Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’economia della felicità

La presente tesi è articolata come segue. Affronteremo il concetto di felicità rapportato all’economia globale e locale ed analizzeremo come le scelte degli individui siano tali da massimizzare la propria utilità. Studieremo la relazione esistente tra ricchezza e felicità: un approfondimento del “paradosso della felicità10” che inizialmente è percepito come un fastidio dagli economisti, alla fine conquisterà gran parte dell’interesse scientifico e culturale. Saranno individuati i fattori determinanti e gli indicatori che misurano il benessere, per terminare con lo studio e le ricerche svolte a livello internazionale. Seguiranno brevi conclusioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 CAPITOLO PRIMO I PRINCIPALI INDICATORI DEL BENESSERE 1.1. PIL Prodotto Interno Lordo Il PIL Prodotto Interno Lordo o GDP in inglese Gross Domestic Product venne realizzato in seguito alla grande crisi nel 1929 dall’economista Kuznets S 1 . Kuznets voleva fosse creato un indice che esprimesse sinteticamente le condizioni di un’intera economia e quindi costruì il PIL quale indicatore che potesse diminuire in periodi di regresso e che potesse invece aumentare in periodi di miglioramento economico, il Prodotto Interno Lordo da quel momento divenne il punto di riferimento per l’economia politica, finanziaria e per il sistema economico in generale 2 . In macroeconomia il PIL, indica il valore della produzione realizzata, quindi il valore totale di beni e servizi prodotti all’interno di un Paese da operatori sia residenti che non residenti, per un periodo di tempo che si riferisce generalmente ad un anno, al netto dei beni e dei servizi utilizzati per realizzare quella produzione (non è quindi considerata la produzione destinata ai consumi di beni e servizi intermedi) ma al lordo dell’ ammortamento (processo di usura del capitale, cioè il procedimento con il quale i costi dei beni utilizzati in più anni si distribuiscono su più esercizi). Il PIL è anche definito “interno” in quanto si riferisce al valore che è stato prodotto all’interno di un paese, senza tener conto della nazionalità. Più in generale il PIL si riferisce alla produzione totale di beni e servizi (aumentata delle imposte e diminuita dei consumi intermedi); al valore 1 Kuznets S., (1901- 1985). Studiò la relazione tra la crescita economica e la distribuzione del reddito. Egli pensava che la crescita fosse necessaria per ridurre le disuguaglianze. Nella curva di Kuznets, da lui elaborata, analizzò le dinamiche intercorrenti tra l’aumento dell’occupazione, della crescita e dei salari. Tuttavia, per quanto artefice dell’invenzione del PIL, fu sempre piuttosto critico nell’atteggiamento di misurare il benessere di una popolazione basandosi sul solo reddito pro-capite. Nobel per l’economia nel 1971. 2 Ignacio Fernando L., Quale dibattito sul PIL? reperibile da: http://www.mi.camcom.it/upload/file/1669/834503/FILENAME/11-LARA.pdf, p.51.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali

Autore: Paola Leoni Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4054 click dal 06/05/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.