosi ed è stato utilizzata come controllo negativo. Il problema che è stato affrontato è stato quello di trovare un marcatore biologico di fosfolipidosi adeguato. In colture cellulari, i farmaci induttori di fosfolipidosi promuovono il rilascio di un enzima lisosomiale esoaminidasi (EC 3.2.1.52). Questo enzima è presente in due isoforme: HexA e HexB. In precedenti esperimenti tuttavia, è stato dimostrato che il rilascio di Hex da parte delle “precision-cut liver slice non dipendeva dalla presenza del farmaco. A tal fine abbiamo voluto indagare il diverso comportamento utilizzando colture cellulari di epatoma umanano (HepG2) e fettine di fegato di ratto dosando l’attività enzimatica con substrati fluorigenici. I risultati preliminari mostrano che il rilascio di Hex dalle fettine era rapidamente degradato dalla varianza della coltura cellulare. 1

Laurea liv.I

Facoltà: scienze biologiche

Autore: Biagio Alessandrello Contatta »

Composta da 21 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 648 click dal 15/03/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.