Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodologie di valutazione quantitativa del paesaggio. Studio preliminare per una loro applicazione al comune di Albisola Superiore

L’obiettivo dello studio è stato quello di permettere una valutazione della qualità visiva del paesaggio del comune di Albisola Superiore (SV).

La tesi è nata dalla collaborazione tra il Dipartimento DISSGELL dell’Università e l’Istituto di Matematica Applicata del CNR su un argomento di ricerca comune: l’impiego di metodi informatici nell’analisi del paesaggio.

La tesi si articola in due parti: la prima eminentemente compilativa, affronta nel primo capitolo l’evoluzione del concetto di paesaggio nel pensiero geografico contemporaneo; mentre nel secondo si tenta di illustrare come la nozione di paesaggio sia intesa nelle varie normative urbanistiche italiane e straniere e come essa sia impiegata dagli strumenti di pianificazione. Infine nel terzo capitolo si descrivono dapprima le tecniche di analisi paesaggistica quantitativa utilizzate nei paesi anglosassoni e in Francia e quindi lo stato dell’arte in materia di valutazione paesistica in Italia.
La seconda parte è più propriamente a carattere applicativo e presenta un’applicazione di alcune metodologie di Landscape Assessment basate su strumenti GIS (Geographic Information Systems) all’analisi paesistica del territorio comunale di Albisola Superiore, illustrando i risultati raggiunti e proponendo, nelle conclusioni, alcuni possibili ulteriori sviluppi della ricerca.

RICONOSCIMENTI

Tesi di laurea classificata al terzo posto del Premio “ROTARY del Ponente Ligure” anno rotariano 2001/2002 con la seguente motivazione: “La commissione apprezza lo sforzo del candidato per la realizzazione di un progetto funzionale di possibile fattibilità basandosi su un’approfondita ricerca storica e su competenze tecniche apprese col suo studio” – Maggio 2002.

Tesi di laurea preposta come meritevole di menzione dalla Commissione di valutazione del Premio di Laurea Paolo Schmidt di Friedberg 2001 – Febbraio 2002.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Questa tesi è nata dalla collaborazione tra il Dipartimento DISSGELL dell’Università e l’Istituto di Matematica Applicata del CNR su un argomento di ricerca comune: l’impiego di metodi informatici nell’analisi del paesaggio. Il professor Mauro Spotorno, che mi ha incoraggiato a sviluppare l’argomento sulle metodologie di valutazione quantitativa del paesaggio, da tempo vede tra i propri ambiti di ricerca tali argomenti, con particolare riguardo alle trasformazioni dei paesaggi rurali delle aree montane della Liguria. A sua volta l’IMA-CNR nella persona del Dott. Andrea Clematis, responsabile per il CNR genovese di un progetto di ricerca europeo denominato PLAINS (Prototype Landscape Assessment Information System) mi ha permesso di recuperare le informazioni e di disporre degli strumenti necessari per affrontare l’argomento anche dal punto di vista informatico. L’obiettivo dello studio era quello di permettere una valutazione della qualità visiva del paesaggio del comune di Albisola Superiore. La tesi si articola in due parti: la prima eminentemente compilativa, affronta nel primo capitolo l’evoluzione del concetto di paesaggio nel pensiero geografico contemporaneo; mentre nel secondo si tenta di illustrare come la nozione di paesaggio sia intesa nelle varie normative urbanistiche italiane e straniere e come essa sia impiegata dagli strumenti di pianificazione. Infine nel terzo capitolo si descrivono dapprima le tecniche di analisi paesaggistica quantitativa utilizzate nei

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Paolo Bubici Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4938 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.